Haiti. Rilasciati gli ultimi 12 ostaggi missionari

La notizia è stata data dall’organizzazione missionaria Christian Aid Ministries, attiva in decine di paesi

Dopo mesi di preghiera e digiuno da parte di anabattisti e altri sostenitori cristiani in tutto il mondo, anche gli ultimi 12 missionari tenuti in ostaggio ad Haiti da mesi sono stati rilasciati il 20 dicembre scorso.

«Tutti i diciassette nostri cari sono ora al sicuro. Grazie per le vostre ferventi preghiere durante gli ultimi due mesi», ha affermato il Christian Aid Ministries (CAM), l’organizzazione missionaria con sede in Ohio, attiva in decine di paesi.

A Port-au-Prince, il portavoce della polizia haitiana Gary Desrosiers ha confermato all’Associated Press (AP) il rilascio degli ostaggi, ma non ha fornito ulteriori dettagli. Non è chiaro se sia stato pagato un riscatto o quali sforzi abbiano portato alla libertà degli ostaggi.

Un convoglio di almeno una dozzina di veicoli, tra cui SUV dell’ambasciata americana e della polizia nazionale haitiana, ha portato i missionari all’aeroporto di Port-au-Prince dagli uffici del gruppo missionario a Titanyen, a nord di Port-au-Prince.

Il gruppo di 12 adulti e cinque bambini, tra cui un bambino di 8 mesi, era stato rapito a ottobre dalla famigerata banda armata haitiana chiamata «400 Mawozo», che aveva chiesto un milione di dollari di riscatto e minacciato di uccidere tutti i missionari.

I primi due ostaggi sono stati rilasciati il ​​21 novembre e altri tre il 5 dicembre.

La notizia del rilascio degli ultimi ostaggi si è diffusa rapidamente a Berlino nella contea di Holmes, in Ohio, cuore degli Amish. Le radici dell’organizzazione risalgono agli anni ‘80, quando iniziò a lavorare nella Romania allora comunista. Da allora l’organizzazione è cresciuta in tutto il mondo, ma è stata particolarmente attiva ad Haiti. Il lavoro del Christian Aid Ministries in quel paese spazia dalla fondazione di chiese e dalla fornitura di cibo, materiale scolastico e altri materiali ai bisognosi, ai soccorsi in caso di calamità.

Luke Perkins, assistente del presidente del Seminario teologico evangelico di Port-au-Prince, ha dichiarato di non essere sorpreso che gli ostaggi siano stati rilasciati. «Sarei stato molto sorpreso se fossero rimasti feriti», ha detto a Christianity Today. «Gli haitiani sono sempre stati molto generosi nell’ospitalità verso gli americani. È un allontanamento dalla consuetudine, questo rapimento».

«La mia preghiera sincera è che [il rilascio dei missionari] porti ad un cambiamento ad Haiti, che si faccia qualcosa per affrontare l’impunità di cui hanno goduto i rapitori», ha detto Perkins. «Gli haitiani vivono da tempo sotto una nuvola di paura: il rapimento di questi americani ha peggiorato le cose».

Edner Jeanty, direttore esecutivo del Barnabas Christian Leadership Center di Port-au-Prince, ha accolto con gioia la buona notizia ma ha espresso preoccupazione per il fatto che ancora troppi sono i rischi affrontati dai cristiani ad Haiti.

«Non sappiamo con certezza se i soldi siano stati dati. Ma sappiamo che la banda 400 Mawozo è ancora viva e vegeta», ha dichiarato Jeanty. «Se il governo americano ha avuto un certo peso nel rilascio dei nordamericani, non ha aiutato il popolo haitiano a sbarazzarsi dei rapitori».

«È importante ricordare che i fratelli e le sorelle haitiani vengono rapiti regolarmente. Occorrono maggiori investimenti nella creazione di posti di lavoro per i giovani locali, al fine di cambiare le dinamiche di paura, lotta e speranza ad Haiti».

Tags:

Interesse geografico: