Mostra di fotografie di Ettore Serafino a Torre Pellice

Una serie di immagini dedicate alle figure della Resistenza nel Pinerolese negli anni tra il 1943 e il 1945

L’associazione culturale valdese Ettore Serafino e la Fondazione Centro culturale valdese inaugurano sabato 6 settembre a Torre Pellice la mostra di fotografie del comandante partigiano Ettore Serafino.

Come racconta Davide Rosso, direttore della Fondazione Centro culturale valdese, «Serafino è una figura importante, che ha segnato il pinerolese e non solo. Comandante partigiano, ma anche avvocato, appassionato di giornalismo e scrittura per raccontare il pinerolese, la lotta partigiana e le persone che ha incontrato nella sua vita, impegnato nelle attività della chiesa valdese. Con le sue fotografie, Ettore Serafino ci racconta uno spaccato di storia attraverso le figure delle persone che ha incontrato: la mostra presenta proprio immagini di volti, figure intere e gruppi riuniti».

L’immagine diventa un mezzo per trasmettere sentimenti, un’opera di testimonianza per leggere e ricordare la realtà. Nei volti, nel lavoro, negli atteggiamenti e anche negli indumenti delle persone si può capire molto del momento storico vissuto. 
Per Serafino “fare fotografia” diventa momento e parte dell’azione di Resistenza. «Serafino usa la sua personale macchina fotografica, con passione e competenza», aggiunge Rosso. «Sono pochissime le foto in cui si percepisce che i soggetti sono messi in posa. Si tratta di foto di quotidianità, gruppi riuniti con la famiglia, momenti di gioco e di spensieratezza, perché ricordiamoci che i partigiani erano sovente giovani uomini o ragazzi».

L’allestimento è curato dall'associazione culturale valdese Serafino, in particolare dai figli di Ettore, che hanno preparato non solo il percorso fotografico, ma anche le didascalie che spiegano chi sono le persone rappresentate.

«In alcuni casi è stato difficile risalire ai nomi delle persone, la mostra si è arricchita di informazioni e dettagli nel corso delle precedenti esposizioni, grazie anche alla collaborazione dei visitatori. Mi piace pensare che sia una mostra che vive, si sviluppa e cresce ad ogni occasione di visita. Avremo anche un paio di vetrine dedicate agli oggetti che sono serviti a realizzare le fotografie: la macchina fotografica, i provini, i negativi, gli album, delle lettere che ci raccontano un po’ della storia di queste immagini», conclude Davide Rosso.

La mostra sarà visitabile al Centro Culturale Valdese di Torre Pellice fino al 29 novembre, il giovedì, venerdì e domenica dalle 15 alle 18 e il martedì e mercoledì pomeriggio nei momento di apertura della biblioteca.

Per informazioni o prenotazioni è possibile visitare il sito della Fondazione Valdese.

Interesse geografico: