Biblioteca per le eco comunità: una bibliografia ragionata sui temi dell'ecologia

Una selezione di testi da usare come ulteriore strumento di informazione sulle questioni ambientali

La «Biblioteca per le eco comunità» è una bibliografia ragionata redatta dalla GLAM, la Commissione Globalizzazione e Ambiente della Fcei, inserita nella più ampia attività di divulgazione sul tema della cura dell’ambiente che da anni impegna attivamente la Commissione.

Quello dell'eco comunità è un concetto ideato dalla stessa GLAM svariati anni fa per guidare le comunità in un percorso verso la piena consapevolezza delle proprie scelte di vita, in un’ottica di attenzione e premura verso il Creato. Esistono tre livelli di eco comunità (“avviata”, “in cammino” e “diplomata”) regolati da 39 criteri da rispettare, dalle scelte energetiche verdi alla celebrazione di culti sulla giustizia economica e ambientale.

L’ispirazione è arrivata anche guardando all’estero: «Questa è la bellezza di quello che succede all’estero: sono avanti a noi. Abbiamo preso idee da diversi Paesi e li abbiamo raccolti in questi 39 criteri. Non sono regole o doveri, ma sono spunti per aiutare la tua comunità a prendersi cura del Creato» racconta Paul Krieg, membro della GLAM.

L’intento del gruppo è quello di creare una rete di eco comunità con le quali scambiarsi informazioni e sostenersi a vicenda. Non solo comunità ecclesiastiche, ma anche varie organizzazioni rientrano in un totale di 120 contatti a cui la GLAM manda regolarmente notizie e suggerimenti.

La «Biblioteca per le eco comunità» rientra nella missione della Commissione volta ad incoraggiare le comunità ad intraprendere un ripensamento ecologico delle proprie attività.

Conferma Paul Krieg: «L'idea è di nutrire queste reti di persone e di fratelli in tutta l’Italia con le idee che abbiamo raccolto, informare loro a proposito di tante questioni ambientali», senza però appesantire il contenuto con informazioni non essenziali.

Infatti, in una trentina di pagine, la GLAM è riuscita a sintetizzare argomenti cruciali attraverso lo strumento della bibliografia ragionata, ovvero una selezione di testi per i quali si inserisce una breve riflessione e di cui si indicano anche i riferimenti per l’acquisto del libro.

Gli argomenti contenuti sono molteplici e si suddividono in 9 temi principali, tra cui l’ecofemminismo. Si tratta di testi che Krieg definisce “scritture liberative” e scritti soprattutto da teologhe, che contrastano la lettura del passato e della Bibbia da una prospettiva di dominio dell’uomo sulla natura e sulla donna. «L’uomo fa parte del Creato, non è sulla Terra per dominarla e farne quel che vuole».

Sebbene l’ecoteologia proveniente dall’ambiente protestante sia una delle principali fonti della bibliografia, tra i titoli figurano anche molti libri scritti da persone che appartengono ad altre realtà di fede o che non sono legate a un ambiente religioso. «Questi sono strumenti “in divenire”, cioè aperti al contributo dall’esterno. Chiunque può fare domande, critiche, ma anche contribuire. Ci sono comunità con cui non abbiamo alcun contatto e sarebbe bello averlo per aprire un dialogo, dare ma anche ricevere informazioni e incoraggiamento» conclude Paul.

La «Biblioteca per le eco comunità» è visionabile sulla pagina web della FCEI.

Per contribuire alla bibliografia si può contattare Paul Krieg all'indirizzo pekrieg45@gmail.com

 

Tags:

Interesse geografico: