La chiesa evangelica in Germania riabilita i pastori omosessuali perseguitati dai nazisti

Il caso del pastore Friedrich Klein, espulso nel 1943 per il suo orientamento sessuale. Una commissione studierà casi simili, accaduti anche in anni più recenti

La chiesa evangelica di Berlino-Brandeburgo-Slesia Alta Lusazia è la prima chiesa in Germania a riabilitare un pastore omosessuale perseguitato dai nazionalsocialisti. In una cerimonia commemorativa il 1° settembre nella Immanuelkirche di Berlino, il vescovo della Chiesa evangelica di Berlino-Brandeburgo-Slesia Alta Lusazia (Ekbo), Christian Stäblein, ha letto una dichiarazione della direzione della chiesa che ha riabilitato l'immagine pubblica del pastore Friedrich Heinrich Klein. «La revoca dei diritti di ordinazione del pastore Friedrich Klein il 20 gennaio 1943 da parte del concistoro è riconosciuta come un'ingiustizia e dichiarata nulla», dice la risoluzione della leadership della chiesa pubblicata a Berlino una settimana fa.

Nato nel 1905 a Homburg (Saar), Klein fu licenziato durante l'era nazista all'inizio del 1943 come pastore della Immanuelkirche di Berlino per la sua omosessualità dall'allora concistoro della chiesa del la regione di Brandenburgo. La dirigenza della chiesa informò Klein di aver «perso il diritto a tutti i salari e le forniture, nonché l'autorità di utilizzare il titolo ufficiale e i diritti del clero».

Il pastore era stato precedentemente condannato a tre anni di prigione dalla Corte Marziale del Reich nazista nel 1942 per «aver sedotto un uomo di 19 anni con una fornicazione innaturale». Prima è stato imprigionato a Torgau, in Sassonia. Successivamente venne posto in libertà condizionale ed è scomparso dall'agosto 1944, presumibilmente nella zona di Leningrado, inviato a combattere in prima linea nelle file dell’esercito tedesco.

Il pastore odierno della Immanuelkirche, Mark Pockrandt, si è imbattuto nel destino di Klein nel 2018 mentre esaminava i vecchi documenti della chiesa. Il consiglio della chiesa  Immanuel a Prenzlauer Berg ha chiesto quindi alla chiesa regionale «di affrontare la vicenda di Friedrich Klein e riabilitare lui e le altre persone condannate illegalmente». Con questo, la leadership della comunità vuole garantire che la Chiesa evangelica in Germania (Ekd) riabiliti tutti i dipendenti rimossi dal servizio ecclesiastico a causa del loro orientamento sessuale.

l 1° settembre per la pubblica riabilitazione di Klein non è una data scelta a caso. 85 anni fa, il 1° settembre 1935, i nazisti inasprirono la sezione 175 del codice penale del Reich. Dal 1872 rendeva gli atti sessuali tra persone di sesso maschile un reato. Una norma abolita dalla Repubblica federale solo nel 1994.

Il vescovo Stäblein ha sottolineato nel suo sermone che la dichiarazione pubblica della leadership della chiesa su Klein non è semplicemente «qualcosa per dire che ora andrà di nuovo tutto bene». La riabilitazione arriva troppo tardi. «Lo dico con molta attenzione: è un passo sulla via del pentimento», ha detto il vescovo. Anche dopo il 1945, la discriminazione continuò «con le parole e con i fatti, in pubblico e a porte chiuse. Ci siamo sottomessi per troppo tempo, abbiamo accettato tutto, abbiamo soppresso la responsabilità di urlare contro l'ingiustizia e siamo rimasti in silenzio», ha detto Stäblein.

La chiesa regionale non si occuperà solo dei casi di discriminazione sotto i nazisti, ha annunciato il vescovo. A tal fine, dovrebbe essere istituito anche un gruppo di lavoro che si occupi della discriminazione basata sull'identità sessuale fino ad oggi. Tra le altre cose, per l'estate del 2021 è prevista una dichiarazione teologica a riguardo. Inoltre, verrà creato un punto di contatto nella chiesa regionale per le persone colpite da discriminazioni in seno alla chiesa.

Berlino è la prima chiesa protestante regionale in Germania a riabilitare un pastore omosessuale perseguitato dai nazisti. Quanti altri destini come quello del pastore Klein ci sono, nessuno lo sa ancora.

L'Immanuelkirche è piena per celebrare la riabilitazione di Friedrich Klein come i regolamenti lo consentono alla luce della pandemia di Covid-19. Ci sono ottanta o novanta ospiti, inclusi molti omosessuali più anziani. Persone come Lothar Dönitz, che è stato a lungo membro del gruppo di discussione evangelica sull'omosessualità che ha spinto per la riabilitazione di Klein,  che commenta: «Posso solo dire di essere profondamente commosso dalle parole del vescovo. Gli sono grato» dice Dönitz attraverso la sua maschera protettiva color arcobaleno. Stäblein è «il primo vescovo di una chiesa protestante ad aver trovato queste parole». 

 

Foto di Angela Monika Arnol,: l'interno della Immanuelkriche di Berlino

Interesse geografico: