Auguri anche alle non mamme

Il racconto di un altro tipo di genitorialità: quella del “non” davanti che non è negazione ma scelta, consapevolezza e riappropriazione del sé. L’impegno di comunicarla con gentilezza rendendola accessibile, delicata, vera

Nel mese dell’anno in cui si celebra la festa della mamma inevitabile è anche fermarsi a riflettere sulle condizioni delle donne che, con la genitorialità, hanno deciso di aggiungere un tassello in più al proprio percorso di vita. Il rapporto di Save the children “Le Equilibriste: la maternità in Italia 2021” pubblicato il 7 maggio 2021, dichiara che «nell’anno della pandemia 249 mila donne hanno perso il lavoro e 96 mila erano mamme».
Numeri altissimi e campanelli d’allarme di una problematica intensificatasi a seguito degli ultimi due anni di emergenza sanitaria. Le madri italiane (e non solo) sono state costrette ad abbandonare il lavoro o rivedere la propria situazione lavorativa per seguire i bambini più piccoli lasciati fuori dai centri per l’infanzia. Una scelta, e troppo spesso rinuncia, che è stata vissuta silenziosamente ma che racconta, espone una problematica viva e pulsante di questi tempi sempre più incerti per tutti ma soprattutto per tutte.

Il mondo di Susanna è fatto di tanti frammenti colorati e fragili; è un mondo pieno di aria e di ispirazioni piccole che toccano ognuno di noi nel quotidiano e nella vita che ogni giorno ci passa davanti e non sempre sappiamo afferrare. Susanna è bambina e donna, è una figlia, una compagna e un’amante. Susanna è un essere umano che da fuori, dalla strada, dalla finestra affacciato mentre si fuma una sigaretta è normale e spensierata, si mischia allo scorrere degli altri, dei tempi. Invece proprio lei ha un segreto che si tiene stretto, un piccolo pezzo che ha deciso di lasciare intatto, vuoto, pulito, sacro.

È così che si entra in punta di piedi in quella che è la mirabolante e delicatissima storia di Susanna Tartaro, autrice e speaker radiofonica per Radio 3 con “Fahrenheit”. Un racconto a grappoli di una vita semplice e poetica, in una visione del mondo in cui è necessario respirarsi per scoprirsi nei limiti inesistenti del pensiero e nei confini della carne molto più tangibili.

“La non mamma” (Einaudi, 2021) dice tutto senza mai svelarlo, mostra il pensiero, lo sguardo e il sentimento di una donna che prende una scelta, che a un certo punto supera il confine e serenamente sceglie, e priva di retorica sa e comprende come può essere altro senza dover spiegare niente a nessuno.

Un testo libero e a tratti sfrontato. Una lettura che fino alla fine trascina, si attorciglia intorno al cuore, alla curiosità e al voler sapere e, fino all’ultima pagina non alza il velo, non mostra il mistero ma, con un gesto elegante, quasi teatrale, ti dice «siedi qui e scopri con me che c’è dell’altro, che c’è anche il resto». Un invito a prendere in considerazione i non genitori, i non figli, i non nonni anche nei giorni di festa e di celebrazione. Uomini e donne che spesso si sono sentiti incastrati in qualcosa che non desideravano, a cui non pensavano perché l’altro bastava, per ognuno di loro – forse - è stato anche di più. Una storia vulnerabile al bello che chiede il rispetto per le scelte altrui senza imposizioni.

La non mamma, Susanna Tartaro, Einaudi, 2021, 112 p, 14 euro

Interesse geografico: