Chiese indignate per il minimo storico di rifugiati che verranno accolti negli Stati Uniti nel 2021

Un crollo di accoglienze rispetto all'ultimo anno di mandato di Obama. Compresi i cristiani che Trump aveva promesso di difendere 

L'amministrazione Trump ha annunciato il numero massimo di rifugiati che intende ammettere negli Stati Uniti nel prossimo anno e, ancora una volta, si tratta di un minimo storico: 15.000.

Nelle ultime settimane, diverse organizzazioni religiose coinvolte nel reinsediamento dei rifugiati avevano chiesto all'amministrazione di portare quel numero alla sua media passata: 95.000.

«In un momento di necessità globale senza precedenti, la decisione odierna di tagliare ulteriormente il tetto delle ammissioni dei rifugiati è una completa abdicazione del nostro dovere umanitario e morale», ha affermato Krish O'Mara Vignarajah, presidente e Ceo del Lutheran Immigration and Refugee Service (Lirs).

L'amministrazione è tenuta per legge a consultarsi con il Congresso prima di fissare la determinazione presidenziale per l'anno fiscale, che inizia a ottobre.

Il pastore John L. McCullough, presidente di Church World Service, ha definito i tagli e i ritardi dell'amministrazione Trump al programma di reinsediamento dei rifugiati negli Stati Uniti «fallimenti morali e una disgrazia per l'eredità americana dell'accoglienza».

«I nostri valori come nazione e come persone di fede richiedono che agiamo quando le vite delle persone sono in pericolo. Ma negli ultimi tre anni, il presidente Trump e la sua amministrazione si sono allontanati così tanto da questi principi di base in nome dei loro obiettivi crudeli, razzisti e partigiani che il programma salvavita di reinsediamento dei rifugiati è l'ombra di quello che era una volta» ha aggiunto McCullough.

«Esorto tutti gli americani a insistere sul fatto che il Congresso ritenga la Casa Bianca responsabile della gestione del programma per i rifugiati come richiesto dalla legge degli Stati Uniti».

Il tetto per i rifugiati proposto quest'anno è un ulteriore calo rispetto ai 18.000 dell'anno fiscale appena concluso a settembre. Gli Stati Uniti hanno effettivamente reinsediato 11.814 rifugiati in quel periodo, secondo Lirs; il reinsediamento dei rifugiati è stato interrotto a marzo a causa della nuova pandemia di coronavirus.

Il presidente Donald Trump aveva fissato il numero a 45.000 nel suo primo anno in carica, poi a 30.000 e 18.000, ciascuno un minimo storico nel programma di reinsediamento dei rifugiati degli Stati Uniti, che esiste dagli anni '80.

Nei giorni scorsi Trump ha tenuto un discorso a Duluth, Minnesota, sostenendo che il suo sfidante democratico, l'ex vicepresidente Joe Biden, «trasformerà il Minnesota in un campo profughi ... risorse pubbliche travolgenti, scuole sovraffollate e inondando i vostri ospedali». Ha anche affermato che Biden vuole aumentare il reinsediamento dei rifugiati del 700%.

Biden ha affermato in una dichiarazione rilasciata in occasione della Giornata mondiale del rifugiato a giugno che avrebbe aumentato il tetto dei rifugiati a 125.000, che sarebbe un aumento di circa il 700%, ma che in realtà non è molto superiore ai 110.000 dell'ultimo mandato dell'ex presidente Barack Obama, quando Biden era vicepresidente.

L'Hias, Hebrew Immigrant Aid Society, è una delle organizzazioni che ha chiesto all'amministrazione Trump di riportare il numero di ammissioni di rifugiati a una media storica di almeno 95.000.

World Relief ha incoraggiato i cristiani evangelici a chiedere la stessa cosa ai loro funzionari eletti, e Lirs ha inviato una lettera a Trump e al Segretario di Stato Mike Pompeo, accompagnata dalle firme di quasi 250 ecclesiastici della Chiesa evangelica luterana in America.

«L'amministrazione potrebbe aver voltato le spalle ai rifugiati, ma noi di Hias non lo faremo. L'Hias, la comunità ebraica americana, e i nostri partner locali per il reinsediamento in tutto il paese accolgono immigrati e rifugiati da oltre un secolo ", ha affermato Mark Hetfield, presidente e Ceo di Hias.

Il lavoro di aiutare i rifugiati a trovare una casa in America è svolto in gran parte da organizzazioni religiose. Dei nove gruppi autorizzati dal governo degli Stati Uniti a reinsediare i rifugiati, sei rivendicano un'affiliazione religiosa: Hias, World Relief, Church World Service, Lirs, Conferenza dei vescovi cattolici e Ministeri episcopali per la migrazione degli Stati Uniti.

Il Dipartimento di Stato non rende più pubblicamente disponibili una serie di statistiche sui rifugiati ammessi negli Stati Uniti, inclusa la loro affiliazione religiosa.

Un portavoce del dipartimento ha citato due ragioni principali per i cambiamenti, avvenuti venerdì (9 ottobre): lo sviluppo di un nuovo sistema di tecnologia dell'informazione, che non sarà completato fino a dicembre 2021, e le preoccupazioni sulla privacy.

Il cambiamento ha sollevato preoccupazioni in almeno una delle organizzazioni religiose incaricate di reinsediare i rifugiati nel paese. I dati hanno aiutato gruppi come World Relief a verificare se il governo federale è all'altezza delle sue promesse di aiutare coloro che devono affrontare la persecuzione religiosa.

«Certamente renderà più difficile ritenere il nostro governo responsabile dei suoi impegni per proteggere coloro che fuggono dalle violazioni della loro libertà religiosa a livello globale», ha detto Matthew Soerens, coordinatore nazionale dell'Evangelical Immigration Table.

Soerens ha anche affermato di non aver mai sentito preoccupazioni sulla privacy sollevate in merito alle informazioni precedentemente condivise dal Dipartimento di Stato. Tutti questi dati, ha detto, erano aggregati e anonimi.

World Relief, un'organizzazione cristiana evangelica che lavora con il governo degli Stati Uniti per il reinsediamento dei rifugiati, si è basata sui dati del Dipartimento di Stato per documentare ciò che definisce «la sorprendente riduzione del reinsediamento dei cristiani perseguitati e di altre minoranze religiose» in un rapporto pubblicato la scorsa estate con Open Doors USA, ha detto Soerens.

I dati hanno mostrato un calo vertiginoso negli ultimi anni nel numero di rifugiati cristiani ammessi negli Stati Uniti dai 50 paesi in cima alla World Watch List di Open Doors USA. L'elenco annuale tiene traccia dei luoghi in cui i cristiani affrontano la peggiore persecuzione.

Il presidente Donald Trump ha promesso nei suoi primi giorni in carica di rendere l'assistenza ai cristiani perseguitati una priorità per la sua amministrazione.

Ma gli ultimi numeri messi a disposizione dal Dipartimento di Stato - che Soerens ha scaricato venerdì prima che scomparissero dal sito web del dipartimento - mostrano che il numero di cristiani ammessi da quei paesi è sceso dell'83,2% dall'anno fiscale 2016 al 2020.

Solo 2.811 rifugiati cristiani sono stati ammessi negli Stati Uniti dai paesi della World Watch List nell'anno fiscale 2020, conclusosi il mese scorso. Al contrario, 16.714 cristiani di quei paesi erano stati ammessi negli Stati Uniti nell'anno fiscale 2016, l'ultimo anno intero in carica dell'ex presidente Barack Obama.

Complessivamente, 8.720 rifugiati cristiani sono stati ammessi negli Stati Uniti lo scorso anno, con un calo di quasi il 77% dal 2016. Allo stesso tempo, sono stati ammessi 2.600 rifugiati musulmani, in calo più del 90% dall'ultimo anno in carica di Obama.

Interesse geografico: