Io leggo perché….

Dal 19 al 27 ottobre si possono donare libri alle scuole grazie alla campagna promossa dall’Associazione italiana editori: partecipano anche le librerie Claudiana

Cresce la voglia di lettura: all’edizione 2019 di #ioleggoperché (dal 19 al 27 ottobre prossimi), iniziativa promossa dall’Associazione italiana editori, partecipano oltre 15.000 scuole, dall’infanzia al secondo grado, su tutto il territorio nazionale e quasi 2400 librerie. Un’adesione cresciuta del 70% rispetto allo scorso anno, dicono gli organizzatori, con 3 milioni di studenti coinvolti. A testimoniare che la lettura è una buona abitudine fin da piccoli, il fatto che 11.000 delle scuole coinvolte siano dell’infanzia e primarie.

Lo stretto legame tra scuole e librerie caratterizza questo progetto, finalizzato ad arricchire e rinnovare le biblioteche scolastiche con la collaborazione attiva dei cittadini: ognuno può infatti recarsi in una delle librerie aderenti e donare uno o più libri a una delle scuole con cui quella libreria si è gemellata, anche grazie al sostegno di quasi 1.000 “messaggeri” volontari che affiancano i librai. Sono coinvolti anche gli editori, che (si legge nel comunicato stampa) contribuiranno destinando alle biblioteche scolastiche un monte libri pari alla donazione dei cittadini calcolata su base nazionale.

Anche le librerie Claudiana di Torre Pellice, Torino, Milano, Firenze e Roma aderiscono alla campagna, coordinate da Samuele Bernardini, che nell’intervista realizzata in occasione dell’edizione 2016 sottolineava i paradossi per cui la produzione libraria è molto alta, ma nelle case e nelle scuole ci sono sempre meno libri, e ci aveva raccontato i progetti della Claudiana di Milano insieme a diverse scuole.

Anche la libreria di Torino, che partecipa a #ioleggoperché da diversi anni, come ci spiega Sara Platone, «lavora proprio con i ragazzi: la prossima settimana ospiteremo otto classi di vari ordini, che avranno la possibilità di incontrare Carola Benedetto e Luciana Ciliento, autrici di Storie per ragazze e ragazzi che vogliono salvare il mondo. Abbiamo scelto quattro biografie di personaggi che in qualche modo hanno salvato una parte di mondo, o per lo meno cambiato prospettiva, incentrate sul tema ecologico: Wangari Maathai, premio Nobel per la Pace, Greta Thunberg, il fotografo Sebastião Salgado e Tiziano Guardini, che propone moda sostenibile». Ci sarà quindi un laboratorio di lettura e un incontro diretto con le autrici, ma quest’anno la libreria si spinge oltre, continua Sara: «Parteciperemo anche al contest di #Ioleggoperché, organizzando una battle: i ragazzi divisi in due gruppi (ecologisti e consumisti) si sfideranno a colpi di slogan e vedremo chi sarà più convincente!».Il contest serve a partecipare a un concorso per un buono di 1500 euro, che sarà attribuito agli eventi più originali e coinvolgenti e che la scuola potrà investire nell’acquisto dei libri per la sua biblioteca. L’invito della libreria di Torino è: «Seguiteci sui social per gli aggiornamenti e venite in libreria!».

Spostandosi a Roma, anche qui la collaborazione con le scuole è già consolidata, racconta Federica Cane: «La Claudiana partecipa per il quarto anno e già ieri mattina ha accolto le prime due classi, dalla scuola media “Dante Alighieri”, con le quali abbiamo cercato di capire com’è fatto un libro e quali mestieri sono coinvolti. Da oggi, per una settimana la libreria riceverà ogni giorno una classe della scuola materna “Umberto I”; sono bambini che vediamo regolarmente perché lavoriamo con le maestre da tre anni; il nostro lavoro sarà dedicato a Leo Lionni, uno dei grandi illustratori e narratori per ragazzi, scomparso vent’anni fa, e ai suoi bellissimi libri (adatti anche agli adulti!). Con i bambini realizzeremo un piccolo libro legato ad alcune storie di Lionni da cui è stato tratto un filmato». I genitori andranno a prendere i bambini alla libreria, ma questo non sarà l’unico momento di contatto con l’esterno: infatti, continua Federica, «da sabato pomeriggio, a gruppetti di 2-3 i ragazzi che abbiamo ospitato ieri saranno i nostri “messaggeri”, passeranno due ore in libreria cercando di convincere i clienti ad acquistare un libro per la loro biblioteca scolastica! Un’esperienza già abbozzata lo scorso anno, che abbiamo reso più sistematica, sarà anche un modo per capire che cosa amano leggere i ragazzi di 12-13 anni!».

L’iniziativa è anche un modo per fare conoscere i libri dell’editrice Claudiana, come testimonia Pasquale Iacobino, di Firenze: #Ioleggoperché è infatti «l’occasione per far arrivare alle scuole libri per bambini e ragazzi su tematiche legate alla pace, la giustizia e la salvaguardia del creato e i titoli su questi temi nel catalogo Claudiana non ci mancano. La libreria di Firenze è gemellata con 4 scuole. Suggerirò libri su temi sui quali i più giovani si stanno interrogando, come Disegni dalla Frontiera oppureCambiamento climatico (entrambi Claudiana) per i più grandi, oppure, da editori diversi, la figura di Martin Luther King raccontata ai più piccoli, così come Nonno Terremoto: un bambino nel 1938».

La campagna è organizzata e promossa dall’Associazione Italiana Editori (Aie) in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur), con l’Associazione Librai Italiani (Ali) e il Sindacato Librai e Cartolibrai (Sil), l’Associazione Italiana Biblioteche (Aib), il Centro per il Libro e la Lettura, Confindustria – Gruppo Tecnico Cultura e Sviluppo, con il supporto della Società Italiana degli Autori ed Editori (Siae). 

Il progetto vanta anche il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i Beni e per le Attività culturali e per il Turismo (Mibact) e, per la prima volta, della Banca d’Italia.

Aderiscono, oltre alle librerie indipendenti di Ali e Sil: Ancora, LaFeltrinelli, Giuntialpunto, Libraccio, Librerie Claudiana, Librerie Coop, MondadoriStore, Paoline, San Paolo, Touring Club Italiano, Ubik. Per saperne di più: www.ioleggoperche.it

 

Interesse geografico: