Leader buddista del Bhutan ordina 144 donne monache, riprendendo un'antica tradizione

Un passo importante verso la fine della disuguaglianza istituzionalizzata tra uomini e donne nel buddismo tibetano

il Je Khenpo, l'alta autorità buddista del Bhutan, ha iniziato a ordinare un gruppo di 144 donne come bhikshuni, monache donne, nel monastero di Ramthangkha, nel piccolo Paese himalayano.

La cerimonia «è di importanza storica per tutte le donne del buddismo e porta il buddismo tibetano nel XXI secolo», ha dichiarato la bhikshuni Jampa Tsedroen, autrice tibetana-tedesca. «Per queste monache è un'opportunità importante per dimostrare le loro capacità di contribuire al buddismo». 

Molte delle nuove bhikshuni sono bhutanesi, ma alcune sono arrivate in Bhutan da altri Paesi dell'Asia. La notizia, confermata da Damcho Diana Finnegan, monaca buddista ordinata e cofondatrice della Dharmadatta Nun's Community in Virginia, è stata pubblicata su Facebook sulla pagina dell'organismo monastico centrale del Bhutan. 

Interpellata sulla cerimonia, la Finnegan l'ha definita un «passo importante verso la fine della disuguaglianza istituzionalizzata tra uomini e donne nel buddismo tibetano».

La cerimonia è il culmine di un movimento pluridecennale per la piena ordinazione delle donne nel lignaggio tibetano, percorso che ha affrontato una forte resistenza da parte di monaci, studiosi e leader politici di alto livello in tutta l'Asia. Il movimento delle bhikshuni ha preso piede negli ultimi anni, in quanto le donne di tutto il mondo hanno cercato di ripristinare una pratica di ordinazione femminile istituita, a loro dire, dal Buddha stesso, ma che fino ad oggi è lentamente scomparsa da gran parte del mondo buddista. 

Dopo la morte del Buddha, le donne monaco erano comunemente considerate uno degli elementi chiave della comunità buddista ideale a quattro punte, composta da uomini laici, donne laiche, monaci maschi e monaci femmine. Tuttavia, nel corso del tempo, guerre, carestie e malattie hanno portato via le vite delle bhikshuni in tutto il Sud-Est asiatico e in Tibet. 

Le donne hanno continuato a vivere una vita ascetica come monache, ma non hanno potuto compiere il passo successivo verso la piena ordinazione. Ufficialmente il loro status era frenato dalle regole del codice monastico che richiedevano alle bhikshuni di essere ordinate da altre bhikshuni, che non esistevano.

Per rompere questo vincolo, alcune donne hanno intrapreso altre strade per raggiungere la piena ordinazione. Nel 1996, un gruppo di monache dello Sri Lanka è stato ordinato con l'aiuto di bhikshuni coreane del lignaggio Mahayana, che non è mai stato rotto. Da allora, centinaia di bhikshuni sono state ordinate in Sri Lanka, in quella che Tsedroen descrive come una «cerimonia ecumenica», che ha essenzialmente rivitalizzato la popolazione. Ma in Bhutan, un manipolo di monaci ha preso in mano l'ordinazione di monache senza la presenza di bhikshuni. In genere, questa cerimonia viene concessa solo a un piccolo numero di donne, e mai nella misura in cui si è vista martedì. Secondo Finnegan, un'ordinazione così grande garantisce un sangha, o comunità di bhikshuni, che persisterà nel futuro. 

«Tutti gli altri lignaggi del buddismo hanno avuto sangha di donne pienamente ordinate come monaci. Questa è la prima volta che alle donne buddiste tibetane viene data questa opportunità». 

L'attuale Dalai Lama incoraggia da tempo i voti di ordinazione delle bhikshuni e Bhikkhu Bodhi, monaco di spicco del lignaggio Theravada, praticato in tutta l'India e nel Sud-Est asiatico, ha fatto appello alla sua legione di sostenitori per sostenere il movimento delle bhikshuni. L'influente studioso-monaco tibetano Ghesce Lharampa Bhikshu Rinchen Ngudrup, dopo anni di ricerche, nel 2007 ha a sua volta presentato un'argomentazione forte a favore dell'ordinazione delle bhikshuni durante un discorso al primo Congresso internazionale sul ruolo delle donne buddiste nel Sangha.

Inoltre, i laici di tutta l'Asia hanno richiamato l'attenzione sull'eccellente comportamento delle monache rispetto ai leader religiosi maschi. Gli scandali, come la frode al tempio Wat Dhammakaya in Thailandia e l'aumento delle accuse di violenza sessuale contro i lama tibetani, hanno scosso le comunità buddiste di tutto il mondo.

La giornalista thailandese Sanitsuda Ekachai ha richiamato l'attenzione su questa dicotomia nel suo libro "Keeping the Faith: Thai Buddhism at the Crossroads", incoraggiando i laici a riflettere sul futuro dell'ordine monastico e su come le donne monaco potrebbero migliorarlo.

«Questa storica cerimonia di ordinazione potrebbe creare ulteriori pressioni su altre comunità buddiste in diversi Paesi per rendere possibile l'ordinazione completa delle monache all'interno del buddismo tibetano», ha dichiarato Susanne Mrozik, professoressa associata di religione al Mount Holyoke College. 

 

Foto di Vikramjit KAkati

 

 

Interesse geografico: