Il Parco Storico del castello di Miradolo festeggia il suo decimo compleanno e, per l’occasione, la Fondazione Cosso con il contributo di Compagnia di San Paolo, ha ideato il progetto “Invito al Parco - La magia delle quattro stagioni”. Una serie di iniziative volte a valorizzare la bellezza naturale di un parco che, nel corso di questi dieci anni, è stato sottoposto a un’attività di restauro al fine di riconsegnare al territorio una preziosa risorsa «Dieci anni fa la Fondazione è entrata in questo parco che viveva in stato di totale abbandono - spiega Paola Eynard, vicepresidente della Fondazione Cosso - Da allora è stato compiuto un percorso di recupero che ha restituito al territorio un pezzo della sua storia. Ci è sembrato opportuno festeggiare questi dieci anni raccontando al pubblico la bellezza non solo del parco, ma più in generale della natura stessa nella ciclicità delle quattro stagioni».

Il primo passo di questo articolato progetto, che mira a valorizzare la ricchezza e l’eleganza del parco, consiste nelle audioguide stagionali. Attraverso un suggestivo racconto, il visitatore viene guidato alla scoperta delle specie presenti con aneddoti e curiosità botaniche legate alla stagione e alla storia del luogo. Un percorso che accontenta le esigenze sia degli appassionati di botanica che dei semplici visitatori. Ci sono poi le mappe realizzate con supporti ideati per persone ipovedenti e non udenti, come i codici QR che si sostituiscono all’audioguida per i visitatori impossibilitati a sentirla, realizzate con il proposito di rendere il più possibile inclusiva la visita.

Il percorso parte dalla Sala del Parco che, con suggestive riprese aeree, permettono di osservarne la bellezza da diversi punti vista e nelle diverse fasi dell’anno, completando così la visita all’esterno. Ma “Invito al parco” non è fatto solo di guide e mappe: a partire da domenica 1 ottobre, infatti, sono numerose le iniziative a tema proposte, per un calendario che soddisfa le esigenze di tutti, dagli esperti di botanica alle famiglie «Abbiamo aderito alla giornata F@mu, la giornata nazionale delle famiglie al museo - racconta Paola Eynard - Il tema di quest’anno è “La cultura abbatte i muri” e sarà sviluppato attraverso un divertente laboratorio dove i bambini potranno interagire sul tema in questione ma anche con la dimora storica».

 

Il calendario delle attività culmina, sabato 11 novembre, con l’inaugurazione della mostra “Fausto Melotti. Quando la musica diventa scultura”, il nuovo progetto espositivo della Fondazione «Fausto Melotti è stato un personaggio poliedrico che ha abbracciato svariate discipline artistiche. Noi lo declineremo proprio nel suo rapporto tra musica e scultura, attraverso un percorso multisensoriale che restituisca al visitatore un senso olistico dell’esperienza artistica».

Un progetto ricco e articolato quello di “Invito al Parco”, che ha l’obiettivo di rendere fruibile al maggior numero possibile di persone quello che rappresenta un patrimonio storico e naturale di primo livello.

Immagine: Di Sansecondese di Wikipedia in italiano - Trasferito da it.wikipedia su Commons da T137., CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=12474458

Interesse geografico: