Pace e rispetto dei diritti in Nagorno-Karabakh

Leader di chiese europee chiedono rispetto per tutti e la tutela del patrimonio religioso della regione

Al suo ritorno dall'Armenia, il vescovo Hovakim Manukyan, primate della Chiesa armena del Regno Unito e dell'Irlanda, parla del conflitto in Nagorno-Karabakh (Artsakh), delle sfide affrontate dai cittadini armeni e delle lotte delle Chiese per la ricerca di una pace duratura, giustizia e rispetto dei diritti umani nella regione. Manukyan è membro del consiglio di amministrazione della Conferenza di Chiese europee (Kek).

Poiché le ricadute del conflitto pesano sulle spalle degli abitanti dei villaggi armeni, «dobbiamo pregare e dobbiamo parlarne di più», afferma il vescovo Hovakim Manukyan.

Quando Manukyan ha visitato i piccoli villaggi lungo il confine armeno nella regione di Syunik, ha visto in prima persona come il conflitto più recente nel Nagorno-Karabakh (Artsakh) stia pesando pesantemente sulle persone che stanno semplicemente cercando di guadagnarsi da vivere nella loro terra.

La regione del Nagorno-Karabakh è oggetto di una disputa irrisolta dal 1988, con un conflitto che coinvolge l'Azerbaijan e la maggioranza etnica armena, sostenuta dalla vicina Armenia.

«Quello che ho visto è stata incertezza», ha detto, «e anche grande dolore perché le persone sono disperate. Hanno perso la terra dove stavano allevando il loro bestiame, il loro unico mezzo di sopravvivenza». La loro situazione non è causata solo dagli intensi combattimenti nel novembre 2020, ma anche dall'invasione dell'Azerbaijan nella loro terra nel maggio 2021.

Mentre parlava con gli abitanti del villaggio, questi gli hanno riferito che la sicurezza è debole nella migliore delle ipotesi, anche se si suppone che le forze di pace siano sul posto. «I soldati azeri rapiscono bestiame e pastori. È una situazione instabile e c'è una profonda povertà».

Con profondi legami con la terra, gli abitanti del villaggio dipendono anche dal flusso dei fiumi vicini, ma all'improvviso scoprono che i canali vengono modificati. «L'acqua è una materia essenziale e vivificante».

In mezzo a queste profonde preoccupazioni legate alla terra e all'acqua, gli abitanti dei villaggi armeni sono addolorati per i propri cari perduti e reclusi. «Ci sono ancora molti prigionieri di guerra che non sono stati rilasciati».

Manukyan crede che il tempo stia per scadere per migliorare la situazione. «Se non forniamo un qualche tipo di aiuto, fuggiranno dalle loro case e avremo un'altra ondata di rifugiati».

C'è una crescente campagna di propaganda in Azerbaijan contro l'Armenia, che comporta la riscrittura della storia e la distruzione su larga scala del patrimonio architettonico.

Dopo sei settimane di intensi combattimenti per il Nagorno-Karabakh (Artsakh) sospesi da un accordo annunciato nel novembre 2020 tra i leader di Azerbaijan, Armenia e Russia, Manukyan si è unito ad altri leader religiosi di tutto il mondo nel chiedere una pace duratura fondata sulla giustizia e sull'umanità  di diritti per la popolazione del Nagorno-Karabakh (Artsakh) e della regione in generale.

I leader religiosi hanno chiesto la protezione dei monumenti religiosi e culturali. Come membro del Comitato per la Protezione del Patrimonio Religioso e Culturale dell'Artsakh della Madre Sede di Holy Etchmiadzin, Armenia, Manukyan è stato costernato dalla profanazione di monumenti, specialmente nelle aree di nuovo sotto il controllo dell'Azerbaijan.

«Ci sono molti esempi di distruzione di chiese che sono stati documentati, ma molti altri no», ha commentato.

Quest'anno ricorre il 106° anniversario del genocidio armeno, perpetrato dall'Impero ottomano dal 1915 al 1923, che causò la morte di 1,5 milioni di armeni. Mentre quella tragedia viene sempre più riconosciuta ufficialmente da molte autorità mondiali, ciò non placa la paura in corso di un nuovo genocidio.

Manukyan nutre profonda preoccupazione per i numerosi armeni in tutto il mondo che devono osservare da lontano mentre la loro patria viene profanata e la gente vive nella paura. «Mentre viaggiavo, c'erano persone che venivano con me, ma a cui è stato negato il diritto di visitare le chiese storiche perché non avevano un passaporto armeno. Questo è un problema», ha aggiunto Manukyan. «Vogliono andare a sostenere gli armeni locali e pregare nelle chiese. Questa è la loro patria. È un corpo unico anche se viviamo in paesi diversi. E la Chiesa è una Chiesa».

Cosa possiamo fare? «Prima di tutto, le chiese devono pregare», ha concluso. «E, a livello internazionale, dobbiamo parlare di più di questo e aumentare la consapevolezza e l'informazione accurata. Ovunque tu sia, solleva la questione con il tuo governo».

 

Foto di Andreas Kontokanis

Interesse geografico: