Da Fukushima alla Svizzera

Due pastori protestanti giapponesi ospiti in Europa a otto anni dal disastro nucleare

Il pastore Yoshinobu Akashi appartiene alla United Church of Christ in Giappone e lavora come pastore nella prefettura di Fukushima. Junko Kikuchi lavora per il Consiglio nazionale delle chiese in Giappone (NCCJ), un corpo ombrello che raggruppa varie chiese protestanti e che è anche membro del World Council of Churches, il Consiglio ecumenico delle chiese. Entrambi sono andati a Svizzera come parte di una delegazione che ha partecipato alla conferenza sul lavoro di Ulrich Zwingli, organizzata dalla Federazione delle chiese evangeliche svizzere (FEPS), Chiesa riformata di Argovia e Chiesa evangelica di Germania (EKD).

L'incidente del reattore a Fukushima

L'11 marzo 2011, un massiccio terremoto al largo della costa orientale del Giappone ha provocato uno tsunami che ha sommerso centinaia di chilometri quadrati di terra e ucciso 22.000 persone. La centrale nucleare di Fukushima Daiichi, situata direttamente sul Pacifico nella prefettura di Fukushima, è stata colpita. Il disastro naturale ha interrotto l'approvvigionamento energetico, provocando numerosi collassi nel nucleo del reattore nucleare.

Questo incidente è considerato il più grande disastro nucleare dopo Chernobyl. Ma la vera portata dell'esposizione alle radiazioni per le persone rimane un tema ancora attuale. Otto anni dopo, vaste aree intorno alla centrale sono ancora considerate inabitabili. 

Otto anni fa, uno tsunami ha spazzato la costa della prefettura di Fukushima. L'incidente ha causato diversi crolli nel cuore di una centrale nucleare, costringendo 150.000 persone a fuggire dalla regione. Qual è la situazione oggi?

Junko Kikuchi: le persone non si sentono al sicuro. I lavori sono ancora in corso sul sito della centrale. Inoltre, le nostre misurazioni mostrano un aumento della radioattività sulla costa. Probabilmente perché l'acqua contaminata è stata deliberatamente scaricata nel Pacifico in quel momento e in seguito. Tuttavia, il governo vuole che la popolazione ritorni nelle aree evacuate.

In che modo le persone gestiscono questa situazione?

Yoshinobu Akashi: la popolazione è profondamente divisa, anche all'interno delle famiglie. Immaginate in una famiglia costretta a fuggire ed ora di fronte ad una scelta di un possibile ritorno, il padre, che potrebbe aver già trovato lavoro, è a favore, ma la moglie si oppone, non volendo mettere i suoi bambini in pericolo. Le tensioni sono quindi inevitabili. Molte persone soffrono anche di disturbi psicologici. I più giovani consultano regolarmente un terapeuta.

La popolazione riceve un sostegno statale?

Yoshinobu Akashi: Dopo il disastro nucleare, tutti i residenti dell'area evacuata hanno ricevuto aiuti finanziari e alloggi gratuiti. Oggi è finita questa fase. Alcuni di quelli colpiti hanno citato in giudizio lo stato per danni. Il governo ha dato loro piccole somme, più per compassione che per  senso di responsabilità.

Junko Kikuchi: Il nostro attuale Primo Ministro sostiene che la situazione a Fukushima non lo riguardi. Quando la città di Tokyo si candidò per le Olimpiadi estive del 2020, disse che Fukushima era lontana e che non c'era alcun problema. «Nessun problema – tutto è sotto controllo», ha affermato. Molte persone si sentono abbandonate dallo stato.

Akashi,  voi lavorate come pastore nella prefettura di Fukushima. Come potete aiutare le persone?

Yoshinobu Akashi: Prima di tutto, con risposte molto pratiche. Gestisco un laboratorio in cui le persone possono testare alimenti sospettati di essere radioattivi. In questo modo, posso dissipare molte delle loro paure. Ho anche messo il nostro centro comunitario a disposizione delle iniziative dei cittadini o delle ONG. In questo modo, creiamo una piattaforma in cui le persone possono scambiare idee.

Perché è importante?

Yoshinobu Akashi: a causa dell'attuale divisione all'interno della società. Non c'è senso di unità, quindi le persone hanno difficoltà a raccontare le loro esperienze agli altri. Questo deve cambiare di nuovo. Ma la cosa più importante per me, come pastore, è cercare di ridare dignità alle persone.

Cioè?

Yoshinobu Akashi: I giapponesi trattano la radioattività come se fosse un virus contagioso. Le persone che sono fuggite da Fukushima sono state stigmatizzate. Sono stati emarginati perché la gente aveva paura di essere infettata dal contatto. Fukushima aveva molti agricoltori. Oggi nessuno compra i loro prodotti per paura della contaminazione. Fa male all'economia e sta rovinando la fiducia delle persone.

E come restituire concretamente alla gente la dignità?

Yoshinobu Akashi: vado lì e li ascolto. Provo a costruire una relazione con loro. E anche se non è molto, cerco di trovare almeno un modo per farli sorridere.

In retrospettiva, il terremoto di Kobe nel 1995, che ha causato oltre 4.500 vite, ha segnato la nascita della società civile in Giappone. I cittadini si sono organizzati e hanno creato molte organizzazioni umanitarie. C'è stato qualcosa di simile dopo Fukushima?

Yoshinobu Akashi: è difficile rispondere. Dopo lo tsunami, molte persone si offrirono volontarie, ma solo una minima parte di loro osò recarsi a Fukushima, temendo forti radiazioni. Ricordo di aver visto fare retromarcia al confine della prefettura camion che trasportavano materiale di soccorso.

Junko Kikuchi: In passato, la protesta nucleare proveniva da ONG o sindacati. Fukushima ha cambiato questo. Un movimento di resistenza cittadina formato per protestare contro l'energia nucleare e la gente è scesa in piazza, anche madri con passeggini e pensionati in sedia a rotelle.

Sono passati otto anni da Fukushima. Qual è la posizione della società giapponese odierna per quanto riguarda l'energia nucleare?

Yoshinobu Akashi: Sento che la protesta si è placata. Il governo è tornato all'energia nucleare e sebbene ci siano ancora manifestazioni regolari di fronte all'amministrazione, alla maggior parte della gente non interessa oggi.

E le chiese in tutto questo?

Yoshinobu Akashi: i cristiani rappresentano solo dall'1% al 2% della popolazione, quindi le chiese hanno scarso potere politico. Inoltre, ci sono tendenze molto diverse all'interno delle nostre chiese. I conservatori, ad esempio, sostengono le politiche del governo.

Adattamento da Protestinfo.ch

Interesse geografico: