Pace a Gerusalemme

I leader religiosi chiedono un immediato ritorno alla pace nella città santa dopo settimane di violenti scontri

Centinaia di palestinesi sono rimasti feriti negli scontri con la polizia israeliana sulla spianata delle Moschee, cominciati stamattina. Gli agenti hanno usato granate assordanti e proiettili di gomma.

L’Autorità nazionale palestinese ha detto che più di 180 palestinesi sono rimasti feriti negli scontri di oggi, 80 dei quali hanno richiesto cure ospedaliere.

Nei violenti scontri avvenuti venerdì e sabato sera sono rimaste ferite oltre 130 persone.

Sua Beatitudine Teofilo III, Patriarca di Gerusalemme, ha invitato «tutti a mantenere la pace e la sicurezza per i fedeli e a consentire la libertà di culto e l’accesso ai luoghi sacri con rispetto e dignità, così come garantito dalle leggi internazionali».

Ha inoltre esortato israeliani e palestinesi a rispettare lo «status legale e storico di Gerusalemme» e la tutela hashemita – la custodia della famiglia reale giordana – sui luoghi sacri islamici e cristiani della città. «Gerusalemme è santa per tre religioni, e i credenti di tutte queste religioni devono essere rispettati e godere della libertà di osservare i loro costumi e tradizioni senza paura o intimidazione», ha detto.

Anche Papa Francesco, durante il discorso domenicale, ha detto: «Prego che la città sia un luogo di incontro e non di scontri violenti, un luogo di preghiera e di pace». Ha chiesto “soluzioni condivise” per preservare l’identità multireligiosa e multiculturale di Gerusalemme. «La violenza genera solo violenza. Basta con gli scontri», ha aggiunto.

Anita Delhaas, capo dell’esecutivo della Comunità internazionale del Santo Sepolcro, ha accusato i gruppi radicali delle violenze.

«Per troppo tempo le ideologie odiose che prendono di mira le minoranze religiose sono state lasciate senza controllo, e il risultato è quello che abbiamo visto di recente a Gerusalemme», ha detto.

«I frequenti attacchi ai luoghi sacri, le minacce e le intimidazioni dei fedeli e il comportamento della folla nelle strade della città riflettono un’allarmante intolleranza verso le altre comunità religiose. Coloro che ricoprono posizioni di autorità devono agire per affrontare questo problema con urgenza e sfidare le ideologie radicali che cercano di cacciare le antiche comunità dalla Terra Santa».

Anche il Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) ha condannato le violenze al complesso della moschea di Al-Aqsa nella notte di venerdì 7 maggio, in cui sarebbero rimaste ferite più di 200 persone. Il segretario generale ad interim, Rev. Ioan Sauca, ha invitato Israele a rispettare lo status quo dei luoghi santi nella Città Vecchia di Gerusalemme nell’interesse della pace e della stabilità. «Chiediamo ia tutti di astenersi da ulteriori violenze e da azioni provocatorie e destabilizzanti».

«A nome della comunità ecumenica mondiale delle chiese, esprimo la nostra profonda angoscia per la difficile situazione delle famiglie palestinesi di Sheikh Jarrah», ha detto Sauca, «e per i disordini e la violenza che ne sono seguiti». La risposta adeguata, ha detto, «non deve essere più violenza, ma compassione e giustizia per il popolo palestinese colpito da questa situazione ingiusta», ha detto.