In Francia 1.400 atti classificati come “antireligiosi” nel 2021

Lo ha ricordato il presidente Macron durante il tradizionale incontro di inizio anno con i rappresentanti delle religioni

Dal gennaio 2021 in Francia sono stati registrati ben 1.400 atti classificati come “antireligiosi”. È il dato che Emmanuel Macron ha ricordato durante il suo incontro, mercoledì 5 gennaio, con le autorità religiose del Paese, tradizionale appuntamento fra il vertice politico transalpino e i rappresentanti di tutte le religioni riconosciute su suolo francese, consuetudine che sarebbe forse bello vedere alle nostre latitudini, quale segnale di rispetto e considerazione verso tutto lo spettro della presenza religiosa.

Vandalismo, profanazione, insulti, queste azioni sono in calo del 17% rispetto all'anno precedente. Nonostante questa diminuzione, l'argomento rimane nella mente del capo dello Stato che ha tenuto un discorso ai rappresentanti delle religioni, sia cattolici che ebrei, musulmani, protestanti, ortodossi e buddisti, tutti riuniti all'Eliseo. Erano presenti anche il primo ministro Jean Castex e Gérald Darmanin, ministro dell'Interno.

«Ha sottolineato di essere vigile contro tutto ciò che potrebbe rappresentare incitamento all'odio», ha affermato François Clavairoly, presidente della Federazione protestante di Francia (Fpf), intervistato da Agence France-Presse. «Ha specificato che ogni religione si incontrerà nelle prossime settimane con i due deputati responsabili di una missione sugli atti antireligiosi, Ludovic Mendes (LREM) e Isabelle Florennes (MoDem)».

«Ha ringraziato le religioni per la loro mobilitazione dall'inizio della crisi del Covid, per la loro capacità di offrire legami, in tempi di lutto, isolamento, ecc.», ha riferito Hugues de Woillemont, segretario generale della Conferenza episcopale di Francia (Cef). Alla Chiesa cattolica sono andati i ringraziamenti anche per aver messo in atto la commissione indipendente che ha indagato la piaga degli abusi sessuali nella curia francese, rivelando un drammatico quadro di abusi e violenze.

Emmanuel Macron ha anche confermato la creazione di un Forum dell'islam di Francia, una forma di rappresentanza dell'Islam basata su attori dipartimentali e non più sotto la supervisione di federazioni di moschee affiliate ai paesi di origine. «Si tratta di cambiare i corpi attuali. Questa riforma comporta una revisione del Cfcm» (Consiglio francese del culto musulmano), ha affermato Mohammed Moussaoui, presidente di questo organismo, che è stato fino a poco tempo l'interlocutore storico delle autorità pubbliche. «L'idea è di avere organi rappresentativi dei dipartimenti, questa è la mia posizione di lunga data, per cui sono contento», ha aggiunto.

Secondo i partecipanti, la questione delle elezioni presidenziali non è stata sollevata. La Conferenza espiscopale pubblicherà il prossimo 18 gennaio un testo in cui ricorderà «i suoi punti di attenzione per le elezioni». La Federazione protestante di Francia pubblicherà il 1° febbraio un «discorso ai candidati» con dieci importanti interrogativi da sottoporre ai candidati (accoglienza dei profughi, istruzione, povertà, razzismo, laicità, ecc.).

Interesse geografico: