Le Chiese negli Usa chiedono a Biden di proteggere i cristiani in Israele/Palestina

Una lettera firmata da 17 denominazioni religiose chiede un cambio di rotta degli Stati Uniti in Medio Oriente con un pari trattamento di tutte le parti in causa

La Chiesa presbiteriana degli Stati Uniti è una delle 17 denominazioni e organizzazioni religiose che hanno firmato una lettera rivolta alla futura amministrazione Biden per chiedere sicurezza per i cristiani che vivono in Terra Santa.

Nel testo rivolto al presidente eletto Joe Biden le chiese notano che «mentre l'attenzione è rivolta alla "piccola città di Betlemme" durante l'Avvento la comunità cristiana in Israele / Palestina continua a soffrire a causa della continua occupazione».

«Mentre i cristiani palestinesi continuano ad emigrare, ci troviamo di fronte alla reale prospettiva che la sopravvivenza della presenza cristiana autoctona in Terra Santa possa presto essere in pericolo», secondo il testo. «Garantendo che il governo degli Stati Uniti sia fermamente a sostegno della pace e della giustizia per tutti nella regione, la tua amministrazione può aiutare a garantire che la comunità cristiana, insieme a tutti in Terra Santa, possa prosperare».

Negli ultimi quattro anni, si legge ancora, «la politica si è mossa in direzioni che hanno alienato gli Stati Uniti da molti dei suoi partner internazionali e hanno sostenuto l'approfondimento dell'occupazione israeliana, minando gli sforzi a lungo termine per realizzare una pace giusta e duratura».

«Andando avanti», prosegue, «speriamo che la vostra amministrazione investirà in nuovi approcci che costruiscano verso un futuro in cui le violazioni dei diritti umani siano finite e ci sia parità di trattamento tra palestinesi e israeliani».

La lettera include sei richieste all'amministrazione Biden:

- Garantire che tutte le parti siano rispettate e coinvolte nei negoziati verso una pace giusta e duratura basata sul diritto internazionale.
- Riaffermare la posizione degli Stati Uniti secondo cui gli insediamenti sono illegali secondo il diritto internazionale e agire per garantire che qualsiasi ulteriore costruzione e crescita di insediamenti israeliani abbia conseguenze politiche.
- Riprendere i finanziamenti all'Autorità Palestinese, l'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e il lavoro e altri attori dell'ONU e umanitari che lavorano in Cisgiordania e Gaza.
- Garantire la responsabilità in aree come gli aiuti militari, i divieti di viaggio e le violazioni dei diritti umani.
- Ribadire la posizione degli Stati Uniti che i territori controllati da Israele a seguito della guerra del 1967, comprese Gerusalemme Est e le alture del Golan, sono territori occupati soggetti al diritto internazionale e non sono parti riconosciute di Israele.
- Mettere in chiaro che le critiche a Israele, compreso il sostegno a boicottaggi, disinvestimenti e azioni sanzionatorie, sono parole e azioni legittime.

«In quanto chiese e organizzazioni cristiane negli Stati Uniti, vi esortiamo vivamente a perseguire l'impegno in sforzi onesti, credibili e seri con palestinesi, israeliani, partiti regionali e la comunità internazionale per cercare una pace giusta e duratura» conclude il testo. «E preghiamo di unirci presto a voi nel celebrare una regione in cui tutti sono in pace e godono dei propri diritti e libertà senza questioni legate alla razza, etnia o credo».

Oltre alla Chiesa presbiteriana, la lettera è firmata da queste denominazioni e organizzazioni religiose:

Chiesa cristiana (Discepoli di Cristo)

Chiesa Cristiana Riformata in Nord America

Chiesa dei Fratelli

World Service

Chiese per la pace in Medio Oriente

La Chiesa Episcopale degli Stati Uniti

La Chiesa evangelica luterana in America

Il Comitato centrale mennonita 

Consiglio Nazionale delle Chiese di Cristo negli USA

Chiesa Unita di Cristo

Chiesa metodista unita.

 

Foto di FilWriter

Interesse geografico: