Chiamati e chiamate da Dio secondo giustizia

Un giorno una parola – commento a Isaia 42, 6

Io, il Signore, ti ho chiamato secondo giustizia e ti prenderò per la mano 
Isaia 42, 6

Nel nostro Signore, Cristo Gesù, abbiamo la libertà di accostarci a Dio 
Efesini 3, 12

Giustizia è una parola chiave nella Bibbia, occorre tante volte nelle Scritture e se una parola occorre tante volte è importante, così mi è stato insegnato. Spesso la parola giustizia si trova insieme alla parola pace: ciò dice sia qualcosa della pace, sia qualcosa della giustizia. La giustizia di Dio e la nostra non sono uguali, c’è un abisso fra loro: la giustizia di Dio ha a che fare con l’essere umano giusto, mentre noi siamo abituati a una giustizia retributiva. Bisogna tener presente che la giustizia biblica ha a che fare con la pace, con l’amore e con la fede. Lo si vede bene nel Salmo 85: La bontà e la verità si sono incontrate, la giustizia e la pace si sono baciate. La verità germoglia dalla terra e la giustizia guarda dal cielo.

Soprattutto nella situazione attuale facciamo bene a tener presente questo. Troppo facilmente si ricorre alle armi come l’unica soluzione. Certo, dietro le quinte si è impegnati nella diplomazia per poter uscire dalla crisi in atto in Europa. Ma, e sappiamo perché, l’abbiamo visto tante, troppe volte nella storia, anche in quella recente: si tratta al massimo di un far tacere le armi, non di uscire dalla crisi tutte e tutti meglio. La verità è che non si arriva a una pace senza giustizia, giustizia che ha a che fare con relazioni giuste fra le donne e gli uomini di questa terra. Il brano di Isaia da cui è preso il versetto che ci è proposto stamattina dal Lezionario Un giorno una parola, parla del servo di Dio in chiave universalistica, infatti nello stesso versetto 6 leggiamo: io custodirò e farò di te lalleanza del popolo, la luce delle nazioni. Per proseguire nel versetto seguente con “per aprire gli occhi dei ciechi, per far uscire dal carcere i prigionieri e dalle prigioni quelli che abitano nelle tenebre”.

Siamo chiamati e chiamate secondo giustizia. Non è un cammino facile, ma sappiamo di essere presi per la mano dal nostro Dio. Direi che possiamo osare questa strada, anche nella situazione attuale, anzi soprattutto nella situazione attuale.

Interesse geografico: