Cop26, la delusione delle chiese

«Continueremo a spenderci per la tutela de Creato e per la giustizia climatica»

Dopo due intense settimane di negoziati, azione della società civile, discussione e preghiera, la COP26 è giunta al termine. ACT Alliance e la Federazione luterana mondiale hanno seguito da vicino il vertice. «Riteniamo che ci sia ancora molto da fare per raggiungere la giustizia climatica, in particolare per le comunità del Sud del mondo» è il primo commento a caldo. «Sono essi ad affrontare gli effetti peggiori del cambiamento climatico e hanno fatto il minimo per contribuirvi».

Per questo la bocciatura è netta: «Come persone di fede impegnate a prendersi cura del Creato e lavorare per la giustizia climatica e la dignità di tutti siamo delusi dai risultati della COP26 di Glasgow. Quanto negoziato non va abbastanza lontano nell'offrire soluzioni concrete alla crisi climatica. Senza dettagli e azioni, le promesse sono vuote».

Non mancano alcuni aspetti positivi: «Accogliamo con favore il lancio della Beyond Oil and Gas Alliance, la coalizione internazionale in cui governi e stakeholder mettono in campo soluzioni per facilitare la riduzione progressiva della produzione di petrolio e gas. Inoltre, singoli paesi, come la Scozia e la Danimarca, si sono impegnati ad aumentare in modo significativo i propri finanziamenti al Sud del mondo per azioni volte a contenere l’impatto dei cambiamenti climatici, che è una delle nostre principali preoccupazioni. Riteniamo che questo sia un buon passo avanti e non vediamo l'ora di vedere le azioni intraprese e anche di vedere altre nazioni unirsi a questo impegno chiave».

Tuttavia, il mondo ha urgente bisogno di più ambizione e di un'azione più concertata per raggiungere la giustizia climatica e mantenere il riscaldamento globale entro 1,5°C o anche meno da qui a fine secolo. «Come persone di fede, siamo delusi ma non scoraggiati dalla mancanza di risultati della COP26. Come partner del movimento ecumenico, continueremo a prenderci cura del Creato, a lavorare per la giustizia climatica e a stare con i più vulnerabili. Chiediamo alle chiese di tutto il mondo di continuare ad alzare la voce per la creazione e per la giustizia climatica».

«Per mantenere vivo l’obiettivo del contenimento della temperatura il mondo deve eliminare gradualmente la produzione e il consumo di combustibili fossili il più rapidamente possibile. Limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5°C è fondamentale per ridurre gli impatti dei cambiamenti climatici sulle persone più povere e vulnerabili del mondo, in particolare le donne e le ragazze che sono le più colpite dai disastri causati dal clima», ha affermato Rudelmar Bueno de Faria , segretario generale di ACT Alliance.

«Siamo stati ispirati dall'appello incessante per la giustizia climatica da parte degli attori della fede e della società civile. Dobbiamo mantenere lo slancio e continuare a chiedere un'azione coraggiosa da parte di tutti gli attori a tutti i livelli. Questa è la grande crisi del nostro tempo, e non c'è tempo da perdere. Le sue conseguenze influenzeranno le generazioni future in tutto il mondo», ha dichiarato invece la pastora Anne Burghardt, segretaria generale della Federazione luterana mondiale.

«Anche dopo 200 marce nelle città di tutto il mondo nelle ultime due settimane, la COP26 non ha soddisfatto le aspettative. La Chiesa metodista, insieme ai suoi partner, ha chiesto ai leader di raggiungere la tanto attesa promessa di 100 miliardi di dollari all'anno per sostenere la mitigazione e l'adattamento per le nazioni in via di sviluppo. Questa promessa deve ancora essere realizzata. Inoltre, le comunità devastate dagli uragani e da altri disastri legati al clima stanno ancora aspettando i finanziamenti necessari per riparare perdite e danni. C'è stata molta resistenza alla COP26 all'istituzione di un tale fondo» ha dichiarato la pastora Sonia Hicks, presidente della Conferenza metodista britannica.

«A guardare il bicchiere mezzo pieno, il vertice della COP di Glasgow sarà contrassegnato come quello in cui la fine del finanziamento pubblico di petrolio, gas e carbone ha guadagnato terreno con i governi, anche se c'è ancora molto lavoro da fare». «Negli ultimi 18 mesi la famiglia metodista globale è stata riunita da giovani di 5 continenti. La campagna Climate Justice 4 All, sostenuta dalla Chiesa metodista in Gran Bretagna e dal Consiglio metodista mondiale, ha assicurato che i partner metodisti potessero avere una presenza fisica al vertice della COP26. Essere a Glasgow al fianco delle nostre sorelle e dei nostri fratelli del Pacifico ci ha permesso di sederci con persone la cui stessa esistenza è minacciata dalla crisi climatica. Hanno parlato non solo per invitarci ad un'azione urgente, ma anche per chiederci di progredire nel nostro pensiero sulla tutela del pianeta che Dio ha creato per noi. Come chiesa, abbiamo bisogno di una teologia e di una spiritualità che ricalibrino le idee tradizionali di "dominio", portandoci a un rapporto più stretto di collaborazione con il pianeta e la sua gente». «La presenza di diverse comunità di fede a Glasgow era evidente conclude Sonia Hicks. La ricchezza di far parte di una chiesa globale è l'opportunità che viene offerta nell’apprezzare la nostra diversità. È solo attraverso il dialogo con gli altri che le possibilità di azione diventano chiare. Uniti nell'amore di Cristo e nella grazia salvifica, dobbiamo continuare a lavorare insieme per realizzare la giustizia per la creazione e per tutto il popolo di Dio».

Interesse geografico: