Esteri

La gratitudine come simbolo di umanità

Sameh Ayed è arrivato in Italia nel 2010 alla ricerca di un lavoro su cui costruire il proprio futuro. Ha iniziando facendo il pizzaiolo a Canonica in provincia di Bergamo e poi, dopo aver lavorato come commesso in un negozio di frutta a Fara Gera d'Adda ha aperto un'attività sua. Ora che è diventato un fruttivendolo a tutti gli effetti, per poter ringraziare il Paese e la comunità dell'accoglienza ricevuta, ha deciso di regalare i prodotti del suo negozio.

Covid-19 all'estero. Per lavoro, per scelta di vita, per volontariato

E' in uscita il numero di aprile del mensile L'Eco delle valli valdesi. La distribuzione sarà limitata a causa delle disposizioni legate al Coronavirus, ma sulla home page riforma.it potete scaricare l'intero numero per la lettura. Questo che segue è un articolo che raccoglie le testimonianze di alcune persone legate alle valli del pinerolese, in questo momento all'estero.

 

Erica Scroppo (Cambridge, Gran Bretagna)

Dalla pandemia al sogno di una tregua in Yemen

Lo scorso 23 marzo, mentre anche gli ultimi angoli del mondo riconoscevano di avere un problema chiamato Covid-19, inizialmente negato da molti leader, il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, si era rivolto ai Paesi in guerra nel mondo chiedendo un cessate il fuoco globale, con lo scopo di impedire che, in zone già indebolite dai conflitti, il Coronavirus potesse portare tutti a fondo.

Tags:

I Testimoni di Geova in Russia, storia di fede e repressione

1887-1987: Inizi e sviluppi. Stalinismo e deportazioni. Perestrojka 

Nel 1887 La Torre di Guardia, rivista ufficiale dei Testimoni di Geova, era inviata in abbonamento in alcune parti della Russia, sebbene le attività vere e proprie della confessione religiosa avessero inizio solo nel 1904. Un notevole impulso si ebbe nel 1911. Tuttavia, fino al 1939 i Testimoni furono praticamente ignorati dal governo sovietico. 

Le chiese cristiane in India e la lotta al Covid-19

La Evangelical Fellowship of India, Efi, organizzazione che raggruppa 54 denominazioni evangeliche in India per un totale di oltre 65mila chiese comprese riformate, battiste, presbiteriane, è impegnata a servire la Chiesa e la nazione in questo momento di crisi creato dalla pandemia di Covid-19.  E’ stato pubblicato un lungo documento destinato alle chiese e alle istituzioni membro che riproponiamo in parte di seguito:

Insieme - una preghiera fa il giro del mondo

Il Coronavirus è divenuto una crisi globale che ha sfidato il mondo intero. Dai partner ecumenici internazionali sono giunti diversi messaggi di solidarietà e condivisione fraterna.

Morto il pastore metodista Joseph Lowery, pioniere dei diritti degli afro-americani

Il pastore metodista Joseph Lowery, pioniere del movimento per i diritti civili e destinatario della Medaglia presidenziale per la libertà, il più alto riconoscimento civile degli Stati Uniti, sotto l'amministrazione del presidente Barack Obama, è morto nella sua casa di Atlanta, Georgia, il 27 marzo, come riportato dall’emittente Cbs, all'età di 98 anni. .

Carl Lutz coraggio e disobbedienza

Il 30 marzo ricorrono i 125 anni dalla nascita di Carl Lutz (1895-1975). Fu il primo svizzero ad essere riconosciuto come “Giusto tra le nazioni” dallo Yad Vashem di Gerusalemme. Era il 1964. Viceconsole a Budapest durante la seconda guerra mondiale, Lutz salvò decine di migliaia di ebrei da morte certa.

Tags:

Il 30 marzo del 1853 nasceva Vincent van Gogh

In molti ritenevano che Vincent van Gogh avrebbe deciso di seguire le orme del padre e del nonno, scegliendo di diventare anch'egli un pastore protestante. 

Come sappiamo, così non fu. 

Tuttavia, l’artista – del quale oggi ricorre la data di nascita (30 marzo 1853), ritenuto unanimemente tra i più importanti pittori al mondo –, decise di far emergere comunque la spiritualità ereditata in famiglia e di realizzare nella sua vita alcune opere sacre, non originali, reinterpretando l’arte sacra di due colleghi che lui stimava, Delacroix e Rembrandt. 

Pagine

Abbonamento a RSS - Esteri