Diaconia Austria: garantire accesso a istruzione e lavoro ai richiedenti asilo

Le aziende denunciano carenza di lavoratori eppure sono stati bloccati igli apprezzati programmi di formazione di persone straniere in attesa di giudizio sulla possibilità di rimanere nel Paese

«Non può essere che i giovani richiedenti asilo che vivono in Austria debbano letteralmente sedersi sul bordo del letto e aspettare che il tempo passi. Tutti i giovani devono avere accesso all'istruzione e alla formazione oltre la scuola dell'obbligo», chiede la direttrice di Diakonie Austria, Maria Katharina Moser, in un appello reso pubblico in questi giorni. Diakonie Austria è il braccio sociale della Chiesa evangelica riformata austriaca.

I giovani richiedenti asilo in Austria hanno un accesso estremamente difficile all'istruzione e alla formazione. Questo perché coloro che hanno superato l'età della scuola dell'obbligo non hanno diritto a frequentare l'istruzione superiore.

Inoltre dal 2018 l'allora ministra degli affari sociali e del lavoro, Beate Hartinger-Klein, ha ribaltato il regolamento del suo predecessore Rudolf Hundstorfer, e non è più consentito loro di iniziare un apprendistato in un'occupazione.

«E questo, sebbene l'Austria sia soggetta all'obbligo previsto dal diritto europeo di garantire l'accesso al mercato del lavoro in prima istanza dopo nove mesi di procedure di asilo», prosegue Moser.

La pandemia non ha cambiato la carenza di lavoratori qualificati. Anche prima, molte aziende erano contente di poter formare lavoratori qualificati tramite gli «apprendisti della procedura di asilo» e in buona parte aveva poi deciso di mantenere gli apprendisti occupati dopo aver completato il loro periodo di prova. Dopo il cosiddetto "compromesso apprendista" del novembre 2019, costoro possono comunque concludere il loro apprendistato anche di fronte a una decisione negativa in materia di asilo. Tuttavia, possono essere espulsi in qualsiasi momento dal giorno dell'esame finale di apprendistato.

«Il completamento con successo della formazione dovrebbe anche portare a un titolo di residenza in futuro», sottolinea Moser nella dichiarazione. «Nessuno capisce che l'Austria sta cercando febbrilmente di reclutare lavoratori qualificati dall'estero espellendo allo stesso tempo coloro nella cui formazione le aziende austriache hanno investito. Ciò non solo è contrario alla ragione umana, ma anche a qualsiasi logica economica. Dopotutto, l'Austria ha interesse economico che i giovani lavoratori qualificati possano utilizzare le competenze acquisite».

Interesse geografico: