La Chiesa metodista inglese disinveste da Shell

I vertici della Chiesa criticano la politica "verde" dell'azienda petrolifera, considerata sotto le aspettative

La Chiesa metodista in Inghilterra ha venduto il suo intero investimento nella società energetica Shell, che valeva oltre 20 milioni di sterline (27 milioni di dollari), poiché è preoccupata per la strategia energetica dell’azienda petrolifera, secondo quanto riportato dal Financial Times venerdì.

Shell punta ad aderire all'Accordo di Parigi e diventare una società a zero impatto ambientale entro il 2050 riducendo gradualmente la sua produzione di carbonio, abbassandola del 20% prima del 2030 e poi del 45% entro il 2035.

L'azienda sta aumentando la quantità di fonti di energia a basse emissioni di carbonio come l'idrogeno o i biocarburanti nei prodotti che vende e intende concentrarsi sulla produzione di energia più pulita. L'azienda prevede di catturare, o compensare, eventuali emissioni inevitabili create dalla sua produzione di energia. Secondo il proprio sito web Shell lavora anche con i propri clienti per aiutarli a ridurre la propria impronta energetica.

Tuttavia, la Chiesa metodista non crede che queste misure siano sufficienti e ritiene che Shell non stia compiendo uno sforzo abbastanza sostanziale per affrontare il cambiamento climatico. Gli azionisti saranno invitati a votare sulla strategia di energia pulita di Shell durante l'assemblea generale annuale della società a maggio, anche se i risultati non saranno vincolanti.

Shell ha superato le aspettative degli analisti nel primo trimestre, poiché gli utili sono saliti a 3,2 miliardi di dollari, invece dei previsti 3,1 miliardi. Rispetto al quarto trimestre del 2020, quando gli utili rettificati sono stati riportati a $ 393 milioni, ciò riflette una crescita del 724%. Su base annua, la crescita trimestrale è stata di circa l'11,5% nel primo trimestre del 2021.

Shell ha reso noto che l'aumento dei prezzi del petrolio, dei prodotti chimici e dei margini di raffinazione e il minore deprezzamento sono stati alla base della ripresa trimestrale della crescita, che non è stata influenzata dalla tempesta invernale texana all'inizio di quest'anno, evento che ha causato comunque perdite per 200 milioni di dollari.

Epworth Investment Management, che è di proprietà della Chiesa metodista e sovrintende ai suoi investimenti, ha dichiarato al Financial Times di aver venduto quasi 21 milioni di sterline in azioni perché i piani della Shell non erano allineati con l'accordo di Parigi del 2015.

«La pazienza della Chiesa è finita», ha detto David Palmer, amministratore delegato di Epworth, che sovrintende a 1,3 miliardi di sterline per chiese e enti di beneficenza.

Il pastore Stephen Wigley, che presiede il comitato etico per gli investimenti della Chiesa, ha detto che Shell «non è riuscita a svolgere un ruolo abbastanza sostanziale nell'affrontare l'emergenza climatica».

La Shell, che ha rifiutato di commentare la decisione della chiesa, ha chiesto agli investitori di votare la sua strategia di transizione energetica nella riunione annuale del 18 maggio, anche se il risultato non è vincolante. Si è impegnato a sottoporre la sua strategia per il clima a un voto regolare degli azionisti, il primo tra i suoi pari a farlo.

Palmer ha affermato che i piani di spesa in conto capitale della società, la politica dei dividendi e gli «obiettivi di riduzione delle emissioni » non erano allineati con gli obiettivi dell'accordo di Parigi, che mira a limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 ° C rispetto ai livelli preindustriali.

 

Foto di David Howard 

 

Interesse geografico: