Casa Bianca, il peso delle religioni nel voto

Si avvicinano le elezioni per il nuovo presidente degli Stati Uniti e aumentano i sondaggi sul voto delle varie confessioni religiose

Non c'è elezione statunitense senza i sondaggi sul voto dei credenti. Evangelici e cattolici, riformati storici e musulmani, i leader democratici e repubblicani di volta in volta inseguono i voti delle varie macro categorie con ammiccamenti e promesse.

Negli Stati Uniti le chiese sono esonerate dalle imposte. In cambio, devono mantenere la loro neutralità politica, altrimenti lo status di chiesa può essere loro revocato. Tuttavia, è molto raro che eventuali violazioni siano soggette a sanzioni legali. Ma se le Chiese hanno il dovere di riservatezza, non è il caso dei fedeli. Mentre lo stato non raccoglie informazioni sulla religione dei suoi cittadini, gli istituti di ricerca Pew Research Center e Public Religion Research svelano alcuni dati.

Con circa 70 milioni di fedeli, la Chiesa cattolica romana è la più grande degli Stati Uniti. Più di un terzo dei cattolici sono latinoamericani. Secondo il risultato delle elezioni del 2016, la maggioranza degli elettori cattolici bianchi ha votato per Donald Trump, mentre due terzi dei cattolici latinoamericani hanno preso posizione per la democratica Hillary Clinton.

Oggi, i vescovi cattolici lodano la posizione di Donald Trump contro l'aborto, ma criticano la sua politica sociale e le misure anti-immigrazione. Se eletto il prossimo novembre, il democratico Joe Biden sarebbe il secondo presidente cattolico dopo John F. Kennedy (1961-63).

Secondo il Pew Research Center, i protestanti rappresentavano circa il 43% dei 329 milioni di abitanti che compongono la popolazione degli Stati Uniti nel 2019, una cifra che è in calo da dieci anni e che rimane comunque la più ampia, seppur divisa in molte chiese. Tra i protestanti, possiamo distinguere membri di Chiese tradizionali, come luterani, metodisti, presbiteriani o anglicani, nonché membri di Chiese libere indipendenti e mega-chiese evangeliche, che riuniscono ciascuna diverse migliaia di fedeli. La Southern Baptist Convention, con 14,5 milioni di membri, è la più grande chiesa protestante d'America.

Come i cattolici, i protestanti bianchi e afroamericani restano separati durante le celebrazioni domenicali, una divisione che si riflette anche nelle schede elettorali. Secondo il Pew Research Center, il 57% dei protestanti bianchi ha votato per Donald Trump nel 2016, rispetto a solo il 3% dei protestanti neri.

Public Religion Research identifica il 15% dei cristiani evangelici bianchi tra la popolazione americana. Si trovano principalmente in chiese libere indipendenti, mega-chiese, a volte in chiese tradizionali e sono spesso impegnati in missioni. Organizzati in federazioni, gli evangelici bianchi sono strettamente alleati del Partito Repubblicano. Molti si sentono vittime della rapida evoluzione della società.

Sempre secondo lo studio, gli Stati Uniti hanno sempre più persone senza legami con gruppi religiosi organizzati. Nel 2019, il 26% delle persone intervistate dal Pew Research Center ha dichiarato di non avere una religione fissa, considerandosi agnostici o atei. Nel 2009 solo il 17% di loro rientrava in questa categoria. Una cifra particolarmente marcata tra i giovani, che hanno preso le distanze dalle istituzioni religiose.

Circa il 2% degli americani è ebreo, il 2% è mormone e, secondo il Pew Research Institute, il numero di indù, musulmani e buddisti è stimato rispettivamente all'1%. I mormoni sono considerati repubblicani affidabili. Ebrei, musulmani, indù e buddisti, nel frattempo, votano in modo imprevedibile, con una preferenza per i candidati democratici. La stessa tendenza si osserva tra le persone lontane dalle istituzioni religiose.

Interesse geografico: