Esteri

Gli anglicani e il sacerdozio femminile

Il 26 febbraio del 1987 il Sinodo della chiesa anglicana votava a favore dell’ordinazione delle donne al sacerdozio, ma l’allora arcivescovo di Canterbury Robert Runcie precisava altresì che per arrivare a una decisione definitiva, doveva essere istituita una Commissione.

Turchia, poca libertà anche per la cultura curda

Nella Turchia di Recep Tayyip Erdoğan si continua a parlare di diritti, in particolare di libertà di espressione. Ancora una volta, il principale bersaglio della politica governativa è il PKK, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan, molto attivo nel sud-est del Paese. Eppure a farne le spese sono in generale le persone di etnia curda che abitano in tutto il territorio turco.

La Bibbia letta di più nella pandemia

Un recente sondaggio, condotto da Christian Research per la Bible Society, ha evidenziato che leggere la Bibbia sta facendo una grande differenza su come i cristiani stanno vivendo la pandemia. Il 42% degli intervistati (dell’età compresa tra i 45 ei 54 anni) ha riferito di aver nutrito maggiore speranza in Dio durante la crisi. Circa il 28% ha affermato che la lettura della Bibbia ha accresciuto la loro fiducia nel futuro, mentre il 63% ha affermato che ciò ha permesso alla loro fiducia di non diminuire.

«Non spegnere i riflettori sulla Bielorussia»

La Chiesa evangelica dei Fratelli Cechi ha il merito di pubblicare un documento che vuole invitare la popolazione della Repubblica Ceca e dell’Europa tutta a non spegnere i riflettori sulla questione dei diritti umani in Bielorussia.  Dopo le elezioni della scorsa estate e le conseguenti manifestazioni che denunciavano i brogli e che, brutalmente represse, hanno attirato l’attenzione del mondo su Minsk, da alcuni mesi la questione bielorussa non trova spazio sui giornali.

Ecco il testo della lettera:

L’hai già visto questo film?

Il primo numero del 2021 della rivista Media Development dell’Associazione cristiana mondiale per la comunicazione (Wacc) è dedicato a un’arte e precisamente al cinema, con uno sguardo al futuro «riconoscendo che le persone hanno bisogno di arte, di teatro, di letteratura, di musica e di film per dare un senso alla loro vita al mondo che abitano e per trovare una via di senso».

Il commercio deve servire a «superare le disuguaglianze»

Il presidente della Federazione luterana mondiale (Flm), l’arcivescovo Dr Panti Filibus Musa, ha inviato le congratulazioni alla nuova Direttora generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (WTO), dottoressa Ngozi Okonjo-Iweala, dicendo che la sua visione e i suoi valori «sono disperatamente necessari nel mondo di oggi».

Negli Usa pastori in campo per sensibilizzare sui vaccini

Il pastore Wallace Charles Smith ha iniziato il suo sermone la domenica di San Valentino, nella bellissima chiesa battista di Shiloh nella capitale degli Stati Uniti Washington, parlando di amore e vaccinazioni in modo deciso e diretto.

L’ecumenismo del cuore

In un mondo che chiede giustizia e pace il focus della prossima Assemblea del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) - prevista nel 2022 - sarà incentrato sul versetto: «L’amore di Cristo muove il mondo verso la riconciliazione e l’unità».

L’Assemblea del Cec, dunque, affronterà i temi della speranza, delle risorse condivise, delle disuguaglianze della dignità. E nel frattempo una pubblicazione raccoglie, riflette e dona suggestioni, in vista dell’assise ecumenica.

Il cordoglio del Consiglio ecumenico delle chiese per la morte di Attanasio, Iacovacci e Milambo

Il segretario generale ad interim del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec), Ioan Sauca, ha duramente condannato l’attacco omicida che ha colpito il convoglio delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo nel quale sono stati uccisi l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista del convoglio Mustapha Milambo.

Una caserma non può accogliere richiedenti asilo

Numerosi leader di varie chiese britanniche hanno rivolto un appello al governo inglese affinché garantisca migliori condizioni di vita per i richiedenti asilo, ritenendo che una base militare non sia luogo adatto ad accogliere persone già traumatizzate «da un viaggio pericoloso per cercare sicurezza da conflitti, persecuzioni e violenze», cui sono costretti dalla mancanza «di vie sicure e legali».

Pagine

Abbonamento a RSS - Esteri