Frammenti di Torah ricompaiono 83 anni dopo la Notte dei cristalli

Erano custoditi da un pastore protestante dopo una lunga storia di salvataggio e custodia

Un pastore protestante tedesco ha consegnato frammenti di un rotolo della Torah considerato perduto da tempo alla città di Görlitz, nel sud-est della Germania, 83 anni dopo che suo padre, un poliziotto, ne era entrato in possesso.

Sebbene non sia raro che i non ebrei tedeschi riconsegnino oggetti religiosi che sono stati persi o nascosti dalla follia nazista, i frammenti del rotolo della Torah hanno compiuto un viaggio insolitamente tortuoso prima di venire alla luce la scorsa settimana. La Torah era scomparsa dalla tragicamente nota Notte dei cristalli, Kristallnacht, il pogrom contro sinagoghe e proprietà ebraiche nei paesi di lingua tedesca il 9 e 10 novembre 1938.

Secondo il pastore, Uwe Mader, 79 anni, la storia è iniziata con suo padre, Willi Mader. Nato a Görlitz nel 1914, Willi era un giovane ufficiale di polizia quando fu chiamato in sinagoga la notte del pogrom antiebraico.

Uwe Mader ha raccontato al quotidiano Säschsiche Zeitung che suo padre non ha mai parlato di quello che è successo quella notte, quindi non è chiaro come i quattro frammenti della Torah siano effettivamente finiti nelle sue mani. Mader crede che siano stati ritagliati da qualcuno in grado di leggere la Torah e selezionare con cura alcuni passaggi, tra cui la storia della creazione e i Dieci Comandamenti.

I frammenti passarono di mano più volte nel corso degli anni del dominio nazista e poi sovietico.

Alla fine degli anni '30, Willi Mader portò le pergamene per la custodia a un'amica a Kunnerwitz di nome Herta Apelt e a suo fratello. A loro volta li portarono al loro pastore locale, Bernhard Schaffranek, che nascose le pergamene della Torah nella sua biblioteca. Morì nel luglio 1949. Nel 1969, la sua vedova, Magdalena, li consegnò al nuovo vicario nella vicina Reichenbach, Uwe Mader, probabilmente sapendo che era stato suo padre a riceverli per la prima volta nel 1938.

Magdalena Schaffranek ha detto a Uwe Mader di non dirlo a nessuno e lui ha mantenuto la sua promessa, senza nemmeno dirlo a sua moglie. Ha nascosto le pergamene all'interno di rotoli di carta da parati nel suo ufficio. Quando si trasferì a Kunnerwitz nel 1977, portò con sé i rotoli.

Con i disordini politici del 1989 che portarono all'unificazione tedesca, Mader li trasferì in un armadio d'acciaio chiuso a chiave e tenne sempre con sé la chiave. Non è stato che alla fine degli anni '80 che Willi Mader ha finalmente raccontato a suo figlio come aveva iniziato questa catena di passaggi di consegne.

Dopo decenni di ulteriore silenzio, la scorsa settimana Uwe Mader ha finalmente deciso che era giunto il momento di portare alla luce le pergamene.

La città di Görlitz, che ha recentemente completato una ristrutturazione della sua sinagoga, ha affermato per bocca degli amministratori comunali, che prevede di lavorare con i leader ebraici regionali per sviluppare un piano su come visualizzare, o potenzialmente restaurare, i frammenti.

La "Nuova sinagoga" di Görlitz, che risale al 1911, è stata l'unica nello stato della Sassonia a sopravvivere alla Kristallnacht. È stata ripristinata come luogo di culto e spazio per incontri interreligiosi la scorsa estate. 

Alcuni leader e attivisti ebrei locali non hanno nascosto una certa irritazione all'annuncio che i frammenti erano stati consegnati alla città piuttosto che direttamente ai rappresentanti della comunità ebraica.

Ma Zsolt Balla, rabbino di stato della Sassonia e primo cappellano militare ebreo della Germania del dopoguerra, ha detto all'Agenzia Telegrafica Ebraica di essere ottimista sui piani per i rotoli dopo aver parlato con il sindaco della città, Octavian Ursu, venerdì.

«Discuteremo strategie la prossima settimana su come procedere», ha detto Balla.

Secondo la Säschsiche Zeitung, gli osservatori sono rimasti sbalorditi quando l'archivista cittadino Siegfried Hoche ha collocato i quattro frammenti su un tavolo presso il municipio giovedì scorso.

Il sindaco Ursu ​​ha dichiarato di essere «grato di aver ricevuto un tesoro storico così prezioso per il nostro archivio comunale» e che la città avrebbe «preparato la sua mostra per il pubblico in stretta consultazione con i rappresentanti ebrei della Sassonia».

Il presidente della comunità ebraica locale Alex Jacobowitz ha visionato le pergamene venerdì. Alla stessa Agenzia Telegrafica Ebraica ha dichiarato che alcuni di loro sembrano essere «in condizioni relativamente buone e potrebbero essere usati in un futuro Sefer Torah... altri non sono più utilizzabili e dovrebbero essere sepolti in una genizah o messi in una mostra permanente all'interno della sinagoga della città».

 

Foto per gentile concessione del Bundesarchiv

Interesse geografico: