«Inaccettabile il trattamento ai danni della popolazione haitiana al confine con gli Stati Uniti»

Il Consiglio delle chiese cristiane negli Usa deplora e condanna le azioni violente e i rimpatri forzati di donne, uomini, bambini in fuga da calamità naturali, carestie, violenza

Il Consiglio nazionale delle Chiese cristiane negli Stati Uniti (NccUsa) è testimone delle tragedie che hanno portato a un esodo lungo anni del popolo haitiano dal loro paese, culminato questa settimana con 17.000 richiedenti asilo giunti al confine con gli Stati Uniti nel Texas.

«Piangiamo di angoscia quando vediamo filmati e foto del loro trattamento per mano degli ufficiali del Dipartimento della sicurezza interna a cavallo – afferma un comunicato dell’NccUsa - . Le immagini sono un ritorno a un altro periodo turbolento di violenza razziale e hanno causato traumi nelle comunità nere in tutto il nostro paese. Sosteniamo le indagini su questa tragica situazione e ci aspettiamo responsabilità da qualsiasi risultato».

Il testo prosegue ricordando che «Come cristiani, crediamo che ogni persona sia creata a immagine di Dio e non possiamo restare a guardare mentre le politiche sull'immigrazione vengono attuate con crudeltà invece che con compassione. Quando le politiche sull'immigrazione degli Stati Uniti rifiutano l'accesso o espellono le persone in fuga da situazioni catastrofiche, abbiamo l'obbligo morale di parlare. Esortiamo il governo degli Stati Uniti a fare tutto il possibile per assistere coloro che richiedono asilo».

Inoltre i membri dell’NccUsa, che federa 38 aggregazioni di chiese del mondo riformato statunitense (fra le altre molte denominazioni battiste, metodiste, la Chiesa episcopale, la Chiesa presbiteriana), chiedono al presidente Joe Biden e al segretario della Sicurezza interna Alejandro Mayorkas di «smettere di rimpatriare gli haitiani in cerca di rifugio e di porre fine alla politica dell'era Trump che vieta l'ingresso di persone che potenzialmente rappresentano un rischio per la salute. Oltre a ostacolare la legge degli Stati Uniti che concede ai richiedenti asilo il diritto di chiedere ospitalità, tali espulsioni sono discriminatorie perché vengono utilizzate solo contro i richiedenti asilo che attraversano le frontiere terrestri e quindi colpiscono in modo sproporzionato i neri, gli indigeni e i latini dell'America centrale, Africa e Haiti».

Sebbene il presidente Biden abbia quasi raddoppiato il numero di rifugiati che saranno ammessi negli Stati Uniti a 125.000 per il prossimo anno, «occorre fare di più per quanto riguarda l'asilo e l'azione differita per gli arrivi dell'infanzia (Daca). Preghiamo che il Congresso trovi il coraggio morale per affrontare il nostro sistema di immigrazione fallimentare e approvare una legislazione che dimostri il nostro amore per i nostri vicini. Continuiamo anche a pregare per il popolo haitiano durante questo periodo tumultuoso e devastante per una nazione che ha vissuto così tante tragedie. Dio, nella tua misericordia, ascolta le nostre preghiere».

Interesse geografico: