La chiesa evangelica tedesca sferza l'Europa e la Germania sull'accoglienza dei migranti

Dure parole del vescovo Bedford-Strohm che critica la politica europea di non accoglienza nei Balcani e in Grecia

Prima dell'incontro della cancelliera Angela Merkel con i rappresentanti delle organizzazioni che si occupano di aiuto ai rifugiati, la Diakonie, braccio sociale della Chiesa evangelica in Germania (Ekd) ha chiesto l'ammissione in Europa di coloro che sono rimasti bloccati al confine bosniaco-croato.

«Le persone vivono in condizioni irragionevoli in foreste e aree dismesse e continuano a cercare di entrare nell'Ue per richiedere asilo», ha detto lunedì a Berlino il membro del consiglio della Diaconia Maria Loheide. «La brutalità con cui la polizia di frontiera croata procede contro coloro che cercano protezione è inaccettabile. I circa 10.000 bloccati dovrebbero ora essere evacuati e ridistribuiti. La Germania può accogliere queste persone», ha aggiunto Loheide, e ha invitato il governo federale a lavorare in tutta Europa per aiutare coloro che cercano protezione al confine tra Bosnia-Erzegovina e Croazia. «Non ci si dovrebbe affatto abituare» alla situazione attuale, ha concluso. Martedì pomeriggio, Angela Merkel ha incontrato i rappresentanti, tra gli altri, di associazioni sociali, comunità religiose, affari, politica, sport, scienza, cultura e organizzazioni di migranti per scambiare idee, soprattutto, sulla politica dei rifugiati ai tempi della pandemia di coronavirus. Secondo il portavoce del governo Steffen Seibert, è il nono incontro di questo gruppo, creato dopo il grande movimento dei rifugiati nel 2015.

Il presidente del Consiglio della Chiesa evangelica in Germania Heinrich Bedford-Strohm ha criticato le condizioni nei campi profughi ai confini esterni dell'UE. «Trovo scandaloso che le condizioni disumane nei campi profughi alle frontiere esterne siano sempre più utilizzate come deterrente», ha detto il vescovo luterano all'Evangelical Press Service (epd). «Non c'è altro modo per spiegare la situazione. È insopportabile che tali condizioni siano concesse sul suolo europeo. L'Europa tradirà le proprie tradizioni umanitarie se permettiamo che tutto ciò continui».

Secondo un rapporto dell'Unione Europea, circa 1.900 persone nel campo profughi bosniaco di Lipa e nei suoi dintorni devono dormire all'aperto a temperature fino a meno 15 gradi. Alcuni migranti hanno i sintomi del Covid, secondo il rapporto. «È giunto il momento che la Germania vada avanti e accolga le persone, prima di tutto dai campi in Grecia e dalle frontiere esterne dell'Ue», ha proseguito Bedford-Strohm. Anche sull'isola greca di Lesbo migliaia di persone sono senzatetto dopo l'incendio nel campo profughi di Moria a settembre. 7.300 profughi stanno aspettando nel campo profughi di Kara Tepe, costruito dopo l'incendio a Moria.

«È frustrante che la voce delle chiese in Europa sia ascoltata solo in misura molto limitata», ha proseguito Bedford-Strohm. «La Commissione europea è aperta alla nostra posizione chiara, ma non è ancora riuscita a trovare una soluzione qui nella diversità dei singoli Stati». Bedford-Strohm ha anche criticato il governo federale. Il ministro dell'Interno federale Horst Seehofer (CSU) ha valutato il numero di soli 100.000 rifugiati ammessi l'anno scorso come un successo. «Se un basso numero di richieste di asilo non è una conseguenza del superamento della miseria delle persone, ma la conseguenza di un isolamento riuscito, non è un successo. Allora è anche una sconfitta morale. La Germania può fare di più».

Interesse geografico: