Canada. Incendiate diverse chiese

Il primo ministro Justin Trudeau ha condannato l’ondata di violenza in tutto il Canada, a seguito della scoperta dei resti di bambini indigeni nelle scuole residenziali

Gli attacchi alle chiese in Canada, date alle fiamme in queste settimane, sarebbero una conseguenza della orribile scoperta dei resti di bambini indigeni nelle scuole residenziali, istituite nel 1800 per assimilare forzatamente gli indigeni nella società canadese.

Secondo l’emittente canadese CBC, oltre 150.000 bambini delle popolazioni indigene (Prime Nazioni, Métis e Inuit) sono stati costretti a frequentare le scuole dal 1870 al 1997.

A maggio scorso, i resti di 215 bambini sono stati trovati sepolti in tombe anonime presso la Kamloops Indian Residential School nella British Columbia, che ha operato con l’appoggio della Chiesa cattolica dal 1890 al 1969. Nei suoi ultimi anni, la scuola è stata sotto il controllo del governo federale prima di chiudere definitivamente nel 1978.

Poche settimane dopo, a giugno, la Cowessess First Nation – una delle numerose comunità indigene canadesi – ha dichiarato che 751 tombe senza nome erano state scoperte nel sito di un’altra ex scuola residenziale nel Saskatchewan.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha affermato che le scoperte sono «un vergognoso promemoria del razzismo sistemico, della discriminazione e dell’ingiustizia che i popoli indigeni hanno dovuto affrontare».

Il presidente del Consiglio, cattolico, ha anche invitato papa Francesco a presentare scuse formali. La Conferenza dei Vescovi Cattolici Canadesi ha detto che Bergoglio incontrerà i leader indigeni canadesi entro la fine dell’anno per delle scuse.

Il Canada Day di giovedì scorso ha visto un certo numero di chiese vandalizzate e statue buttate giù, tra cui una della regina Vittoria e un’altra della regina Elisabetta II.

Una chiesa anglicana presente da 108 anni a Gitwangak, un villaggio della First Nation vicino a New Hazelton, nella Columbia Britannica, è stata completamente distrutta da un incendio giovedì notte.

Nella stessa notte, anche una chiesa anglicana a Tofino, nella Columbia Britannica, ha subito lievi danni a causa di un altro incendio sospetto.

Anche diverse chiese cattoliche hanno subito incendi nelle ultime settimane, spingendo il governo federale a impegnare fondi per la sicurezza nelle chiese.

Parlando con i giornalisti venerdì, Trudeau ha detto di capire la rabbia, ma ha aggiunto che gli atti di violenza contro le chiese non sono la giusta risposta allo scandalo.

«È inaccettabile e sbagliato che atti di vandalismo e incendi dolosi si verifichino in tutto il Paese, anche contro le chiese cattoliche», ha detto. «Non posso fare a meno di pensare che bruciare le chiese in realtà stia privando le persone che hanno bisogno di lutto e guarigione, di luoghi in cui possono effettivamente soffrire, riflettere e cercare sostegno. Non dovremmo scagliarci contro edifici che possono fornire conforto ad alcuni dei nostri concittadini, ma dovremmo impegnarci ogni giorno, ognuno di noi, nel duro lavoro di ricostruire un percorso che affronti il terribile trauma intergenerazionale e le realtà odierne della sofferenza di cui siamo tutti collettivamente responsabili».

 

Foto dal profilo facebook di Ivan Bundy

Interesse geografico: