Nuova Caledonia, il ruolo della chiesa riformata nel processo di autodeterminazione

A novembre la popolazione della collettività d'oltremare francese sarà chiamata ad esprimersi sull'indipendenza da Parigi, una scelta non semplice

Nel novembre 2018, la Nuova Caledonia sceglierà il proprio futuro. Il referendum sull'accesso alla piena sovranità, per cui tutti Caledoniani dovranno decidere sulla permanenza o meno all'interno della Repubblica francese, segnerà il culmine di un processo di trent’anni. Un periodo che gli accordi di Matignon, firmati nel 1988 e prolungati dieci anni dopo dagli accordi di Noumea, hanno contribuito a preservare in pace, dopo quattro anni di scontri mortali tra indipendentisti Kanak e Caldoches lealisti.

Ma molti temono che l'approssimarsi di questa scadenza risvegli le tensioni. Il ritardo nel processo di organizzazione del referendum da solo mostra la posta in gioco e le difficoltà di questa consultazione, di cui non sono state specificate ancora né la data precisa né la formulazione della domanda. Eppure, nonostante le preoccupazioni e le tensioni, sono tutti i Caledoniani che, dopo queste elezioni, dovranno inventarsi un destino comune. La Chiesa protestante di Kanaky Nuova Caledonia, membro della Cevaa, la principale chiesa protestante storica dell'isola con circa 40.000 membri, molto importante nella comunità autoctona Kanaka, si è posta l'obiettivo di accompagnare la popolazione verso il referendum e nel periodo successivo al voto.

La commissione teologica dell’Epknc ha scelto a tale scopo un tema da Efesini 2,19: "Cittadini di un nuovo paese". È stato questo versetto a stabilire la direzione della settimana di preghiera della chiesa per il 2017-2018; sono state queste parole a guidare i dibattiti durante l'incontro del Movimento giovanile svoltosi nella parrocchia di Ouindo a Poindimié, che ha accolto 300 giovani provenienti dalle quattro regioni dell'Epknc . Questi ultimi hanno preso parte alla alle riflessioni bibliche proposte dal team di animazione guidato dal pastore e animatore giovanili Bearune Honoré Warisiné.

I giovani Caledoniani sono in effetti preoccupati principalmente dall’appuntamento di novembre 2018, essendo i primi a ritrovarsi a vivere i cambiamenti di una società sempre più multiculturale (in luoghi come Nouméa, giovani di varie comunità sono oramai abituati a vivere fianco a fianco, se non insieme), e più preoccupati ancora dalle disuguaglianze che persistono nonostante la riforma delle istituzioni e gli sforzi per sviluppare l'economia in modo più equo: oggi più di un terzo dei giovani Kanaki è disoccupato. Lo scopo di questa settimana è stato, come evidenziato nel comunicato finale, «fornire a questi giovani strumenti per aiutarli a riflettere sulla nozione di concittadini di un nuovo paese». Il punto di partenza è stata l'animazione biblica e quindi le riflessioni si sono proiettate in diversi contesti come la politica attuale, la vita nella società, la cultura, il costume. Il tempo necessario per permettere ai giovani di scoprirsi e scoprire il loro ambiente ha fatto parte delle sessioni proposte dall'animazione.

Ora, le riflessioni continuano in ogni regione. Questo grande raduno intende offrire ai giovani gli strumenti necessari per riflettere e intraprendere, da soli, nuovi progetti per la Chiesa come l'accompagnamento del popolo di Dio proclamato dalla Chiesa nel 1979 a Gouarou e il discorso fatto in Gossana nel 2006, per essere semplicemente «una Chiesa dinamica unita nella diversità per testimoniare fedelmente la missione di Dio, oggi, qui e altrove». «Questa riunione - sottolinea un comunicato della Chiesa-, permetterà ai giovani di rivisitare le loro scelte e il loro ruolo nella missione di accompagnamento e di ricordare al popolo di Dio che più ci sforziamo di incontrarci, più saremo in grado di darci il benvenuto l'un l'altro. Ognuno di noi, attraverso questi incontri, realizzerà che la nostra vocazione fondamentale è quella di vivere in relazione gli uni con gli altri e di unirsi a Dio nella sua divinità. Questo raggruppamento permette anche ai giovani di questo paese di testimoniare la loro fede cristiana, una fede che è radicata tra "Vangelo e cultura" e che ha senso nel contesto del nostro paese.

Da qui questa conclusione sotto forma di parabola da parte del pastore Wea Kuanene: «Un uomo autentico sembra un albero di baniano, la grande pianta sempreverde. Le sue grandi radici affondano e si depositano nella terra degli antenati, si nutrono e fortificano. Tuttavia, con le sue radici aeree, realizziamo canoe che permettono di partire, attraversare l'oceano e incontrare l'altro. Il radicamento e l'apertura devono essere le caratteristiche di DÖ KÂMÖ "- un termine che significa" uomo vero "nella lingua araba di Houailou.

La Nuova Caledonia divenne possedimento francese nel 1853. A partire dal 1864 servì da colonia penale per 40 anni. Oggi la popolazione originaria è divenuta minoranza nell’arcipelago (44% dei circa 240 mila abitanti).

 

Nella foto il tempio protestante di Noumea

Interesse geografico: