Le istituzioni europee contro la persecuzione dei cristiani in Algeria

Il Parlamento europeo ha nuovamente richiamato l'attenzione della Commissione europea sulle molteplici violazioni che il governo algerino sta compiendo contro i cristiani che vivono nel paese.

In un'interrogazione parlamentare indirizzata alla Commissione europea il 13 maggio, la deputata europea spagnola Maria Soraya Rodriguez Ramos ha denunciato violazioni dei diritti umani contro le minoranze religiose in Algeria.

La deputata ha chiesto alla Commissione europea di agire nei confronti del governo algerino che impedisce ai cristiani che vivono nel Paese di praticare la propria religione.

La domanda è arrivata in seguito alla risoluzione della Commissione europea 2019/2927, adottata il 28 novembre 2019. La risoluzione, che ha ottenuto il voto della maggioranza dei deputati europei, ha denunciato le ripetute violazioni del governo algerino contro i diritti umani della sua popolazione.

La risoluzione 2019/2927 ha rivelato che «da gennaio 2018, le autorità algerine hanno chiuso diverse chiese, la maggior parte delle quali appartiene alla Chiesa protestante dell'Algeria (Epa), l'organizzazione centrale, legalmente riconosciuta, delle chiese protestanti in Algeria».

In risposta alla chiusura delle chiese, la risoluzione ha chiesto «la fine delle violazioni della libertà di culto dei cristiani, degli ahmadi e di altre minoranze religiose» e ha esortato le autorità algerine «a riaprire i luoghi di culto in questione».

La Commissione europea ha redatto la risoluzione per la prima volta dopo che diverse notizie hanno rivelato la persecuzione contro i cristiani che vivono in Algeria.

Nell'ottobre 2019, il Jerusalem Post ha riferito della chiusura di tre grandi chiese in Algeria e dell'arresto di numerosi cristiani che hanno organizzato nei giorni seguenti sit-in per protestare contro tali azini

Un altro recente rapporto dell'associazione cristiana internazionale Dmg ha rivelato che il governo algerino ha chiuso diverse chiese, case di riunione, centri di formazione teologica cristiana e librerie.

«La chiusura di chiese e istituzioni cristiane è giustificata dalle nuove norme di sicurezza statali per gli edifici. Nelle ultime settimane, alcune chiese protestanti registrate hanno ricevuto visite da funzionari, vigili del fuoco e polizia. Altre comunità cristiane stanno ancora aspettando, con grande preoccupazione, il risultato di questo censimento», afferma il rapporto.

La domanda del deputato europeo viene dopo che diverse organizzazioni internazionali hanno denunciato anche la mancanza di libertà religiosa in Algeria, tra cui la Commissione degli Stati Uniti sulla libertà religiosa internazionale (Uscirf).

Nel suo rapporto del 2020, Uscirf  ha inserito l'Algeria nella sua "Lista di controllo speciale" a causa della persecuzione delle minoranze religiose.

«Nel 2019, l'Algeria ha intensificato la repressione contro le minoranze religiose. Il governo ha sistematicamente represso la comunità evangelica protestante, in particolare attraverso una serie di chiusure e incursioni in chiese, tra cui due delle più grandi chiese protestanti del paese», afferma il rapporto.

Secondo l'Uscirf, la recente ondata di chiusure di chiese è in corso da novembre 2017 ed è "peggiorata" nel 2019.

«I funzionari hanno richiesto arbitrariamente che le chiese cessassero tutte le attività religiose, accusandole di violare le norme di sicurezza, di operare illegalmente o di evangelizzare», ha aggiunto il rapporto.

Il governo algerino non ha ancora consentito all'Associazione delle chiese protestanti in Algeria di registrarsi ufficialmente da quando una nuova legge sulle associazioni è entrata in vigore nel 2012, e ha richiesto alle chiese di presentare nuovamente domanda di autorizzazione ufficiale.

L'Epa rappresenta 45 chiese nel paese, di cui 12 chiuse dalle autorità algerine, in particolare nelle province settentrionali di Tizi Ouzou e Bejaia.

Il rapporto americano ha anche denunciato la «sistematica restrizione del governo algerino alla capacità dei non musulmani di registrarsi, gestire case di culto, fare proselitismo e praticare la loro fede in altri modi».

L'ordinanza dell'Algeria 06-03, approvata nel 2006, pone limiti unici ai non musulmani e impone loro di registrarsi formalmente alla Commissione nazionale per i gruppi religiosi non musulmani, «che secondo come riferito si riunisce raramente e non ha rilasciato permessi per nessuna chiesa».

Oltre alle istituzioni ufficiali e governative, diverse Ong hanno anche criticato le violazioni del regime algerino contro i diritti umani delle minoranze religiose.

L'International Christian Concern (Icc), un'organizzazione non governativa con sede a Washington, DC, ha elogiato la «posizione forte» dimostrata dall'Uscirf a sostegno delle minoranze religiose in Algeria, affermando che «invia un messaggio forte al governo algerino che segnala come il suo sistematico disprezzo per le libertà religiose non è più accettabile».

Interesse geografico: