I vescovi episcopali si uniscono alla marcia a sostegno dell'inclusione LGBTQ+ a Canterbury

In risposta alle posizioni conservatrici della Comunione anglicana in materia

Più di una dozzina di vescovi episcopali (il ramo statunitense della Comunione anglicana) si sono uniti il 27 luglio a una marcia organizzata attraverso il campus dell'Università del Kent, sede della Conferenza di Lambeth, per mostrare il loro sostegno all'inclusione delle persone LGBTQ+, mentre l'argomento torna a occupare un posto di rilievo nell'incontro dei vescovi di tutta la Comunione anglicana, in corso qui fino all'8 agosto.

Il suono di fischietti e tamburi ha accompagnato la processione attraverso il campus, scandita dagli applausi degli astanti. Le camicie viola dei vescovi spiccavano a malapena tra il flusso di bandiere e adesivi arcobaleno, cartelli, bandiere dell'orgoglio trans e abiti colorati. Alcuni vescovi hanno marciato con i loro coniugi dello stesso sesso, che non sono stati invitati a partecipare pienamente alla conferenza come i coniugi di sesso opposto, ma che sono invitati a partecipare ad alcuni eventi come osservatori.

La marcia nel primo giorno ufficiale della conferenza è stata organizzata dalla Rete del personale LGBT+ dell'università e ha riunito oltre 100 studenti e personale universitario, il clero e i loro coniugi, residenti locali e altri sostenitori. L'evento era stato pianificato con mesi di anticipo come parte della programmazione parallela dell'università durante la conferenza, che l'ateneo sta ospitando nonostante le sue obiezioni al modo in cui la conferenza sta trattando le questioni LGBTQ+. «Accogliamo con grande favore l'incontro di voci provenienti da diversi contesti, culture e prospettive alla Conferenza di Lambeth e, come università, intendiamo imparare e, ove appropriato, aggiungere la nostra voce alla discussione delle questioni vitali in discussione», hanno scritto gli amministratori dell'università a giugno.

«Inoltre, siamo consapevoli che la posizione della Comunione anglicana mondiale sul posto delle persone LGBT+ all'interno della Chiesa e della società in generale non corrisponde ai nostri valori profondamente radicati di uguaglianza, inclusione, tolleranza e rispetto reciproco. Lo diciamo apertamente e senza ambiguità».

Circa 650 vescovi e loro coniugi provenienti da 42 province anglicane e 165 Paesi sono riuniti a Canterbury per la conferenza. Non ha autorità legislativa, ma ha lo scopo, attraverso lo studio comune di questioni globali e di temi che hanno un impatto sulla fede cristiana - così come la comunione e il culto - di plasmare la vita della comunione nel prossimo decennio. I punti di vista sul matrimonio omosessuale variano ampiamente in tutta la comunione, con la Chiesa episcopale in prima linea verso la piena uguaglianza matrimoniale e la piena inclusione delle persone LGBTQ+.

L'università si è impegnata a organizzare eventi che rispondano e si confrontino con il dibattito sull'inclusione delle persone LGBTQ+ nelle chiese anglicane. La marcia ha dato il via al simposio "Arcobaleni nella religione", durato l'intera giornata e comprendente presentazioni e discussioni sul tema.

Sebbene gli organizzatori della marcia avessero individuato nella decisione dell'arcivescovo di Canterbury Justin Welby di non invitare i coniugi dello stesso sesso la motivazione principale della marcia, questa ha assunto un significato ulteriore dopo che una dichiarazione in cui si afferma che la Comunione anglicana «nel suo complesso» rifiuta il matrimonio tra persone dello stesso sesso è stata aggiunta a una delle bozze dei documenti - i "Lambeth calls" - che i vescovi voteranno. Il linguaggio è stato ancora modificato il 26 luglio per eliminare il linguaggio più divisivo e per riflettere la mancanza di consenso sulla questione in tutta la comunione.

 

Photo: Egan Millard/Episcopal News Service

Interesse geografico: