I primi 75 anni della Casa editrice Eva

Nata per favorire un dialogo vivo tra la teologia, la chiesa e la società

La Federazione luterana mondiale (Flm) si è congratulata con l’Evangelische Verlagsanstalt (Eva), con sede a Lipsia, in Germania, per il suo 75° anniversario di attività.

Nella lettera all’Eva, la Flm ha ricordato la lunga e proficua cooperazione intercorsa nella produzione di numerose pubblicazioni.

«Siamo orgogliosi della partnership editoriale tra l’Eva e la Flm», ha ribadito Arni Danielsson, responsabile delle comunicazioni presso la Flm, nella lettera inviata alla casa editrice in questa occasione.

«È nostra convinzione – si legge –  che le pubblicazioni abbiano contribuito all’obiettivo di promuovere un dialogo vivo tra la teologia, la chiesa e la società, non solo in Germania ma in tutto il mondo».

Nel suo 75° anniversario, è emersa anche la turbolenta storia della Casa editrice.

«Dopo la Seconda guerra mondiale – si legge ancora sul sito online del Cec –, agli editori privati ​​nella zona di occupazione sovietica non fu più concessa la licenza per la produzione di libri, poiché l’ideologia comunista non consentiva la proprietà privata e generalmente poneva le pubblicazioni sotto “riserva sociopolitica”. Tuttavia, i bisogni della popolazione cristiana dovevano essere soddisfatti, motivo per cui l’amministrazione militare sovietica iniziò dei negoziati con la leadership della chiesa nella Germania orientale. L’obiettivo era determinare che vi fosse una Casa editrice protestante centrale. Così, nel maggio 1946, fu fondata l’Eva con sede a Berlino. Dopo la rivoluzione pacifica del 1989, l’unica casa editrice protestante della Repubblica Democratica Tedesca (Rdt) dovette dunque riorganizzarsi completamente».

L’amministratore delegato dell’Eva, Sebastian Knöfel, ha ricordato in un recente incontro celebrativo anche che, l’Eva «dovette affrontare una situazione completamente nuova. La difficoltà più grande nell’era della Ddr era procurarsi la carta; la Casa editrice doveva fare i conti con una riorganizzazione economica per via delle mutate condizioni di mercato. Dovette far fronte a significativi tagli alle attività editoriali, per via delle vendite in continuo calo per via della concorrenza da parte delle case editrici protestanti presenti nella Germania occidentale e per via della chiusura della sede di Berlino. Sfide che furono tuttavia superate, seppur con grandi sforzi».

Oggi, l’Eva è tra gli editori di testi teologici «la Casa editrice più tecnologicamente avanzata, con il maggior numero di titoli e la più alta diffusione sia in Germania sia a livello internazionale», ha concluso Knöfel.

Il catalogo include piccole edizioni di libri specializzati e edizioni ad ampia diffusione di narrativa. Oltre alla letteratura teologica specializzata, sono disponibili anche diversi titoli per la pratica pastorale, teologia pratica.

Eva, ha celebrato il suo anniversario lo scorso 2 settembre con un evento nella chiesa di San Tommaso di Lipsia. Il vescovo della Chiesa evangelica della Germania centrale, Friedrich Kramer, ha guidato la cerimonia.

Interesse geografico: