#ioleggoperché con l’Asilo Valdese di Cerignola

Dal 21 al 29 novembre si può donare un libro per arricchire il patrimonio librario a disposizione dei piccoli lettori e lettrici

Anche l’Asilo Evangelico Valdese di Cerignola aderisce all’iniziativa #ioleggoperché, progetto nazionale di promozione della lettura che prevede anche una raccolta di libri a sostegno delle biblioteche scolastiche.

Una proposta che, in questo caso, punta a mettere in rete ben più di un circuito: non solo quello legato alla promozione della lettura nelle scuole, con la creazione di piccole biblioteche fruibili da bambini e ragazzi grazie al coinvolgimento delle librerie, ma anche la presa in carico, da parte dei membri di chiesa delle comunità valdesi e metodiste, del servizio che viene portato avanti dall’inizio del secolo scorso a Cerignola (Fg) in Puglia.

Il Centro Sociale Evangelico è infatti un’opera diaconale della Chiesa evangelica valdese – Unione delle chiese valdesi e metodiste in Italia, nata nei primi anni del ’900. Inizialmente si costituì la Scuola valdese e successivamente venne aperto, negli stessi locali, anche un maglificio, per promuovere il lavoro femminile a sostegno delle famiglie provate dalla povertà. L’asilo prosegue la sua opera ancora oggi, accogliendo una trentina di bambini dai 2 ai 6 anni e accanto alle attività ordinarie offre diverse opportunità extracurriculari.

Nataly Plavan, diacona in servizio alla chiesa valdese di Cerignola e responsabile dell’Asilo, spiega che «Il Centro Sociale Evangelico ha due principali attività: una scuola dell’infanzia con annessa sezione primavera e un servizio di doposcuola, che aiuta i ragazzi dalla seconda elementare fino alla terza media nello svolgimento dei compiti. Cerchiamo di promuovere il più possibile la lettura e crediamo che le biblioteche scolastiche siano fondamentali per accendere la passione nei confronti dei libri, fin dalla prima infanzia. Abbiamo deciso di aderire a #ioleggoperché per arricchire il patrimonio librario a disposizione dei nostri piccoli lettori e lettrici. Abbiamo attivato i gemellaggi con le librerie partendo da l’Albero dei Fichi, una delle due realtà presenti sull’intero territorio di Cerignola (circa 60mila abitanti) che è prettamente dedicata all’infanzia. Allargando un po’ il raggio abbiamo potuto gemellarci anche con le librerie Claudiana di Roma, Firenze e Torre Pellice».

Un circuito di collaborazione che si pone più di un obiettivo: riempire di libri la biblioteca dell’Asilo valdese, incentivare la frequentazione delle librerie e l’acquisto in questi luoghi d’incontro culturale e invitare i membri delle comunità a prendersi cura di un’opera della chiesa.

«Sosteniamo con convinzione questa proposta e la stiamo pubblicizzando il più possibile tra i membri delle nostre chiese - conferma Debora Michelin Salomon, sovrintendente delle chiese valdesi del I circuito - è certamente un buon modo per chiedere alle persone di andare in libreria. Nello stesso tempo anche per le chiese è una bella occasione per allargarsi e guardare anche alle opere più lontane: l’importanza di aiutare l’Asilo come chiese e comunità, un’iniziativa condivisa che da concretezza al concetto di unione e sostegno reciproco».

Le librerie sono aperte ma si possono contattare anche telefonicamente. «Abbiamo fornito un piccolo elenco di titoli, ma i librai e le libraie sapranno consigliare le scelte migliori. Le comunità possono mettersi d’accordo e fare un’adesione collettiva con una raccolta all’interno delle chiese, per poi creare un ordine unico ad una libreria. La nostra biblioteca interna, per il momento, è piccolina, ma abbiamo molto spazio per riempirla!» conclude Nataly.

Tra il 21 e il 29 novembre 2020 chiunque lo desideri potrà recarsi una delle librerie gemellate all’iniziativa o contattarla telefonicamente: sarà possibile acquistare libri da donare all’Asilo Valdese di Cerignola e ad altre scuole aderenti a #ioleggoperché.

Dettagli e informazioni anche sulla pagina facebook del Centro Sociale Evangelico Cerignola.

 

Interesse geografico: