Lo scandalo delle deportazioni di migranti negli Stati Uniti: le risposte delle chiese

La Chiesa unita di Cristo e varie chiese battiste locali si organizzano per far fronte agli spostamenti coatti che i governatori degli Stati del Sud impongono alle persone migranti verso Washington e altre grandi città

A pochi passi dal Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, tre autobus pieni di 140 richiedenti asilo sono arrivati alla Union Station alle 6 del mattino. Per questi migranti, il viaggio di 30 ore dal confine con il Texas si conclude quando vengono accolti da una rete di volontari con sede a Washington. Ma dietro le quinte infuria un acceso dibattito politico su una questione centrale: Chi è responsabile per loro adesso?

Da aprile, il governatore del Texas Greg Abbott e il governatore dell'Arizona Doug Ducey, entrambi repubblicani, hanno trasportato migliaia di migranti nelle città santuario di Washington e New York. La mossa politicamente motivata arriva in risposta all'impegno del presidente Joe Biden del 2022 di revocare il Titolo 42, un ordine dell'era della pandemia che consente ai funzionari di frontiera degli Stati Uniti di espellere rapidamente i richiedenti asilo per motivi di salute pubblica senza un processo legale.

Ora i sindaci liberali delle grandi città, i governatori conservatori degli Stati di confine e l'amministrazione Biden si scontrano su come fornire aiuti ai migranti che hanno necessità di base all'arrivo, come alloggio e cibo.

Il sindaco democratico di Washington, Muriel Bowser, ha chiesto formalmente per due volte che la Guardia Nazionale aiuti a far fronte a quella che definisce una «crisi umanitaria» nella capitale della nazione. «Dobbiamo assicurarci che ci sia una risposta nazionale, non una risposta ad hoc, città per città, Stato per Stato», ha detto Bowser durante una conferenza stampa.

Il Dipartimento della Difesa ha negato la richiesta di Bowser affermando in una lettera ottenuta da che «al momento esistono fondi sufficienti per fornire assistenza ai migranti».

Amy Fisher, volontaria della Migrant Solidarity Mutual Aid Network, afferma che il governo locale e federale sta «sfruttando» i volontari non fornendo le risorse necessarie ai migranti.

«Mentre il sindaco Bowser punta il dito contro l'amministrazione Biden e l'amministrazione Biden punta il dito contro il sindaco Bowser, io compro la spesa per la mia famiglia e la compro per le persone che stanno facendo la loro vita qui», dice Fisher, che settimanalmente aiuta a mettere in contatto i migranti con le risorse.

Le pressioni di Abbott sull'amministrazione Biden per politiche di frontiera più rigide continuano, mentre accelera il suo piano per inviare più migranti nelle città santuario.

«Il governo federale ha negato la seconda richiesta di aiuto del sindaco Bowser perché nega la realtà della crisi di confine di Biden. Washington sta vivendo una frazione di quello che il Texas affronta ogni giorno», ha twittato Abbott.

«I pullman di migranti provenienti dal confine con gli Stati Uniti potrebbero arrivare in una città vicina a voi. E i nuovi arrivati avranno bisogno dell'aiuto delle chiese locali», dicono i leader della United Church of Christ (Ucc), la Chiesa unita di Cristo.

La pastora Irene Willis Hassan, fra le referenti per i servizi ai rifugiati e alle migrazioni, esorta le comunità a preparare gli aiuti umanitari. I trasferimenti in autobus sono iniziati questa primavera come dichiarazione politica da parte di alcuni governatori statali per mostrare il loro disappunto nei confronti della politica di confine degli Stati Uniti, trasferendo i migranti in "città santuario" come Washington, D.C., New York e Chicago. Questi trasferimenti continueranno - e aumenteranno, secondo Willis Hassan.

I membri dell'Ucc, le congregazioni e altre entità stanno già contribuendo ad accogliere questi "migranti in autobus". Soprattutto, stanno trovando il modo di aiutarli a iniziare la fase successiva del loro viaggio.

Tuttavia, è e sarà necessario un ulteriore aiuto. «Gli autobus arriveranno in molte altre città», ha detto Willis Hassan, e porteranno persone che avranno bisogno di servizi a lungo termine. Sebbene le congregazioni possano offrire un'assistenza vitale, Hassan ha sottolineato che devono chiedere ai governi locali di farsi avanti.

«È chiaro che la Chiesa non può gestire da sola migliaia di migranti con una vasta gamma di bisogni», ha detto. «Purtroppo, poiché la situazione è così politicamente carica, i governi a tutti i livelli - cittadino, statale e federale - rispondono male o non rispondono affatto. Pur mettendo a disposizione le risorse che siamo in grado di fornire, è fondamentale in questo momento chiedere alle organizzazioni governative di collaborare per rendere la situazione gestibile per la comunità».

Gruppi religiosi locali e altre organizzazioni non profit stanno collaborando all'iniziativa.

«In collaborazione con una rete di comunità religiose locali che si organizzano per sostenere la dignità delle famiglie di immigrati, abbiamo partecipato all'azione di advocacy e ora raccoglieremo scarpe per gli immigrati che arrivano nella capitale della nazione», ha detto la pstora Amanda Hendler-Voss, della First Congregational Ucc nel centro di Washington, «È un modo piccolo ma significativo di partecipare al lavoro».

All'inizio di agosto, New York è diventata la seconda città a iniziare a ricevere autobus di migranti. Willis Hassan ha evidenziato un gruppo chiamato Team TLC NYC che si occupa di sostenere gli arrivi.

Questa organizzazione viene informata quando gli autobus si dirigono a New York. Il Team avvisa poi i contatti locali, tra cui alcuni membri della Riverside Church, affiliata all'Ucc e alle Chiese battiste americane.

Il team di accoglienza comprende anche l'Ufficio del Sindaco per gli Affari degli Immigrati, la Coalizione per l'Immigrazione di New York, Make the Road New York e diversi ristoratori che forniscono pranzi al sacco.

Chicago è l'ultima città a ricevere gli arrivi dei migranti in autobus. Il pastore Roger Dart, coordinatore della Conferenza dell'Ucc dell'Illinois per le mergenze, si sta rivolgendo ad altre organizzazioni di volontariato per aiutare l'accoglienza dei migranti.

«Credo che il problema più grande sia la politica. Nessun gruppo governativo sta prendendo l'iniziativa», ha commentato. «Non abbiamo ancora un modello che funzioni in modo appropriato».

«Se vi dichiarate città rifugio, dovete prepararvi a esserlo», ha aggiunto Willis Hassan. Ha incoraggiato le città che ricevono i migranti a «porgere l'altra guancia: In questo caso, ringraziate i governatori che inviano i migranti: “Accetteremo questa sfida e la trasformeremo in bellezza”».

Questi migranti non sono immigrati illegali. Sono richiedenti asilo che sono stati processati per l'ingresso negli Stati Uniti e hanno documenti e date del tribunale.

Interesse geografico: