Protestanti e cattolici tedeschi invitano a un dibattito costruttivo sulle nuove norme europee di asilo

Alla vigilia della videoconfereza di domani 8 ottobre dei ministri dell'Interno dei Paesi europei sulle nuove regole dell'immigrazioni, i responsabili delle chiese tedesche esprimono auspici e perplessità

La videoconferenza di domani (8 ottobre 2020) dei ministri dell'Interno dell'Unione Europea sarà l’occasione per un primo scambio di idee sulle nuove proposte della Commissione europea del 23 settembre 2020 relative al pacchetto di norme su migrazione e asilo. Il rappresentante del Consiglio della Chiesa evangelica in Germania (Ekd), Martin Dutzmann, e il responsabile del Commissariato dei vescovi tedeschi - Ufficio cattolico a Berlino, il prelato Karl Jüsten, invitano i ministri a svolgere un dibattito costruttivo sulle nuove proposte della Commissione europea.

«L'approccio su cui si basano le proposte della Commissione Ue, per rafforzare la coesione europea, anche sui temi controversi dell'asilo e della migrazione, è espressamente da accogliere», spiega il pastore Dutzmann. «Purtroppo, però, il nuovo regolamento per l'asilo e la gestione della migrazione aderisce al principio del precedente regolamento Dublino, ovvero che lo Stato di primo ingresso è solitamente responsabile dello svolgimento della procedura di asilo. Tuttavia, questo è proprio uno dei maggiori problemi nell'attuale pratica» ha aggiunto Jüsten.

Dopodiché, è previsto al momento che le procedure di asilo vengano svolte principalmente negli Stati di frontiera esterna. La procedura di controlli alla frontiera appena annunciata solleva anche numerose preoccupazioni circa l'accesso alla consulenza legale e alle opzioni di protezione legale adeguate ed efficaci, hanno affermato i due. «Non è chiaro poi come in futuro si potranno prevenire le condizioni attuali delle isole greche. C'è anche il rischio che le procedure di asilo al confine, che durano fino a dodici settimane, consolidino condizioni simili alla detenzione. Anche il nuovo meccanismo di solidarietà con un nuovo elemento di promozione del ritorno solleva molte questioni pratiche a questo proposito».

Nel complesso, l'obiettivo del pacchetto è «soprattutto una maggiore protezione delle frontiere esterne, procedure di frontiera accelerate e rimpatri», ha affermato Dutzmann. «Ma riconosciamo anche elementi positivi, come la maggiore attenzione ai gruppi particolarmente vulnerabili o la prevista espansione del concetto di famiglia nel quadro della nuova ordinanza per l'asilo e la gestione della migrazione», ha concluso Jüsten.

I due rappresentanti protestante e cattolico esprimono l'auspicio che la proposta della Commissione possa rilanciare il dibattito bloccato su un sistema comune europeo di asilo e si appellano ai responsabili a non perdere di vista le esigenze di chi cerca protezione e  il rispetto della normativa sui rifugiati.

 

Photo: Gémes Sándor/SzomSzed, il confine serbo ungherese

Tags:

Interesse geografico: