Una corale virtuale per il Padre Nostro

Ognuno rimane a casa propria ma, seguendo la partitura, va a comporre un canto corale

La Commissione Musica delle chiese valdesi del I distretto lancia un’iniziativa: creare una corale virtuale audio/video che canta, nelle quattro voci soprano, contralto, tenore e basso, l’inno 217 dell’Innario, il Padre Nostro. L’idea è quella di registrare ognuno a casa propria un video con l’incisione dell’inno 217, in base al proprio registro vocale e poi inviarlo a chi si occuperà del montaggio e dell’editing.

«Siamo partiti dal fatto che questo periodo, per chi è appassionato di canto, amplifica la sensazione di solitudine: le corali non si sono più trovate per provare e mancano questi spazi di aggregazione» racconta Marco Poet, membro della Commissione Musica della CED I.

L’idea è nata dopo un primo tentativo di “coro virtuale” realizzato tra pochi: Elisa Zaldera, Cristina Pretto, Marco Poet ed Ermanno Lo Gatto hanno pubblicato l’inno 237 a quattro voci sui canali social della Commissione Musica (lo potete ascoltare qui). L’esperimento ha suscitato apprezzamenti, commenti e l’invito ad estendere questa iniziativa a coralisti/e, direttori/trici e amanti della musica.

Conferma Poet «Abbiamo allargato l’idea a tutti coloro che vorranno aderire, per avere un’occasione per cantare qualcosa “insieme” utilizzando le modalità che gli strumenti tecnologici ci offrono. Abbiamo scelto l’inno 217, il Padre Nostro, perché è ben conosciuto da tutti e ci sembra opportuno, in questo periodo, cantare questa preghiera. Abbiamo registrato, ed è a disposizione di tutti, la linea melodica delle quattro voci, sia in versione singola che a voci riunite, abbinandola ad un metronomo che scandisce il tempo. La registrazione andrà quindi fatta tenendo presente la base con il metronomo. Il problema più grande di cantare insieme senza essere diretti da qualcuno, è infatti riuscire a rispettare il tempo giusto, senza accelerazioni o rallentamenti. Importante quindi effettuare una registrazione rispettando al massimo il tempo e l’intonazione».

La proposta non si pone certo l’ambizione di produrre una registrazione professionale o perfetta, ma sottolinea l’aspetto comunicativo e comunitario del canto e l’importanza della musica all’interno delle nostre chiese. Ognuno rimane a casa propria ma, seguendo la propria partitura, va a comporre un canto corale virtuale.

«Non abbiamo posto un limite di tempo - conclude Marco Poet - Se riuscissimo però ad avere le tracce prima della metà di maggio, potremmo produrre il video nel periodo avrebbe dovuto svolgersi l’annuale Festa di Canto, annullata per motivi noti a tutti».

Una volta registrata la propria performance, si potrà inviare a poetmarco@gmail.com.

Ecco alcune istruzioni pratiche e tecniche suggerite dalla Commissione Musica

1- Registrare tramite il proprio smartphone (Apple o Android) il proprio video+voce possibilmente posizionando lo smartphone su un supporto fisso in modo che non dobbiate tenerlo in mano durante la registrazione.

2- Obbligatorio mettere in ORIZZONTALE lo smartphone per semplificare il video editing.

3- Utilizzate il programma che normalmente usate per fare video.

4- Obbligatorio seguire la traccia tramite cuffie collegate ad un PC o ad altro smartphone per mantenere tempo ed intonazione. Fate qualche prova prima cantando con la traccia per essere sicuri della vostra parte. Potete scegliere la traccia con la vostra voce oppure quella con tutte le voci. Come preferite.

5- Ogni strofa inizia con due movimenti del metronomo vuoti che servono per sincronizzare il tutto. Ovviamente in questa battuta non si canta. Dovete assolutamente seguire il metronomo ed essere molto rigidi sul tempo così come sull’intonazione. I respiri sono quelli segnati sullo spartito. La traccia non esegue i respiri ma mantiene fedelmente il tempo. Dovete quindi rubare i fiati ed essere pronti nell’attacco successivo. L’ultima strofa termina con la nota che raddoppia il valore per il finale. Anche voi dunque dovete mantenere il suono seguendo fedelmente la traccia.

6- Fate partire PRIMA la registrazione video POI la riproduzione audio della traccia.

Qui trovate le tracce guida:

https://drive.google.com/open?id=1-D6fNQ6gLtxX5gIViwvaaOn1Kh_gLDga

 

Interesse geografico: