Morte George Floyd, dopo la condanna di Chauvin arrivano le reazioni delle chiese

Jim Winkler, presidente del Consiglio nazionale delle chiese Usa: «Prego che questo verdetto aiuti a promuovere la causa della giustizia razziale anche se abbiamo ancora molta strada da fare»

Da 40 a 75 anni.

Questa sarà la condanna per Derek Chauvin, riconosciuto colpevole di tutti e tre i capi d’imputazione legati alla morte di George Floyd. Al giudice nelle prossime settimane il compito di quantificare la pena. Il poliziotto è stato riconosciuto colpevole di omicidio di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio preterintenzionale, primo uomo delle forze dell’ordine a subire una condanna simile negli Stati Uniti, in cui troppi sono stati i casi di impunità a seguito di episodi tragicamente comparabili.

Quel ginocchio premuto per 9 eterni minuti da Chauvin sul collo di Floyd, fermato per il presunto spaccio di una banconota falsa da 20 dollari, ha sconvolto il mondo, ha dato il via a rivolte tragiche e potentissime, le più grandi mai registrate negli Stati Uniti, al grido di “Black Lives Matter”, e non ha lasciato possibilità di replica al poliziotto. Il coraggio della diciassettenne afroamericana Darnella Frezier cha ha avuto la freddezza di filmare l’intera scena con il suo cellulare si è rivelato decisivo, perché quel filmato ha avuto ovviamente un peso straordinario nel processo.

Nelle osservazioni dopo il verdettio, il presidente Joe Biden ha parlato: «La mia speranza e la mia preghiera è che noi possiamo essere all'altezza dell'eredità di tutto quanto accaduto», ha detto il presidente, con la vicepresidente Kamala Harris nelle vicinanze. «Questo può essere un momento di cambiamento significativo per il Paese».

I leader religiosi e le organizzazioni legate alla fede hanno reagito rapidamente all'esito del processo. Ecco alcuni esempi:

Il pastore Jim Winkler, presidente del Consiglio nazionale delle chiese Usa: «Prego che questo verdetto aiuti a promuovere la causa della giustizia razziale anche se abbiamo ancora molta strada da fare».

Il pastore Samuel Rodriguez, presidente della National Hispanic Christian Leadership Conference: «La decisione di oggi ha dimostrato ancora una volta quanto dobbiamo andare lontano nella nostra lunga marcia verso la giustizia. Le ferite del nostro passato continuano a sanguinare nella nostra realtà presente e le tensioni nella vita americana - rivelate da questa terribile tragedia - ci hanno ricordato che probabilmente ci saranno un altro George Floyd e un altro Derek Chauvin. Il rimedio - politicamente e giudizialmente parlando - è l'occhio cieco della giustizia che guida i nostri legislatori e giudici, ma il rimedio per l'anima dell'America è l'empatia, la comprensione e l'amore del prossimo, qualunque sia il colore della loro pelle».

Rabbi Jonah Dov Pesner, direttore del Religious Action Center of Reform Judaism: «I sistemi razzisti che hanno resistito per più di 400 anni perpetuano la brutalizzazione delle persone di colore - anche, troppo spesso, da parte delle forze dell'ordine. Il fatto straziante è che nessun verdetto o sentenza può riportare George Floyd tra le braccia amorevoli della sua famiglia, né tutti coloro che vengono uccisi dalla polizia. Ciò che il verdetto di oggi può e deve fare è affermare che coloro che prendono la vita umana in modo spietato devono essere ritenuti responsabili delle loro azioni».

Il senatore Raphael Warnock, parroco della Ebenezer Baptist Church, Atlanta. «Prima di tutto, penso ai figli di George Floyd e alla sua famiglia, e sono grato che abbiano ricevuto qualcosa che si avvicina alla giustizia oggi dopo il trauma che hanno subito. Come voce dei georgiani al Senato e come uomo di colore, spero che il verdetto di oggi sia l'inizio di un punto di svolta nel nostro paese in cui le persone che hanno visto questo trauma più e più volte sapranno che è possibile avere la stessa protezione. sotto la legge».

Il vescovo John Stowe, presidente, Pax Christi USA: «Questo verdetto rispetta sia lo Stato di diritto sia ciò che il mondo intero ha visto in video. Ancora più importante, afferma ciò che è stato gridato nelle nostre strade per quasi un anno, la vita di George Floyd è importante, la vita nera è importante. Preghiamo che sia stato stabilito un precedente che consentirà alle persone di colore di sapere che le loro vite devono essere protette dalle forze dell'ordine e che ci saranno conseguenze quando non lo saranno».

La pastora LaTrelle Easterling, Conferenza di Baltimora-Washington, United Methodist Church: «Sebbene il sistema giudiziario abbia funzionato, c'è ancora una famiglia che soffre per l'inutile perdita della persona amata. Questo non è un momento per festeggiare; è un momento di riflessione per tutti coloro che sono coinvolti nella morte di George Floyd e per tutto ciò che si è svolto in quei nove minuti e 29 secondi lo scorso maggio, che ha dato vita al più grande movimento per i diritti umani nella storia della nostra nazione. È un momento per riflettere sul motivo per cui la giustizia è ancora sfuggente per troppi. I verdetti forniscono maggiori garanzie a tutti gli americani che la vita, indipendentemente dall'etnia, è sacra, uguale e degna. Rafforzano la verità che ogni figlio di Dio possiede intrinsecamente diritti che devono essere rispettati da tutti, compresi coloro che hanno giurato di servire e proteggere le nostre comunità».

Russell Moore, presidente della Commissione Etica e Libertà Religiosa della Convenzione Battista Meridionale: «Grato per la giustizia resa a Minneapolis. Ricordiamo oggi la famiglia di George Floyd. E lavoriamo insieme per una nuova era di giustizia razziale e speranza americana».

La vescova episcopale di Washington Mariann Budde: «La tragica morte di George Floyd ha provocato una resa dei conti nazionale sull'ingiustizia razziale, e giustamente. A causa di ciò che il mondo ha visto, la volontà e la consapevolezza necessarie per portare il cambiamento - nelle nostre istituzioni, nella nostra cultura, nella nostra politica e sì, nei nostri cuori - è in aumento, e rendiamo grazie a Dio per questo barlume di luce nell'ombra di sofferenza. Insieme troveremo una via da seguire verso una società più giusta e il sogno di Dio per noi di una comunità amata. Possa Dio avere pietà di noi tutti e ordinare i nostri passi nelle vie della giustizia e della pace».

 

Foto di Lorie Shaull

Interesse geografico: