Stati Uniti,la fine del diritto all'aborto inquieta le donne soldato

In un ambito in cui il tasso di gravidanze indesiderate è più alto della media nazionale e una su quattro ha subito violenze, le donne militari saranno probabilmente ancora più colpite dalla fine del diritto all'aborto

Le donne militari potrebbero essere particolarmente colpite. Con la fine del diritto all'aborto negli Stati Uniti, avranno un ostacolo in più da superare per avere successo in un mondo di uomini in cui l'incidenza della violenza sessuale e il tasso di gravidanze indesiderate rimangono più alti della media nazionale. 

All'annuncio dell'abbandono della Roe v. Wade da parte della Corte Suprema, che garantiva il diritto all'aborto in tutti gli Stati Uniti, il Segretario alla Difesa Lloyd Austin si è impegnato a rivedere i regolamenti del Pentagono per «garantire la continuità nel fornire un facile accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva, nel quadro della legge federale». Ma non ha annunciato alcuna misura per aiutare le circa 230.000 donne che prestano servizio nelle forze armate statunitensi, anche se, in base a una legge del 1976, il sistema sanitario militare può interrompere le gravidanze solo in caso di stupro o incesto comprovato, o se è in gioco la vita della madre.

Tuttavia, gli Stati americani più conservatori - che hanno annunciato un divieto immediato o imminente dell'aborto - ospitano importanti basi militari, come il Texas (Fort Hood). Come il resto della popolazione, le donne di queste basi che desiderano abortire dovranno prendere diversi giorni di ferie per spostarsi in un altro Stato, a proprie spese, e trovare una clinica civile che pratichi l'aborto.

Ma «penso che sarà un po' più difficile per le donne militari», ha dichiarato all'AFP Julie, un'infermiera militare, a condizione di anonimato. Gli stipendi nell'esercito non sono alti, dice, e le donne saranno riluttanti a chiedere il congedo perché dovranno dire il motivo e temeranno per la loro carriera.

«Temo che le donne ricorrano a pratiche non sicure per non dover rivelare perché hanno bisogno di quattro o cinque giorni di ferie... se devono andare in un altro Stato, o a due o tre Stati di distanza», aggiunge. Le donne rappresentano solo il 17% delle forze armate statunitensi, ma sono una popolazione giovane (il 75% delle nuove reclute ha meno di 22 anni) e quasi il 25% di loro è stato vittima di violenza sessuale nell'esercito, secondo un'analisi del 2018 della rivista Trauma, Violence and Abuse.

Tuttavia, anche nei casi di stupro, le donne sono riluttanti a rivolgersi a un medico militare, che avrebbe l'obbligo di ordinare un'indagine sull'aggressione. La maggior parte delle violenze sessuali nell'esercito è commessa da un ufficiale superiore. Un altro ostacolo da superare è la riluttanza delle donne nell'esercito a farsi prescrivere contraccettivi dai medici militari, poiché l'attività sessuale è scoraggiata nei ranghi, soprattutto durante le missioni.

Le donne militari «hanno un tasso di gravidanze indesiderate del 22% più alto rispetto alla popolazione civile», ha dichiarato una delle leader della proposta di legge, la deputata californiana Jackie Speier, quando l'ha presentata all'inizio di giugno. «Le nostre soldatesse meritano lo stesso accesso all'assistenza sanitaria di base delle persone che proteggono in combattimento». In una lettera pubblicata a metà giugno, i Democratici hanno anche chiesto al Segretario alla Difesa di rendere più facile per le donne militari ottenere l'aborto, compreso il rimborso delle spese di viaggio per coloro che dovrebbero cambiare Stato o addirittura Paese. La contraccezione non è rimborsata al 100% dall'assicurazione sanitaria dell'esercito americano, aspetto che anche i democratici stanno cercando di cambiare.

 

 

Foto di Virginia Guard Public Affairs

 

 

Interesse geografico: