Comunità di Pomeyrol in Francia, un ecumenismo vivo

Nomina a Cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito francese per suor Daniellè, alla guida della comunità di preghiera che è punto di riferimento per i riformati francesi da quasi un secolo

Suor Danielle, è stata nominata Cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito presso la Sala Polivalente Pierre Emmanuel a Saint Etienne du Grès, nel dipartimento delle Bocche del Rodano della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra, sud della Francia

Erano presenti alcuni amministratori locali, nonché Georgina Dufoix, già ministra per gli Affari sociali e già presidente di Croce Rossa Francia. È con una certa emozione che il pastore François Clavairoly, presidente della Federazione protestante di Francia (Fpf) è venuto a presentare questo riconoscimento a suor Danielle, circondato da tutte le sorelle, diaconesse, compagne e amiche della comunità di Pomeyrol, la cui presenza ha testimoniato il radicamento della comunità nella regione e molto più ampiamente nella società.

Priora della comunità delle Sorelle di Pomeyrol dal 1991 al 2019, suor Danielle ha segnato con la sua spiritualità la testimonianza di vita e l'accoglienza che la comunità ha messo in campo dalla fine della guerra a Saint Etienne du Grès.

L'inizio umile e titubante della Comunità di Pomeyrol fu un tentativo di aprire una casa di accoglienza a Saint-Germain en Laye, vicino a Parigi, nel novembre 1929, in un edificio appartenente all'Association des pasteurs de France. Non si trattava ancora di Comunità, ma semplicemente di organizzare due piccole celle e un oratorio per chi voleva solitudine e silenzio.

Tra le due guerre, lo scoutismo ha portato ai giovani il senso e il gusto per la vita comunitaria, il suo ritmo, le sue liturgie, la pratica delle discipline spirituali - in particolare del silenzio e dei servizi quotidiani, il clima di una vita. povero ma generoso, semplice ma armonioso, gioioso nell'amore fraterno e nell'umile servizio. La maggior parte dei primi residenti di Pomeyrol provenivano dallo scoutismo; questo spiega il suo particolare ministero tra i giovani.

Nel marzo 1937, tramite il segretario generale dell'Association des pasteurs de France, che aveva ricevuto in donazione i beni di Pomeyrol, il Comitato di Nîmes indirizzò la vocazione al Ritiro di Saint-Germain-en-Laye, per aprire una seconda Casa.

Dal 1940 al 1944, nonostante le difficili condizioni, diverse centinaia di persone rimasero a Pomeyrol. Si sono svolti circa 40 ritiri. L'équipe della comunità ha resistito a sei occupazioni militari senza interrompere né la sua vita liturgica né il suo lavoro. Ma, il 28 febbraio 1944, fu espulsa in quattro ore dalle truppe tedesche, potendo portare solo biancheria, coperte e stoviglie. Rifugiati in un vicino casale, i tre residenti hanno continuato la vita di preghiera e la loro attività: ampia accoglienza per tutti, alcuni ritiri individuali o collettivi.

Fu solo nel marzo 1946 che la tenuta fu finalmente restituita all'Association des pasteurs de France.

Nel 1953, il Consiglio Regionale della Chiesa Riformata riconobbe ufficialmente la Comunità Religiosa di Pomeyrol.

Il presidente della Fpf ha ricordato i momenti chiave della storia della comunità di Pomeyrol e in particolare il momento della stesura delle coraggiose “tesi di Pomeyrol” nel 1941 contro il nazismo e l'antisemitismo, il terribile incendio del 1952 che ha quasi messo in discussione tutto, ma anche le innumerevoli sessioni di accoglienza, conferenze e incontri ecumenici, che danno il segno insostituibile di questa comunità fragile e radiosa insieme.

Le tesi di Pomeyrol sono posizioni scritte il 16 e 17 settembre 1941 da dodici membri della Chiesa Riformata di Francia (Erf), al fine di fornire un supporto teologico alla resistenza al nazismo, contro lo spirito di collaborazione e disfattismo, invocando la resistenza spirituale. I firmatari volevano che la Chiesa riformata in Francia prendesse posizione sull'occupazione e sulle sue conseguenze, specialmente per gli ebrei perseguitati. Queste tesi furono adottate dal sinodo regionale di Annecy nell'ottobre 1941 e il Consiglio nazionale della Chiesa riformata di Francia decise all'inizio del 1942 di distribuirle a tutti i presidenti dei consigli regionali. Le tesi di Pomeyrol sono all'origine della resistenza spirituale di un gran numero di cristiani e diventeranno il quadro della riflessione e dell'azione dei movimenti giovanili e di molti cristiani durante la guerra e oltre.

Suor Danielle, come suor Antoinette Butte, la fondatrice, ha mantenuto tutti questi impegni nella fedeltà al Vangelo e nella vita di questa comunità. Questo ordine nazionale di merito riconosce così pienamente l'iscrizione nel mondo di tale vocazione, sia personale che comunitaria.

«Più dell'intera comunità, è l'intera Federazione ad essere onorata per questo riconoscimento» ha dichiarato Francois Clavairoly.

Interesse geografico: