La Federazione luterana mondiale visita il nord dell'Ucraina

Varie attività di sostegno alla popolazione previste. Bisogna agire in fretta, prima che il freddo giunga a colpire la regione martoriata

Mine, infrastrutture distrutte, persone traumatizzate: Queste sono le impressioni di una visita di valutazione nell'Ucraina settentrionale, dove la Federazione luterana mondiale (LWF) intende prestare assistenza nel prossimo futuro. Un team di operatori della LWF, insieme al vescovo Pavlo Shvarts, capo della Chiesa evangelica luterana tedesca dell'Ucraina (GELCU), una chiesa membro della LWF, ha visitato i comuni dell'oblast' di Chernihiv, a nord di Kiev, incontrando le autorità locali, i partner e la popolazione locale. 

L'oblast' (distretto) di Chernihiv è «una delle aree parzialmente occupate e recentemente liberate», ha spiegato Josef Pfattner, coordinatore delle azioni della LWF in Ucraina, che ha partecipato alla visita. La regione è al confine con la Russia ed è stata il punto di ingresso dell'esercito russo che marciava su Kiev all'inizio dell'invasione. Di conseguenza, molte città sono state occupate per più di due mesi o sono state invase dall'esercito russo due volte - all'andata e al ritorno. «Dopo la loro ritirata, hanno lasciato un disastro», ha detto Pfattner. «Le case sono state bruciate e le infrastrutture distrutte, le scuole e gli ospedali sono stati saccheggiati e bombardati, i soldati hanno lasciato mine antiuomo». La gente, ha aggiunto, è traumatizzata. 

Vivere nell'area è ora difficile, ha aggiunto Pfattner. L'esercito ucraino ha distrutto molti ponti e strade per fermare l'avanzata dell'invasione. Ovunque nel Paese i prezzi sono in aumento. Il carburante scarseggia. «Si può fare rifornimento solo fino a 20 litri alla stazione di servizio, e abbiamo visto code di 30 auto in attesa», ha raccontato Pfattner. Anche nelle zone occidentali ci sono frequenti raid aerei. «È un rischio per la sicurezza. Gli allarmi sono diventati così frequenti che la gente non cerca più riparo. È uno stress permanente. Non riescono a dormire la notte e a volte scelgono di rimanere nei loro appartamenti». 

La maggior parte delle persone che vivono nel distretto di Chernihiv è rimasta e non è fuggita, ha aggiunto Pfattner. Molti sono anziani, hanno disabilità fisiche e spesso non hanno i mezzi economici o le conoscenze per fuggire in tempo. Inoltre, le strutture comunali non possono sostenerli a causa della guerra. «Le persone che sono rimaste qui sono probabilmente quelle più colpite».

«La cosa più urgente da fare in questo momento è prepararsi all'inverno e aiutare i bambini», ha proseguito Pfattner. Il team della LWF stima che nell'oblast' di Chernihiv siano state distrutte 15.000 case singole e un numero ancora maggiore di appartamenti. Poiché l'inverno arriva presto e duramente nell'Ucraina settentrionale, è necessario riparare tetti e finestre e dare alle persone un posto dove vivere, mentre alcuni materiali da costruzione sono estremamente difficili da reperire nel Paese.  

L'area deve anche essere smantellata e la gente ha bisogno di mezzi di sostentamento. Alcune fabbriche di petrolio e gas naturale, la principale fonte di reddito della regione, sono state bombardate e distrutte. Le scuole devono essere ristrutturate prima dell'autunno e idealmente dotate di un rifugio antiatomico, come richiesto dalle nuove normative del Paese. 

La Federazione luterana intende anche organizzare attività per i più giovani. Ciò comporterà il sostegno ai bambini, il miglioramento della sicurezza, del benessere e della dignità delle popolazioni colpite dalla guerra e la preparazione per la scolarizzazione dopo l'estate. Per esempio, non possono più giocare nei loro soliti campi da gioco, nei cortili delle scuole, nei parchi pubblici e nelle foreste per paura delle mine. «Molti genitori li tengono a casa», ha concluso Pfattner. «Questi bambini hanno già sofferto in passato per le restrizioni del COVID. Ci piacerebbe organizzare dei campi estivi per loro». 

Interesse geografico: