Mentre i conflitti continuano in Sud Sudan e nella Repubblica Democratica del Congo, i gruppi cristiani pregano e sottolineano le loro preoccupazioni

Le chiese del continente esprimono la loro profonda preoccupazione mentre la situazione umanitaria e politica nei due Paesi continua a deteriorarsi

In Sud Sudan e nella Repubblica Democratica del Congo, il lavoro di pace e riconciliazione di pastori, sacerdoti e cristiani laici rimane fondamentale per la popolazione, mentre la Chiesa globale e i gruppi ecumenici amplificano le loro preoccupazioni per i complessi ma distinti conflitti nei due Paesi africani.

Il 25 luglio, il pastore Charles Berahino, segretario esecutivo del dipartimento Pace e Diaconia della Conferenza delle Chiese di tutta l'Africa, ha sottolineato la profonda preoccupazione delle chiese del continente, mentre la situazione umanitaria e politica nei due Paesi continua a deteriorarsi.

Berahino, pastore quacchero del Burundi, ha parlato in un'intervista mentre Pax Christi International, il movimento cattolico romano per la pace e l'Unione dei Superiori Generali Internazionali- tenevano preghiere speciali per le persone e l'ambiente dei due Paesi.

«La situazione in Sud Sudan rimane tesa a seguito delle divergenze tra il presidente e il suo vice. Gli scontri intercomunitari nelle zone rurali stanno peggiorando la situazione», ha detto Berahino. «La situazione umanitaria è grave, poiché la violenza sposta milioni di persone all'interno del Paese e ne trattiene altre all'esterno come rifugiati».

In Congo, secondo il funzionario, almeno 146 gruppi armati e banditi ben organizzati e influenti operano nella parte orientale del Paese. Egli ha inoltre espresso la preoccupazione delle chiese per la presenza di truppe straniere nella regione orientale e per il peggioramento della situazione umanitaria.

«Ci stiamo organizzando con i nostri partner ecumenici per vedere come influenzare al meglio la situazione. Vogliamo che il mondo sappia che la Repubblica Democratica del Congo è un Paese molto preoccupato», ha detto Berahino.

Pax Christi e l'Unione dei Superiori Generali Internazionali hanno osservato che i contesti specifici dei due Paesi sono diversi, ma entrambi hanno lottato per superare conflitti violenti e sfide profonde.

«Nonostante il dolore e le difficoltà nella Repubblica Democratica del Congo e nel Sud Sudan, donne e uomini pieni di fede e impegnati lavorano insieme ogni giorno per servire il popolo di Dio, per celebrare la comunità amata e per costruire una società pacifica e non violenta», si legge nell'invito alla preghiera online dell'organizzazione.

Teresia Wamuyu Wachira, suora cattolica keniota e co-presidente di Pax Christi, ha detto che l'incontro di preghiera è stato convocato per amore dei popoli del Sud Sudan, della Repubblica Democratica del Congo e del continente, e per l'interesse di creare culture di pace nel mondo usando la nonviolenza attiva.

«I due Paesi per i quali ci siamo riuniti e per i quali preghiamo hanno vissuto e continuano a vivere conflitti violenti. Ci viene anche ricordato e messo di fronte alla realtà che ci sono bambini che sono nati in guerra e che quindi non hanno mai sperimentato la pace, la giustizia e la gioia. È per questi bambini che ci riuniamo oggi», ha detto Wachira in un messaggio.

Secondo la suora, i sogni dei giovani di questi Paesi sono stati infranti a causa dei conflitti radicati. Anche le donne non hanno potuto allattare i loro figli in pace, nutrire le loro famiglie, cantare le ninne nanne ai loro figli e fare rete con le altre donne.

Anche gli uomini sono stati costretti a portare armi per proteggere le loro famiglie e sono stati privati della loro dignità di proteggere e provvedere alle loro famiglie.

«Come operatori e costruttori di pace, siamo invitati a sostenere, a fare pressione, a investire e a sfidare i nostri governi e il mondo globale a non investire in armi, ma a investire in ciò che conta», ha detto Wachira.

La copresidente ha chiesto di investire in acqua, salute, istruzione, cibo e sicurezza umana, e anche in una pace giusta.

 

Photo: Paul Jeffrey/Life on Earth Pictures

Interesse geografico: