Chiesa valdese in Sud America e la risposta positiva alla campagna vaccinale

Intervista a Verónica Biech della Chiesa valdese di Buenos Aires: «Buono il livello di vaccinazione, nelle nostre chiese nessuno chiede altro»

L’American Waldensian Society nasce nel 1906 a New York dalla volontà di mettere in rete i gruppi di interesse, i fedeli valdesi giunti negli Stati Uniti attraverso le migrazioni a partire dalla metà del XIX secolo. L’intento è ancor più quello di raccogliere fondi su suolo americano per sostenere la vita e le attività della Chiesa valdese in Italia e nel mondo.

Sul consueto bollettino edito dai membri dell’American Waldensian Society viene pubblicata l’intervista qui di seguito riprodotta a Verónica Biech della Chiesa valdese argentina, da Buenos Aires.

Verónica, qual è esattamente il tuo lavoro nella Chiesa Evangelica Valdese nel Rio de la Plata?

Sono responsabile del dipartimento delle comunicazioni della nostra chiesa. Il nostro obiettivo è, in primo luogo, consolidare il processo di creazione di una politica di comunicazione istituzionale; in secondo luogo, coordinare la comunicazione della Chiesa verso la società e il campo ecumenico; e, infine, promuovere la riflessione teologica che includa l'impatto delle attuali tecniche di comunicazione.

Raccontaci, per favore, come stanno vivendo l'Uruguay e l'Argentina con COVID in questo momento.

Molte persone hanno ricevuto la seconda dose del vaccino. Molti bambini tra i 3 e gli 11 anni iniziano a prendere la prima dose del vaccino Sinopharm. Di conseguenza, possiamo essere più rilassati ora rispetto a qualche mese fa. Stiamo di nuovo facendo attività nelle chiese, in particolare all'aperto, o in grandi stanze con le finestre aperte.

Negli Stati Uniti ci sono molte persone che non vogliono fare il vaccino. È così anche in Uruguay e in Argentina?

In Uruguay c'è un piccolo gruppo di persone, nessuna delle quali, per quanto ne so, valdese, che si oppone al vaccino. In Argentina quasi tutti vogliono fare il vaccino. Anche i bambini dai 5 ai 18 anni vengono vaccinati. Semplicemente non abbiamo persone che non vogliono che i loro figli vengano vaccinati. Ne siamo felici in chiesa perché vogliamo che i bambini e gli adulti siano al sicuro.

Conosci qualcuno che è morto di COVID?

Una cara amica, una donna di 30 anni, è morta di COVID. Faceva parte di un gruppo di giovani con cui lavoravo nella mia chiesa locale. Aveva lavorato in una casa di riposo che, fino a quando tutti non si sono vaccinati, è stato un importante vettore di infezione. Conosco molte altre persone, per lo più genitori di amici, che sono morte di COVID.

Puoi dirci qualcosa di più sulla prevalenza di COVID in Uruguay e Argentina?

Abbiamo avuto qualche caso della variante Delta, ma in questo momento sta succedendo ben poco perché la Gamma è ancora quella predominante nei casi di coronavirus che si registrano attualmente. In Argentina la gente va al lavoro e a scuola e molti di loro viaggiano con i mezzi pubblici. Al momento, non ci sono restrizioni o limitazioni legate al COVID in Argentina. È come se non ci fosse pandemia. Tuttavia, molti di noi sono molto preoccupati per questa idea di pensare che la pandemia sia quasi finita e ci prendiamo ancora cura perché siamo consapevoli che il numero di morti per COVID-19 ha raggiunto quota 115.379 dall'inizio della pandemia nel nostro paese.

Pensi che sia saggio che l'Argentina abbia smesso di chiedere alla gente di prendere precauzioni?

Non lo so. In molti luoghi non è obbligatorio indossare la mascherina quando si è all'aperto. Ma la maggior parte delle persone qui a Buenos Aires indossa ancora una maschera quando fa la spesa o si trova sui mezzi pubblici. La linea di fondo è che la nostra gente è stata molto responsabile nell'affrontare il COVID, in particolare nelle nostre grandi città come Buenos Aires.

Il prossimo sinodo della Chiesa evangelica valdese nel Río de la Plata si terrà di persona?

La Mesa, l'organo esecutivo della nostra chiesa, ha appena comunicato che la prossima riunione sinodale si terrà di persona dal 5 al 9 febbraio, nel Parque 17 de Febrero, in Uruguay.

Ecco forse una domanda più profonda. Cosa hai imparato dal COVID? Cosa ti ha insegnato il COVID?

Ho imparato a valutare di più il tempo in famiglia e con gli amici intimi. Ho imparato a dare un valore maggiore alla natura e agli spazi aperti. Forse è difficile da capire, ma ho imparato che voglio prendermi cura della natura in modo più attivo. In un certo senso, è stato molto difficile superare il COVID. Il lockdown ha rafforzato molti rapporti perché le coppie e le famiglie hanno dovuto trascorrere tanto tempo insieme. Conosco anche persone che hanno vissuto esattamente il contrario. Molti giovani hanno sviluppato sintomi psichiatrici durante il lockdown. Ci siamo sentiti molto fortunati che nessuno nella nostra famiglia abbia preso il COVID.

Cos'altro vorresti dire su come hai vissuto il COVID?

Il COVID è stato ed è tuttora un'esperienza difficile per il mondo intero. È un'esperienza che ci tiene svegli al nostro bisogno di prendersi cura dell'ambiente. Per molti di noi, il COVID ha cambiato alcuni dei nostri obiettivi personali e sociali. Abbiamo molti poveri in Argentina. Il Covid ha peggiorato la loro situazione. Quindi oggi siamo di fronte a molti problemi, ma il più grave è la situazione economica.

 

Foto: il tempio valdese di Buenos Aires

Interesse geografico: