La Romania si riconcilia con il proprio passato nel riconoscere le responsabilità nella Shoah

80 anni dopo il pogrom e le persecuzioni che costarono la vita a migliaia di ebrei, Bucarest si confronta con una storia a lungo rimossa

Si parla spesso di “Olocausto dimenticato” riguardante la Romania. Il Paese, che per lungo tempo ha negato la propria partecipazione al genocidio ebraico, ha reso omaggio il 30 giugno alle vittime del pogrom del 1941, durante una commemorazione in Parlamento senza precedenti, simbolo dell'opera di memoria compiuta negli ultimi anni.

«Dobbiamo riconoscerlo: il nostro passato non è sempre stato glorioso», ha dichiarato il presidente del Consiglio Florin Citu, riferendosi a «l'inimmaginabile sofferenza, la crudeltà, la ferocia». Il massacro, compiuto per ordine del maresciallo filonazista Ion Antonescu a Iaşi (nord-est), ha lasciato quasi 15.000 morti, ovvero un terzo della popolazione ebraica dell'epoca di questa grande città universitaria. Il politico ha sottolineato «il dovere della verità e della giustizia affinché una simile tragedia non si ripeta», in occasione della cerimonia cui hanno partecipato gli ultimi sopravvissuti oltre a ministri e diplomatici. Un difficile dovere di verità e giustizia.

«Commemorando questo massacro, il peggiore nella storia moderna della Romania, il Parlamento sta gettando le basi per la riconciliazione», ha affermato Alexandru Muraru, il rappresentante del governo per la memoria dell’Olocausto.

All'epoca la città di Iaşi era popolata per metà dalla comunità ebraica, ovvero circa 40.000 persone. La maggior parte di loro erano semplici artigiani o piccoli commercianti. È qui che negli anni '20 nacque la "Guardia di ferro", un partito fascista. Mentre questa ostilità contro gli ebrei fioriva, la fragile democrazia della Romania stava cedendo alla tentazione dell'estrema destra. Nel 1940, il maresciallo Antonescu prese il potere e si alleò con il Terzo Reich.

Pochi mesi dopo, nel giugno 1941, in accordo con Hitler che aveva appena lanciato l'Operazione Barbarossa, il dittatore rumeno inviò l'esercito del suo paese per liberare la Moldova occupata dai sovietici. In risposta, la città subì attacchi aerei dall'Armata Rossa. Una psicosi antiebraica si impadronì della popolazione. Ogni individuo ebreo era visto come un nemico dall'interno. Voci di un complotto ebraico al servizio del nemico sovietico si diffusero a macchia d'olio e incontrarono una grande credulità. La situazione è favorevole ai disegni del maresciallo Antonescu che non nasconde il suo desiderio di eliminare «il problema ebraico».

Il 25 giugno 1941 la polizia consigliò alla popolazione cristiana di contrassegnare la propria casa con una croce. Le facciate della città sono ricoperte di manifesti che invocano la morte degli ebrei. Si dice che i paracadutisti sovietici siano entrati in città. Iniziano i rastrellamenti. Le autorità decidono di arrestare tutti i "sospetti".

Un primo convoglio di 2.500 ebrei partì il 30 giugno per Călărași, nel sud della Romania. Solo nel tragitto morirono 1.194 persone. Stessa cosa avverrà con i convogli successivi.

Oltre al suo carattere particolarmente barbaro, il pogrom di Iaşi è anche uno dei più documentati. Numerose foto sono state scattate durante questi giorni orribili. Alcuni da soldati tedeschi, presenti in città, desiderosi di inviare "ricordi" alle loro famiglie, altri da membri dell'intelligence rumena. Queste immagini ci mostrano, tra le altre cose, che individui comuni sono diventati carnefici insieme a membri delle forze di sicurezza e degli eserciti rumeni e tedeschi. «A Iaşi, sono stati i vicini, uomini e donne, che hanno partecipato agli omicidi e alla spoliazione dei loro vicini ebrei. A volte si trattava di azioni spontanee, a volte di azioni organizzate dai servizi segreti rumeni, che usavano le loro reti di informatori per maltrattare e assassinare ebrei», spiega lo storico rumeno Radu Ioanid, autore del libro "il pogrom di Iaşi " (Ed. Calmann-Lévy).

Almeno 280.000 ebrei rumeni e ucraini morirono sotto l'amministrazione di Ion Antonescu.

Per molto tempo questa pagina è stata taciuta. I criminali di guerra di Iaşi furono processati nel 1948 in un procedimento lampo. Solo 25 di loro sono stati condannati all'ergastolo. La Romania del periodo comunista ha voluto scaricare sulla Germania e anche sull'Ungheria, alleata della Germania, la responsabilità di tutti i crimini commessi sul suo territorio. I paesi che hanno conosciuto regimi comunisti tendono a percepire e presentarsi come vittime del totalitarismo. È difficile, nel caso rumeno, ammettere che lo stesso regime precedente fosse totalitario e commettesse grandi crimini. Di conseguenza, solo nel 2004 il governo rumeno ha riconosciuto la sua diretta responsabilità per il pogrom di Iaşi e si è ufficialmente scusato con la comunità ebraica.

Otto decenni dopo, il Paese vuole mostrare un altro volto. Il primo ministro rumeno Florin Cîțu ha nominato lo scorso gennaio un rappresentante speciale del governo per la Memoria e la lotta all'antisemitismo. Questo nuovo incarico è occupato dallo storico Alexandru Muraru, specialista della Shoah. Quest'ultimo ammette che la Romania ha troppo a lungo ignorato il suo passato. «Nel nostro paese, come in altri paesi dell'Europa centrale e orientale, c'è una tendenza al nazionalismo e alla glorificazione degli eventi storici nazionali. Questa visione minimizza gli episodi più oscuri».

Per bloccare finalmente la strada a queste idee, il governo ha adottato lo scorso maggio per la prima volta un piano strategico nazionale per combattere l'antisemitismo, la xenofobia, la radicalizzazione e l'incitamento all'odio. In occasione dell'80° anniversario del pogrom di Iaşi, la Romania vuole sottolineare questa buona volontà. Le delegazioni di molti Paesi sono invitate alla cerimonia che ha avuto martedì 29 giugno nel cimitero dove i resti delle vittime sono raccolti in un'enorme fossa comune. Lo stesso giorno è stato inaugurato anche un nuovo museo nel sito dell'ex Questura. Un altro dedicato più ampiamente alla storia della comunità ebraica nel Paese è in programma a Bucarest.

 

Foto: Ebrei arrestati dalle milizie rumene nella cittadina di Iasi

Interesse geografico: