Violenze al confine tra Usa e Messico

L’Acnur e la Naacp hanno criticato duramente l’amministrazione Biden per le violenze compiute dagli agenti della polizia di frontiera contro i migranti haitiani

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) e l’Associazione nazionale per l’avanzamento delle persone di colore (Naacp) hanno condannato con forza la gestione dell’amministrazione Biden dei migranti haitiani in cerca di asilo negli Stati Uniti.

Nelle ultime tre settimane più di 15.000 migranti haitiani hanno attraversato illegalmente il Rio Grande da Ciudad Acuña, in Messico, a Del Rio, in Texas, creando una crisi migratoria al confine tra i due stati. Le recenti immagini dei migranti malmenati e presi al laccio degli agenti della polizia di frontiera degli Stati Uniti hanno indignato l’opinione pubblica.

Da quando il numero di migranti è salito a oltre 15.000, l’amministrazione Biden ha iniziato una  serie di rimpatri di massa per scoraggiare future migrazioni. L’espulsione dei migranti arriva un mese dopo che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso un avviso di non viaggiare ad Haiti «a causa di rapimenti, criminalità, disordini civili e Covid-19» e due mesi dopo l’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moïse.

In una dichiarazione rilasciata martedì 21 settembre, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi, si è detto scioccato dalle condizioni deplorevoli dei migranti haitiani radunati sotto il cavalcavia dell’autostrada in cemento a Del Rio e ha esortato il Governo degli Stati Uniti a revocare le restrizioni del Titolo 42 entrate in vigore nel marzo 2020 quando è scoppiata la pandemia di Coronavirus. Il Titolo 42 è un ordine dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie volto a rallentare la diffusione di Covid-19, che consente al Governo di negare l’ingresso alle persone che entrano nel paese senza autorizzazione.

«Ribadisco la richiesta dell’UNHCR al Governo degli Stati Uniti di revocare immediatamente e completamente le restrizioni del Titolo 42 che continuano a negare alla maggior parte delle persone che arrivano al confine terrestre sudoccidentale degli Stati Uniti qualsiasi opportunità di richiedere asilo», ha dichiarato Grandi.

Il presidente e amministratore delegato della NAACP Derrick Johnson ha definito la risposta del Governo degli Stati Uniti alla crisi dei migranti haitiani «assolutamente disgustosa e disumana».

«Nessuna persona che fugge dalla povertà e dalla fame dovrebbe essere trattata in questo modo. Per troppo tempo la comunità haitiana ha subito maltrattamenti da parte della nostra nazione. L’amministrazione deve concedere lo status di protezione temporanea (TPS) a coloro che cercano rifugio», ha affermato Johnson in una nota. «Le azioni della US Border Patrol sono deplorevoli e dovrebbero essere indagate e rimproverate. Il nostro Paese afferma di essere migliore di questo: dobbiamo dimostrarlo».

In risposta alle accuse secondo cui gli agenti della polizia di frontiera hanno usato la forza contro i migranti haitiani, Brandon Judd, capo del National Border Patrol Council, ha criticato aspramente l’amministrazione Biden in una intervista a The Epoch Times.

«Loro [gli agenti della polizia di frontiera] sono stati abbandonati dall’amministrazione. I miei agenti mi contattano costantemente chiedendomi: “Perché questa amministrazione non si alza e non fa qualcosa per proteggere il confine? Perché questa amministrazione consente ai cartelli di avere libero sfogo al confine? Perché questa amministrazione [non sta facendo nulla] mentre aveva detto che avrebbe adottato politiche di immigrazione umane? Non lo so. Sembra un campo profughi in una zona di guerra – ha proseguito il capo della Polizia di Frontiera –. E se qualcuno dice che questo è umano, mi piacerebbe che venisse a spiegarmi come tutto questo, sia umano».

La vicepresidente Usa Kamala Harris, commentando le immagini dei migranti haitiani bloccati al confine con violenza dagli agenti di frontiera, le ha definite “orribili”. «L’aver visto quegli individui a cavallo che trattavano degli esseri umani in quel modo, è orribile. Sostengo pienamente che ciò che sta accadendo in questo momento sarà oggetto di un’indagine approfondita», ha detto K. Harris ai giornalisti martedì. «Gli esseri umani non dovrebbero mai essere trattati in quel modo e ne sono profondamente preoccupata».

Interesse geografico: