Chiesa luterana canadese reintegra pastore cacciato negli anni '80 perché gay

Nel 2011 la Chiesa luterana ha scelto di consentire ai pastori lgbt di operare con pieni poteri. Ora, dopo 35 anni un cerchio si chiude. «Un sogno lungo una vita»

Diventare il nuovo pastore della Prima Chiesa evangelica luterana di Toronto è stato come tornare a casa per Ralph Carl Wushke.

Il 66enne è stato ordinato per la prima volta nella Chiesa evangelica luterana in Canada (Elcic) nel 1978, ma è stato costretto a lasciare il pastorato negli anni '80 dopo aver dichiarato la propria omosessualità. 

Ma sabato scorso, davanti a una ampia folla formata da congregazioni solidali e membri di chiesa di varie comunità, è stato ufficialmente ripristinato nel suo ruolo.

«È stato davvero il culmine di un sogno lungo tutta la vita per me», ha detto Wushke a Carol Off, presentatrice di “As It Happens”, trasmissione canadese della Cbc. «Sono stato accolto di nuovo con grande gioia».

Wushke è il primo pastore ad essere ripristinato dal 2011, da quando la Chiesa luterana ha cambiato le regole per consentire al clero LGBTQI+ di operare nel pieno delle proprie funzioni.

«Lo vedo come un passo importante nel nostro impegno per la piena inclusione della comunità LGBTQI+ nella nostra chiesa e per la parità di diritti e giustizia nell'intera società», ha detto in una e-mail la pastora Susan C. Johnson, vescova alla guida dell'Elcic.

David Berg, presidente del consiglio congregazionale della First Evangelical Lutheran Church, dove Wushke è ora il pastore titolare, ha affermato che il ripristino era atteso da tempo.

«Anche se non possiamo annullare il danno e il dolore che abbiamo inflitto alle nostre sorelle e ai nostri fratelli, possiamo scusarci, chiedere perdono e ringraziare per la loro generosità», ha affermato in una nota.

Wushke afferma di aver avuto ben chiaro fin da quando era un ragazzo di voler diventare un pastore luterano.

«Penso di averlo sempre saputo. Come diceva mia madre, quando avevo sei anni, ho allineato i miei due fratelli più piccoli sui gradini della nostra casa e ho iniziato a predicare loro e insistendo sul fatto che loro dicessero: “Amen” alla fine delle mie preghiere».

Ma mentre studiava in seminario, afferma che divenne sempre più consapevole del suo orientamento sessuale e si preoccupò di come ciò avrebbe potuto influenzare la sua carriera.

«In effetti, la notte della mia ordinazione è stata una delle più grandi tempeste di vento che abbiamo mai avuto», ha ricordato. «Ho pensato: “Oh, questo è solo un presagio per le tempeste a venire”».

Nel 1984, Wushke decise che non poteva più nascondere i propri sentimenti.

«Questo era qualcosa che dovevo fare, non solo per motivi di integrità teologica, ma anche per la mia salute mentale, emotiva e spirituale», ha ricordato.

«Mi sono chiesto: qual è il costo del discepolato? Qual è la croce che dovrei portare? Dovrebbe rimanere chiusa in un armadio o esser esposta, e pagare così il prezzo di essere sincero, onesto e autentico? Ho scelto quest' ultima possibilità, e non me ne sono mai pentito».

Wushke lasciò la sua parrocchia a Redvers, Sask., Senza dare una ragione, disse, sperando di salvare la piccola comunità dallo scandalo.

Qualche anno dopo, ha contattato l'Elcic per chiedere se poteva essere collocato in una nuova parrocchia - una che lo avrebbe riconosciuto e accettato come omosessuale.

«Uno ad uno, i vescovi mi hanno detto che ciò non era possibile, a meno, forse, di un impegno per il celibato, aspetto questo che avrebbe potuto far prendere almeno in considerazione la cosa».

La chiesa ha quindi sostenuto la sua decisione per iscritto. Nel 1988, i vescovi hanno rilasciato una dichiarazione secondo cui «gli omosessuali autodichiarati e praticanti» non potevano essere ordinati pastori e a coloro che erano già stati ordinati non sarebbe stato possibile dirigere una parrocchia.

Quell'affermazione fu ratificata l'anno successivo come politica ufficiale della chiesa a livello nazionale.

«È stato abbastanza doloroso», ha detto Wushke. «La Chiesa luterana in Canada è piuttosto piccola e tutti i vescovi erano anche amici personali».

Tale politica è rimasta in vigore fino al 2011. Da allora, Wushke era andato oltre, diventando sacerdote con la United Church of Canada. Si è ritirato nel 2018.

Ma una parte di lui ha sempre voluto tornare alla Chiesa luterana, ha detto.

«L'ho immaginato molto nel corso degli anni», ha proseguito. «Non ho mai saputo se sarebbe davvero successo».

L'anno scorso, la Chiesa luterana ha creato un processo specificamente progettato per accelerare il ripristino del clero LGBTQI+ che è stato costretto ad abbandonare il pastorato nel tempo.

Il tempismo era perfetto per Wushke. Si era appena ripreso da un intervento chirurgico a cuore aperto e si sentiva come se avesse un nuovo contratto di locazione sulla vita. Quindi quando si presentò l'opportunità di unirsi al First Evangelical church, la colse.

«Mi sentivo di nuovo giovane e avevo tutta questa energia per il ministero», ha detto.

Il processo di ritorno è stato emozionante, ha detto, e un eccellente primo passo. Ma dice che c'è ancora molto lavoro da fare - ed è ansioso di farlo.

«Cercherò di servire fedelmente la chiesa. La nostra congregazione è nel cuore della città, circondata dalla Ryerson University. Non ci sono limiti alle possibilità».

«Il pubblico in generale, credo, associa la chiesa principalmente a quel tipo di istituzione che rifiuta, che è giudicante, che non è calda e accogliente. Quindi abbiamo il compito di dire che la chiesa è un luogo complesso ... e Voglio dire, dissipare le percezioni della chiesa come un'istituzione molto negativa è un grande lavoro in sé».

Interesse geografico: