Esteri

Curare la Terra per curare noi

Il Cipax, Centro interconfessionale per la Pace, organizza oggi pomeriggio 27 gennaio alle ore 18 un incontro online sul tema “Curare la Terra per curare noi – Ambiente, Pace, spiritualità” per analizzare le strette, strettissime correlazioni fra guerre e disastri ambientali. 

Si alterneranno negli interventi Francesco Vignarca della Rete Italiana Pace e Disarmo e la giornalista Federica Tourn, moderati dal vicepresidente di Cipax, Luciano Ardesi.

Justin Welby: vigilare contro l'antisemitismo nel mondo

L'arcivescovo di Canterbury Justin Welby, alla guida della Comunione anglicana, in occasione del Giorno della Memoria afferma quanto il mondo debba essere «vigile contro l'eruzione di un vulcano di antisemitismo».

Justin Welby fa parte di un gruppo di leader religiosi di tutto il mondo che hanno contribuito a un simposio nei giorni scorsi a Berlino prima del Giorno della Memoria.

Osare leggere la Bibbia insieme.. una sfida anche tra i protestanti

«Osare leggere la Bibbia insieme»: sembra il titolo perfetto per un incontro della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, e anche il periodo (gennaio) è quello giusto. Ma il titolo dell’iniziativa della Federazione protestante di Francia (Fpf) si rivolge in effetti “solo” alle realtà protestanti. Anche qui, però, c’è parecchio da discutere, essendo la Fédération composta da un ampio spettro di denominazioni, da quelle del protestantesimo storico alle più recenti chiese evangeliche.

Un altro colpo per il Burkina

«Due settimane fa il presidente del Burkina Faso, Roch Marc Christian Kaboré, aveva partecipato a un vertice regionale in cui sono state imposte pesanti sanzioni ai golpisti in Mali. L’altro ieri, però, lo stesso Kaboré è stato vittima di un colpo di stato militare, e la sua sorte al momento è sconosciuta. Il Burkina Faso, uno degli stati della regione del Sahel, è il terzo paese a subire un colpo di stato nel giro di pochi mesi, dopo la Guinea e il Mali. 

Appelli per la pace fra Ucraina e Russia

Il Segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec), padre Ioan Sauca, ha lanciato un appello urgente per la pace per il popolo ucraino a nome delle Chiese membro in tutto il mondo. «Mentre seguiamo la folle escalation verso la guerra, imploriamo una logica diversa da quella basata sulla competizione geopolitica – scrive Sauca –.  Ogni conflitto armato infliggerebbe inevitabilmente ai bambini, alle donne e agli uomini dell’Ucraina morte e sofferenza. Preghiamo per un cambiamento dei cuori e delle menti.

Eletta la nuova direzione del Consiglio delle Chiese di Cuba

La cinquantesima assemblea generale del Consiglio delle chiese di Cuba (Cic) si è conclusa venerdì 21 gennaio con l'elezione della nuova direzione per il prossimo periodo di lavoro, ed è stata l’occasione per la riunione dei leader del movimento ecumenico cubano dopo quasi due anni in cui la pandemia globale ha limitato le possibilità di mantenere uno stretto contatto.

Aumenta la presenza delle minoranze etniche nella Camera dei vescovi anglicani

La Chiesa d’Inghilterra ha pianificato di aumentare il numero del clero proveniente da minoranze etniche nella Camera dei Vescovi. Al momento, solo quattro vescovi su 53 provengono da Minoranze etniche del Regno Unito (UKME) o dal Patrimonio della maggioranza globale (GMH). Il Comitato della Camera dei Vescovi ha approvato un piano in base al quale almeno 10 dei presenti alle future riunioni della Camera rappresenteranno le UKME o la GMH. Possono essere membri a pieno titolo o partecipare come vescovi suffraganei o sacerdoti eletti per essere “osservatori”. 

Thích Nhất Hạnh, il monaco della pace

Thích Nhất Hạnh, il monaco zen e l'esule politico vietnamita, leader spirituale buddista globale, chiamato Thay, "maestro", dai suoi seguaci, è morto sabato 22 gennaio, in Vietnam. Aveva 95 anni. La sua morte è stata annunciata da Plum Village, la sua organizzazione di monasteri. 

Pagine

Abbonamento a RSS - Esteri