L'Afghanistan chiede all'Europa di fermare i rimpatri di propri cittadini

La crisi politica e militare, l'abbandono delle forze militari straniere hanno ridato piena forza ai talebani e il governo di Kabul chiede di fermare i rimpatri nel Paese, ma la Germania dice no

Il governo afghano ha chiesto ai Paesi europei di sospendere per tre mesi i rimpatri a causa della situazione instabile nel Paese. Mentre la Germania afferma che attualmente non ha intenzione di interrompere l'espulsione dei richiedenti asilo verso l’Afghanistan, la Finlandia ha annunciato invece una sospensione temporanea.

Il governo tedesco non ha intenzione di sospendere le deportazioni in Afghanistan. «Coloro che non ottengono il diritto di soggiorno in Germania dovrebbero lasciare di nuovo il nostro Paese», ha detto lunedì a Berlino il portavoce del governo Steffen Seibert. Le decisioni sull'espulsione continuano ad essere prese «sulla base di un'osservazione costantemente aggiornata e molto attenta della situazione» nei paesi di origine, ha affermato.

Il ministero degli Esteri tedesco ha annunciato che questo mese sarà pubblicato un nuovo rapporto sulla situazione della sicurezza in Afghanistan. Seibert ha aggiunto che il governo deciderà come procedere sulla base di questo rapporto.

Il governo afghano aveva invitato gli Stati europei a sospendere le deportazioni in Afghanistan per i prossimi tre mesi. «L'escalation di violenza da parte del gruppo terroristico talebano nel paese e la diffusione della terza ondata di Covid-19 hanno causato una grande quantità di disordini economici e sociali, creando preoccupazioni e angosce alla popolazione». Quanto sia drammatica la situazione nel Paese medio orientale, con il rischio di un'escalation ancora paggiore rispetto ad anni fa, lo racconta molto bene il giornalista Basir Ahang sul sito Gariwo- La Foresta dei Giusti: «Stiamo andando verso un’altra guerra, ma questa volta non sarà come quelle di prima. I talebani sono più aggressivi. In questi giorni vedo che sono molto attivi anche sui social media, con messaggi di odio verso le minoranze e in particolare gli hazara. Ci dicono che ora che gli americani sono andati via dovremo rispondere del nostro “tradimento”. Purtroppo questo linguaggio non appartiene solo ai talebani locali ma anche a persone che hanno studiato e vivono all’estero».

Il governo tedesco ha detto che prenderà in considerazione la richiesta dell'Afghanistan, ma prevede di discutere prima con i suoi partner europei. Secondo un portavoce, il ministero degli interni tedesco intende cercare colloqui con il governo afghano sulla questione «in un futuro molto prossimo».

La situazione della sicurezza in Afghanistan è peggiorata da quando le truppe internazionali hanno iniziato il ritiro dal Paese alla fine di aprile. Gli osservatori avvertono che i talebani potrebbero riprendere il potere una volta completato il ritiro. In alcune zone i talebani stanno incontrando poca resistenza nella loro avanzata e i loro portavoce affermano di aver già conquistato l'85% del Paese e di controllare 250 dei quasi 400 distretti regionali, affermazioni respinte dal governo di Kabul. In vista del peggioramento della situazione della sicurezza in Afghanistan, la Finlandia ha scelto invece di sospendere i rimpatri nel Paese per ora. Il servizio di immigrazione finlandese ha annunciato lunedì che l'«emissione di avvisi negativi» per i cittadini afgani è stata sospesa.

Un portavoce del servizio immigrazione finlandese ha dichiarato al quotidiano Iltalehti che la sospensione delle espulsioni non significa che le persone colpite riceveranno automaticamente permessi di soggiorno permanenti, ma che le decisioni sulle loro domande saranno rinviate.

Secondo i dati, oltre il 70% delle domande di asilo degli afgani in Finlandia viene accolto.

Ci sono stati quasi 2,5 milioni di rifugiati registrati dall'Afghanistan nel 2018 - la seconda più grande popolazione di rifugiati al mondo, secondo l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR. La stragrande maggioranza si trova nel vicino Pakistan, seguito dall'Iran e dall'Europa.

Più di 570 rifugiati afgani sono tornati volontariamente nel paese tra gennaio e marzo di quest'anno con l'assistenza delle Nazioni Unite, ma solo sei provenivano da paesi diversi dal Pakistan e dall'Iran, secondo i dati dell'UNHCR.

Gli afgani costituiscono una grande quota di richiedenti asilo nell'Unione europea, con 44.190 domande lo scorso anno, su un totale di 416.600, secondo l'agenzia di statistica dell'UE, Eurostat. Il primo ministro italiano, Mario Draghi, il mese scorso ha affermato che un gran numero di richiedenti asilo dall'Afghanistan cercherà di nuovo di raggiungere l'Europa dopo che le forze straniere hanno lasciato il paese.

Gli Stati Uniti e molti altri paesi che hanno impegnato forze in Afghanistan hanno accettato di offrire asilo agli afghani che hanno lavorato con truppe straniere e sono a rischio di attacchi di rappresaglia da parte dei talebani. Domenica l'Afghanistan ha registrato più di 1.000 casi di Covid. Dall'inizio della pandemia sono stati segnalati quasi 135.000 casi e oltre 5.700 decessi. Il Paese conta sulle donazioni della comunità internazionale per vaccinare la sua popolazione.

Nel frattempo, almeno la metà dei 33,5 milioni di persone del paese ha bisogno di assistenza umanitaria, secondo Ramiz Alakbarov, vice rappresentante speciale delle Nazioni Unite per l'Afghanistan. Oltre alle preoccupazioni per la siccità e la pandemia, «l'escalation delle attività militari e l'escalation di conflitti e guerre stanno causando ulteriori sofferenze», ha affermato Alakbarov, che ha ricordato che quest'anno 25 operatori umanitari sono stati uccisi mentre consegnavano aiuti. Ha chiesto un sostegno finanziario continuo per soddisfare l'assistenza umanitaria dell'Afghanistan, aggiungendo che circa 380 milioni di euro sono arrivati fino a quel momento come donazioni globali a seguito di un appello di poco più di 1 miliardo di euro lanciato per il 2021. «Le esigenze sono molto maggiori e l'assistenza continua è necessaria», ha concluso.

Interesse geografico: