Le chiese piangono la tragedia di San Antonio e chiedono un'azione rapida sul diritto d'asilo

Gli oltre 50 morti ritrovati in un camion lungo la strada fra Messico e Stati Uniti rappresentano la peggior tragedia migratoria degli Stati Uniti

 

Una delle più gravi tragedie che hanno coinvolto i migranti nella regione di confine tra Stati Uniti e Messico si è verificata la scorsa settimana, quando oltre 50 persone sono state trovate morte in un camion abbandonato alla periferia di San Antonio, in Texas. 

Questa perdita incalcolabile e prevenibile è l'ultima di una serie di morti quasi quotidiane nella regione di confine. In un contesto di crescente militarizzazione delle frontiere e di politiche anti-asilo le persone sono costrette a prendere misure sempre più pericolose nel disperato tentativo di raggiungere la sicurezza. Queste politiche hanno rispedito oltre due milioni di persone in pericolo, che per molti è stata una condanna a morte.

Insieme ai gruppi e ai partner direttamente colpiti nella regione di confine, le persone di fede piangono le innumerevoli vite che sono state stroncate dal sistema di immigrazione degli Stati Uniti. L'orribile tragedia di San Antonio è una macchia morale sulla nazione che deve spingere l'Amministrazione Biden e il Congresso a fornire urgentemente percorsi sicuri per cercare rifugio, ripristinando il sistema di asilo americano e ponendo fine alla militarizzazione delle frontiere.

«I nostri cuori sono ancora una volta spezzati», ha dichiarato Luis Marcos, co-direttore esecutivo della Comunidad Maya Pixan Ixim. «Abbiamo attraversato queste terre e i confini coloniali da tempo immemorabile. Abbiamo il diritto intrinseco, come popoli indigeni di Abya Yala, di mantenere relazioni di reciprocità con la terra e con i nostri parenti indigeni del nord dell'Isola delle Tartarughe. Anche le Nazioni Unite hanno riconosciuto questo diritto ai sensi dell'articolo 36 della Dichiarazione sui diritti dei popoli indigeni (UN DRIP). La terra ci conosce e noi proveniamo da queste terre, eppure subiamo il maggior numero di morti al confine coloniale tra Stati Uniti e Messico. La gente potrebbe non riconoscerlo perché le nostre identità di cittadini di nazioni maya e indigene sono cancellate e invisibilizzate. Questa cancellazione degli indigeni, unita a politiche come la separazione delle famiglie, continua a provocare la morte dei Maya e di altri migranti indigeni costretti a fuggire dalle nostre terre d'origine a causa delle continue pratiche di genocidio coloniale e delle industrie estrattive che ci hanno costretto a sfollare dalle nostre terre ancestrali. Vi prego di non cancellare ancora una volta i popoli indigeni e di comprendere che queste tragedie sono parte integrante delle continue politiche genocide che affrontiamo a nord, a sud, a est e a ovest. Gli Stati Uniti devono essere ritenuti responsabili per la loro complicità con le violazioni dei diritti umani e il genocidio nelle nostre terre d'origine che ci costringono a fuggire e per le violazioni dei diritti umani perpetrate contro di noi ai confini coloniali che abbiamo attraversato da tempo immemorabile. Nella nostra visione del mondo e del cosmo, ogni vita è preziosa e piangiamo la perdita di ognuno di coloro che sono stati uccisi in questa tragedia. Gli Stati Uniti devono porre fine alle politiche interne e internazionali che accelerano e perpetuano il genocidio e la distruzione qui e nelle nostre terre».  

«Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie di coloro che hanno tragicamente perso la vita a San Antonio», ha dichiarato Pedro Rios, direttore del Programma Frontiera USA-Messico dell'American Friends Service Committee. «Non esistono vie sicure per migrare negli Stati Uniti e le politiche impediscono di fatto ai richiedenti asilo di presentare domanda alle autorità statunitensi, costringendoli a ricorrere a metodi di attraversamento pericolosi.  Per decenni, i politici statunitensi hanno adottato politiche di confine che usano la morte come deterrente, dove una risposta militarizzata alle persone che cercano un porto sicuro ha portato a inutili sofferenze e a un aumento delle perdite di vite umane. Dobbiamo chiedere all'amministrazione Biden e a tutti i membri del Congresso di fermare qualsiasi politica che blocchi ulteriormente l'asilo per le persone in cerca di sicurezza».

«Esprimiamo le nostre condoglianze alle vittime e alle famiglie di coloro che hanno sofferto in questo tragico modo », ha dichiarato Giovana Oaxaca, direttore del programma per le politiche migratorie della Chiesa evangelica luterana in America. «Gesù ci implora di prenderci cura del prossimo in difficoltà, nella parabola del Buon Samaritano, ricordandoci di fare come il Samaritano per chiunque abbia bisogno, perché ogni persona è il nostro prossimo. Quante volte ancora la nostra coscienza nazionale passerà accanto al migrante senza nemmeno guardare la persona che ha intrapreso questo viaggio o cercare di capire perché abbia corso un tale rischio? I migranti intraprendono viaggi sempre più pericolosi - via terra, via aerea, in alcuni casi via mare - per cercare rifugio, spinti dal disperato bisogno di garantirsi un futuro migliore, ma si trovano ad affrontare un ostacolo irragionevole dopo l'altro. Le frontiere devono essere valutate dal punto di vista dei diritti umani e della dignità di tutti i migranti».

«Siamo addolorati per la morte profondamente tragica di cinquanta migranti in Texas e offriamo preghiere e lamenti per le loro famiglie e i loro cari. Questo è il risultato del tutto evitabile del sistema di immigrazione crudele e disumano della nostra nazione e delle politiche di deterrenza che portano alla morte e alle difficoltà dei migranti», ha dichiarato Katie Adams,  consulente per la politica interna della Chiesa unita di Cristo. «Dobbiamo costruire un sistema di immigrazione che offra un porto sicuro e l'accoglienza - abbiamo la capacità di farlo - ma dobbiamo avere la volontà politica. Quante altre morti evitabili dobbiamo sopportare? Quanto tempo ci vorrà prima che il nostro governo si renda conto che ogni persona merita dignità e umanità e che questo deve riflettersi nelle nostre politiche di immigrazione? Chiediamo all'amministrazione e al Congresso di agire ora».

Interesse geografico: