La «giovane» Legambiente della val Pellice

Volti nuovi e nuove iniziative per l’associazione

Legambiente la conosciamo per diverse iniziative che da anni puntualmente organizza sul territorio. Abbiamo incontrato il circolo val Pellice nel fine settimana per farci raccontare alcune novità. «Abbiamo da poco votato per il rinnovo del direttivo – ci spiega Davide Claudio Gay, presidente uscente e riconfermato – e ci rallegriamo perché abbiamo visto entrare tre volti nuovi e soprattutto giovani: Sophie, Alessandra e Fabrizio. Volti giovani e nuovi che portano all’interno di Legambiente alcune belle novità, alcuni cambiamenti che sono legate strettamente al mondo che sta anch’esso cambiando».

La sensibilità verso i temi ambientali e della conservazione del pianeta sta lentamente crescendo e si arricchisce di alcune sfaccettature come quella che Legambiente si propone di suggerire in val Pellice: una sorta di turismo attento alle tematiche ambientali. «Nello scorso fine settimana abbiamo organizzato una discesa del Pellice in gommone a cui hanno risposto in molti, più di quelli che potevamo effettivamente ospitare. Una discesa che è stata un modo nuovo per vedere e vivere il torrente e l’ambiente circostante» ci spiega ancora Gay. Lasciando da parte un momento le attività più legate all’outdoor troviamo nelle prossime settimane due presentazioni nell’ambito di «Una Torre di Libri». Il 25 maggio presentazione del libro di Franco Borgogno Un mare di plastica, che racconta gli sconvolgenti risultati di una missione scientifica attraverso il passaggio a Nord-Ovest (alle 21 alla Galleria Scroppo di Torre Pellice).

Il 26, sempre legato a questo tema, ci sarà un laboratorio al Parco delle Betulle di Torre Pellice dal titolo «Riusiamoli» dedicato ai giovani in collaborazione con il Riuso (orario 14,30-17). Durante «Una Torre di Libri», il 26 luglio, ci sarà poi la presentazione del libro di Roberto Cavallo «La bibbia dell’ecologia». Ma la novità più grande è quella che occuperà il circolo nel pieno dell’estate. Il consolidato «campo di lavoro» infatti si integra con un trekking chiamato «…PELLICino… Trek&SIC!). «Abbiamo deciso di offrire a tutti i tesserati Legambiente la possibilità di conoscere i Sic (siti di interesse comunitario) della val Pellice con un trekking adatto a tutti che partirà da Torre Pellice per arrivare al Pra passando per il rifugio Barbara e il Barant – ci spiega Sophie Morel –. Al Pra ci sarà una giornata con molte attività aperte a tutti. Il trekking si svolgerà in due turni: il primo dal 30 luglio al 3 agosto e il secondo dal 5 al 9 agosto. Ogni tappa avrà al suo interno un momento particolare dedicato all’ambiente che si attraversa: dal Sic della Myricaria Germanica a quello del Barant, al Giardino Botanico Peyronel».

Per maggiori informazioni si può visitare il nuovo sito all’indirizzo www.legambientevalpellice.it.

Interesse geografico: