Il Consiglio delle Chiese del Sudafrica fa appello alla calma dopo i disordini di questi giorni

L'arresto dell'ex presidente Zuma ha scatenato un'ondata di violenze e saccheggi. «Le chiese insieme alle entità della società civile stanno facendo tutto il possibile per intervenire in questa situazione»

Una dichiarazione del 12 luglio del Consiglio delle Chiese sudafricane rileva con profonda preoccupazione la violenza e la distruzione di proprietà che sta travolgendo la nazione. «Questa violenza sta causando indicibili sofferenze», si legge nella dichiarazione.

La dichiarazione rileva inoltre che la violenza in molti casi è stata scatenata da recenti decisioni del tribunale relative all'ex presidente Jacob Zuma, arrestato e condannato a 15 mesi di prigione per non essersi presentato alle udienze del processo che lo vedevano accusato di corruzione per una presunta tangente legata all’acquisto di una partita di armi.

Il diritto di protesta deve essere esercitato con responsabilità, osserva la nota. «Cosa vediamo?» si chiede invece la dichiarazione. «Apprendiamo che molti dei camion che sono stati distrutti a Mooi River, sono di proprietà di imprenditori neri che ora hanno perso tutto e tutti i mezzi di sussistenza che dipendono da quell'industria andranno in miseria e potrebbero non essere in grado di uscire dai debiti».

Il messaggio chiede urgentemente di porre fine alle violente proteste che si riversano in atti criminali di vandalismo sfrenato e saccheggi che non dovrebbero essere sostenuti in una democrazia costituzionale. «La distruzione a cui stiamo assistendo avrà impatti di vasta portata e di lunga durata», continua il messaggio. «È uno stato di anarchia civile e caos che non può e non deve essere tollerato».

Il messaggio elogia anche la polizia per la sua moderazione nel gestire il vandalismo sotto provocazioni estreme e minacce fisiche. «Poiché la polizia è totalmente sopraffatta e l'esercito interviene per frenare la distruzione, potremmo ancora una volta affrontare una sfida diversa della potenziale militarizzazione della nostra società con risultati deplorevoli», si legge nella dichiarazione. «Dobbiamo invertire questo e rimanere a casa!».

Il pastore Frank Chikane, moderatore della Commissione delle Chiese per gli affari internazionali del Consiglio ecumenico delle chiese, ha affermato che la democrazia costituzionale in Sudafrica è stata messa a dura prova negli ultimi mesi. «Ci sono anche coloro che hanno abusato delle loro posizioni di autorità per depredare le risorse dello Stato per arricchirsi a spese dei poveri», ha detto. «Hanno anche agito al di fuori della legge e della costituzione».

La violenza criminale che sta vivendo il Sudafrica è stata innescata da coloro che vogliono destabilizzare il paese per assicurarsi che non vadano in prigione per le loro attività illecite e per gli atti di criminalità compiuti, ha aggiunto Chikane. «Purtroppo hanno approfittato opportunisticamente dei livelli di disoccupazione (soprattutto giovanile) e povertà per raggiungere questo obiettivo», ha detto. «Le chiese insieme alle entità della società civile stanno facendo tutto il possibile per intervenire in questa situazione».

Chikane ha invitato la comunità ecumenica globale a unirsi in preghiera affinché la leadership del paese trovi soluzioni alla crisi. «Pregate con noi per superare questo test della nostra democrazia costituzionale per garantire il futuro del Paese», ha detto. «Alla fine, la sfida rimarrà quella di trasformare l'economia in modo da migliorare le condizioni di vita dei poveri e dei disoccupati per garantire che nessuno possa mai trarne vantaggio».

 

Photo: Albin Hillert/WCC

 

Interesse geografico: