Valdesi e presbiteriani, connubio unico

Intervista a Kevin Frederick, per 13 anni pastore nella cittadina di Valdese negli Stati Uniti, fondata da immigrati delle valli piemontesi, la cui fede si è integrata con la Chiesa presbiteriana statunitense

Per più di un decennio, il pastore Kevin E. Frederick è stata una figura di spicco del movimento valdese negli Stati Uniti. Il 30 marzo 2021 andrà in pensione come pastore della Waldensian Presbyterian Church di Valdese in North Carolina. L' intervista  che segue è realizzata da Gretchen Costner, direttora del Waldensian Heritage Museum, di fronte alla Waldensian Presbyterian Church di Valdese.

Il Waldensian Heritage Museum conserva e interpreta la storia dell'insediamento valdese in North Carolina. Alla fine del XIX secolo, le pressioni demografiche costrinsero molti valdesi a lasciare la loro patria nelle Alpi Cozie del nord Italia. Un gruppo di ventinove si recò in North Carolina e fondò la città di Valdese nel 1893, preparando la strada a centinaia di altri coloni valdesi. Il Museo del patrimonio valdese presenta molti reperti della vita dei primi coloni tra cui fotografie, abbigliamento, artigianato, giocattoli, articoli per la casa, arredi per la chiesa, attrezzi agricoli, strumenti di falegnameria, libri, attrezzature per la vinificazione e una trapunta raffigurante scene della storia valdese. Dall'altra parte della strada rispetto al museo si trova la storica chiesa valdese presbiteriana, completata nel 1899.

La chiesa in stile romanico è elencata nel registro nazionale dei luoghi storici. Prima di costruire la chiesa, la Congregazione valdese decise di unirsi alla Chiesa Presbiteriana degli Stati Uniti, trovando grandi somiglianze nel credo e nella forma di governo. Una tradizione sopravvissuta al viaggio nel Nuovo Mondo era la pratica di far memorizzare ai bambini un capitolo della Bibbia: secoli di persecuzione avevano instillato la paura di perdere l'accesso alle Scritture scritte. Ogni estate la storia dei valdesi prende vita nel dramma all'aperto “From This Day Forward”, interpretato dagli Old Colony Players in Valdese.

La chiesa presbiteriana valdese è un unicum tra tutte le chiese presbiteriane negli Stati Uniti poiché unisce la tradizione presbiteriana e riformata con l'eredità più antica dei valdesi.

Ecco l'intervista:

Frederick, lei ha iniziato il suo servizio presso la Chiesa Valdese Presbiteriana il 1°novembre 2007. Cosa è stato ad attrarla di quella chiesa e di quella posizione in quel momento della sua vita?

«Ho servito come pastore associato per 22 anni prima del mio arrivo a Valdese e per diversi anni sono stato incoraggiato a diventare un pastore titolare di una chiesa. Da un paio d'anni cercavo l'abbinamento giusto per me. Quando ho iniziato a conoscere la storia della Chiesa Valdese in Italia e poi qui nella sua presenza in seno alla Chiesa presbiteriana, il mio interesse è cresciuto in maniera esponenziale. Mi piaceva anche il fatto che si trovava in una parte di una regione del paese (Tennessee orientale e Carolina del Nord occidentale) dove avevo trascorso la maggior parte della mia vita. Mi sono reso conto subito che la storia valdese, come piccola componente della Chiesa Presbiteriana era concentrata in questa congregazione come la più grande concentrazione di discendenti valdesi negli Stati Uniti. Sono stato anche attratto dalla sua natura compassionevole, dalla sua ineguagliabile testimonianza di fede e dal suo vibrante senso di identità».

 Cosa l’ha spinta a interessarsi così tanto alla storia valdese tanto da tenere ogni anno due predicazioni fondate proprio sulle vicende storiche della Chiesa valdese e a scrivere un libro sull'argomento?

«Ci sono state molte cose che mi hanno colpito, a cominciare dal fatto che la storia valdese è frutto di 850 anni di lavoro, eppure nella storia della Chiesa quella testimonianza di fede è spesso riconosciuta con poco più di una nota a piè di pagina nella storia riformata. Il movimento valdese, iniziato nel 1170, è la più antica testimonianza della chiesa protestante nel mondo. Aggiungete a questo fatto che fin dall'inizio della loro storia, i valdesi furono presi di mira come eretici dalla Chiesa cattolica romana e furono pesantemente perseguitati. Un decennio fa, uno storico della chiesa locale, John Bleynat, identificò 33 diverse persecuzioni valdesi che si verificarono dal XII al XIX secolo. Aggiungerei un'altra persecuzione: durante la Seconda guerra mondiale, i nazisti cercarono di bruciare e distruggere diverse comunità valdesi nelle Alpi italiane. Queste comunità facevano parte del movimento di resistenza contro il fascismo e il nazismo. 850 anni coprono un'epoca ampia e trasformativa del tempo. Mentre esploravo la loro storia, continuavo a scoprire famosi nomi storici che in qualche modo, a livelli diversi, hanno incrociato il loro cammino: Luigi XIV, Oliver Cromwell, John Milton, Napoleone, Giuseppe Garibaldi, Benito Mussolini e una miriade di altri personaggi che hanno avuto un ruolo nella storia valdese. Anche le scuse formali di Papa Francesco, nel 2015, sono state un evento storico importante, poiché era la prima volta in 850 anni in cui la Chiesa cattolica romana ha riconosciuto il suo ruolo nel cercare di distruggere un ramo legittimo della Chiesa universale di Gesù Cristo. Il Papa ha chiesto umilmente perdono al Moderatore valdese. La storia valdese rimane un'emozione da esplorare, anche se il 90% dei libri su di essa sono scritti in italiano o francese».

 Cosa pensa di aver realizzato negli ultimi 13 anni come pastore / educatore di una comunità valdese?

«Al di là della routine dei doveri di un pastore, posso indicare due cose principali. In primo luogo, articolare una comprensione integrata di cosa significhi essere valdese e presbiteriano e, in secondo luogo, integrare la storia di fede valdese con la storia valdese. Dopo aver incontrato il comitato di ricerca dei pastori 13 anni fa e aver confermato con loro la mia interpretazione di come le tradizioni valdesi e presbiteriane siano integrate in questa congregazione, la mia prima predicazione nel 2007 ha comunicato che ci sono due modi per essere valdese. Il primo è genetico, nato da discendenza valdese. La seconda è che i non valdesi rivendichino l'eredità valdese per fede. Il secondo approccio richiede il riconoscimento dei principi fondamentali della fede valdese. Negli anni ho insegnato le credenze dei valdesi sia prima che dopo l'adesione alla Riforma. Queste, unite alla feroce lealtà, determinazione e persistenza di generazioni di valdesi attraverso molti violenti pogrom e orribili forme di persecuzione, hanno contribuito a sviluppare una solida lealtà e discepolato in Gesù Cristo. Anche se perseguitati fino quasi all'estinzione in più di un'occasione, i valdesi il più delle volte non hanno compromesso la loro fede in Cristo. Nel corso dei secoli, molte migliaia di persone hanno preferito morire piuttosto che rinunciare alle loro pratiche e credenze cristiane uniche. Fornire questa comprensione della fede, in particolare attraverso il libro sulla storia valdese, che ho studiato e scritto nel 2018, intitolato "Con le spalle contro le montagne: 850 anni di testimonianza valdese", serve come fonte di comprensione sia della loro fede che per gli anni a venire».

 

 

Interesse geografico: