Rimandato il Congresso della Federazione giovanile evangelica in Italia

A fronte della situazione sanitaria ancora grave, il Consiglio nazionale ha deciso di spostare nell’autunno prossimo l’incontro che avrebbe dovuto tenersi a fine aprile

Il Consiglio della Federazione giovanile evangelica in Italia, riunito in seduta straordinaria domenica 17 gennaio, ha preso la decisione  di spostare all’autunno prossimo il Congresso, che avrebbe dovuto tenersi a fine aprile.

Negli ultimi mesi, in considerazione della situazione globale dovuta alla pandemia, erano già emersi dubbi circa la fattibilità di svolgere in presenza nel mese di aprile il Congresso nazionale, costituito dalle delegazioni di gruppi locali, che si riunisce ogni due anni e mezzo e ha il compito di eleggere un consiglio nazionale e definirne il mandato per i successivi 30 mesi. Purtroppo la situazione sanitaria continua a essere grave, e anche se con la campagna vaccinale e il passare del tempo si spera che la situazione migliori, questo non avverrà nel breve termine.

«Il Consiglio ha dunque preso la decisione  di spostare il Congresso all’autunno prossimo – si legge nella lettera circolare inviata agli fgeini e alle fgeine –. Ci siamo confrontati e confrontate, non è stata una decisione facile e abbiamo valutato diverse opzioni. Ci siamo chiesti/e se fosse il caso di provare a fare un Congresso online, ma è un’ipotesi che abbiamo scartato, dal momento che  non si tratta di una conferenza frontale, e, per quanto l’online offra molte possibilità, non ci consentirebbe di  svolgere un Congresso nelle modalità in cui è previsto: sì, con i suoi momenti di plenaria, di lettura di relazioni, ma anche con quei momenti di dialogo e confronto informale, con il chiacchiericcio in fondo alla sala che suscita le ire del seggio, con le chiacchiere nei tempi morti al bar e fuori dalla porta dell’auditorium, con i laboratori in cui ci si trova seduti/e per terra a scrivere i testi delle mozioni e degli odg… tutto ciò online non si può fare e il Congresso è anche tutto questo e crediamo non si possa arrivare alla stesura del nuovo mandato senza tutta questa cornice. 
Inoltre vorremmo poter tenere questo Congresso permettendo alle persone di partecipare serenamente, in un momento in cui lo spostamento tra regioni possa avvenire in maniera sicura e prima di questo momento non ci sembra il caso di organizzare un evento che metta in pericolo e in difficoltà gli fgeini e le fgeine».

In vista del Congresso da tenersi nell’autunno prossimo, il Consiglio della Federazione sta pensando a un calendario di eventi, principalmente online, per permettere agli fgeini, alle fgeine e a tutti/e i/le giovani delle chiese bmv di ritrovarsi. 

«Certi e certe che in questo momento di fatica e di sconforto il Signore sia accanto a noi e guidi i nostri passi in movimento o fermi che siano, e che prepari per noi cose ancora da scoprire andando al di là dell’oggi, continuiamo, insieme, a guardare a questo futuro, ricco di speranza, di attesa e di gioia nel poterci ritrovare e condividere i nostri percorsi intrecciandoli e arricchendo quella preziosa rete che è per noi la Federazione», si conclude la lettera. 

 

Interesse geografico: