Tempo del Creato al via. Tutti i materiali liturgici

Dal 1° settembre al 4 ottobre il periodo liturgico ecumenico che coinvolge le chiese in tutto il mondo

In occasione del Tempo del Creato, il periodo liturgico ecumenico che tutti gli anni prende il via il 1° settembre, per concludersi il 4 ottobre, la Commissione Globalizzazione e ambiente (GLAM) della Federazione delle chiese evangeliche in Italia ha divulgato oggi una newsletter ad hoc, con informazioni nazionali e internazionali sui cambiamenti climatici, verso il prossimo appuntamento della Cop26.

Qui è possibile leggere e scaricare il PDF integrale dello speciale della GLAM.


Qui il dossier della GLAM per il Tempo del Creato 2021

L’Oikos, dal greco “casa” ma anche “famiglia” nel senso di tutte le persone che condividono una dimora comune, al centro della dichiarazione congiunta del Cardinale Angelo Bagnasco, Presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (CCEE), e del pastore Christian Krieger, Presidente della Conferenza delle chiese europee (CEC), in occasione del Tempo del Creato 2021.

Di seguito il testo della nota ecumenica: “Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passare oltre senza fermarti dal tuo servo” (Gn 18, 3). Nel deserto, mentre sedeva all’ingresso della tenda nell’ora più calda del giorno, Abramo si mostrò accogliente e generoso, e la condivisione di un po’ d’acqua e un pezzo di pane svelò davanti a lui la promessa di Dio. L’anziano uomo, pieno di fede, capì che la povertà di spirito consiste nell’abbandonare ogni pretesa di trovare soluzioni per tutti i problemi, riponendo le proprie speranze in Dio, con umiltà e pazienza. Il segno biblico della tenda di Abramo è stato scelto quest’anno per rappresentare l’impegno per la cura della “casa comune”, per la cura del creato, in spirito di accoglienza e dialogo. La sapienza di questa pagina biblica illumina il cammino e il lavoro delle Chiese cristiane in Europa, che vogliono rinvigorire il proprio impegno nella custodia del creato, per poter così rinnovare l’oikos di Dio, come recita il tema scelto per la celebrazione del Tempo del Creato di quest’anno, perché esso diventi una casa per tutti i figli di Dio, senza esclusioni di nessun genere”.

Qui la versione integrale della dichiarazione congiunta.

 
 

Interesse geografico: