Stati Uniti, la Camera smonta il Muslim Ban

Una nuova legge dovrebbe annullare gli effetti del bando all'ingresso nel Paese per i cittadini di alcune nazioni, per lo più a maggioranza musulmana. Ora c'è lo scoglio del voto al Senato

Per anni, Ramez Alghazzouli ha vissuto in un limbo.

L'immigrato siriano ha trascorso ogni minuto della sua vita dal 2016 a tentare di ricongiungersi con sua moglie, bloccata in Turchia.

«La depressione, l'ansia, la solitudine, l'isolamento - è difficile spiegare i sentimenti che assalgono per non essere in grado di rendere felice mia moglie, di asciugare le lacrime dai suoi occhi»  ha detto Alghazzouli, che vive in Arizona, alla testata giornalistica statunitense Religion News Service in un'intervista telefonica. 

L'anno scorso, dopo la copertura mediatica della loro difficile situazione, alla moglie di Alghazzouli è stato permesso l'ingresso negli Stati Uniti. La coppia aspetta ora il loro primo figlio. Ma la loro eccitazione è stata attenuata, sapendo che ai loro genitori ancora in Siria non sarà permesso di visitarli per aiutarli o tenere il loro bambino. Ora, grazie al voto di ieri l’altro, ha detto, il loro dolore potrebbe presto svanire - per lui e per migliaia di altre famiglie in America e nel mondo.

Mercoledì (22 luglio), la Camera dei rappresentanti controllata dai democratici ha votato per approvare un disegno di legge che abroga i divieti di viaggio dell'amministrazione Trump da diversi paesi, la maggior parte a maggioranza musulmana,  e che limita l'autorità del presidente a emanare tali restrizioni sull'immigrazione.

Il No Ban Act, National Origin-Based Antidiscrimination for Nonimmigrants Act, è stato votato con una maggioranza di 233 a 183, con due voti a favore dei rappresentanti repubblicani Will Hurd e Brian Fitzpatrick.

Il disegno di legge è stato presentato per la prima volta nell'aprile 2019 dall’onorevole Judy Chu. Il senatore Chris Coons ha presentato una proposta parallela al Senato. Un voto della Camera sul disegno di legge era originariamente previsto per marzo, ma è stato ritardato all'ultimo minuto quando il Congresso ha spostato la sua attenzione sullo sviluppo di un piano di risposta alla pandemia.

«Oggi, a quasi tre anni e mezzo dal giorno in cui il presidente Trump ha emesso il suo primo divieto, la Camera dei rappresentanti ha votato per metterci dalla parte giusta della storia, abrogandolo completamente», ha affermato Chu in una nota.

Il disegno di legge abrogherebbe le restrizioni all'ingresso su viaggi e immigrazione da Siria, Iran, Libia, Somalia, Yemen, Venezuela, Corea del Nord e - da febbraio - Nigeria, Sudan, Myanmar, Eritrea, Kirghizistan e Tanzania.

«È come accendere una candela e mostrare finalmente le famiglie separate come noi che vivono nel buio», ha commentato Alghazzouli a RNS. «Ciò dimostra che i musulmani contano e le famiglie contano. Questo dimostra che anche le persone che sono giunte qui da questi paesi sono americane - che la loro religione è americana, i loro nomi sono americani e non sono cittadini di seconda classe». I leader repubblicani e la Casa Bianca sostengono che il disegno di legge indebolirebbe la sicurezza del paese e ostacolerebbe la capacità dell'amministrazione di rispondere allo scoppio del coronavirus.

La nuova norma contiene un'eccezione di sanità pubblica per prevenire la diffusione di «malattie trasmissibili» nonché per problemi di sicurezza nazionale supportati da prove fattuali.

Il disegno di legge modificherà la legge sull'immigrazione e la nazionalità per impedire la discriminazione religiosa nell'emissione di visti e altre indennità di immigrazione. Richiederebbe che eventuali restrizioni di viaggio fossero limitate, temporanee, supportate da fatti credibili e utilizzate se altre opzioni politiche meno drastiche non funzionassero.

Il No Ban Act imporrà inoltre che il presidente si consulti con il Dipartimento per la sicurezza nazionale e il Dipartimento di Stato per poi riferire al Congresso sulla necessità di tali misure.

«Oggi siamo un passo avanti nel garantire che nessun essere umano sia escluso», ha dichiarato Wa’el Alzayat, CEO di Emgage Action. "Il Muslim Ban in tutte le sue iterazioni, è antitetico ai valori americani di parità di trattamento ai sensi della legge».

È improbabile che il disegno di legge venga approvato dal Senato guidato dai repubblicani, il che significa che probabilmente la legislazione non passerà quest'anno. Invece, la questione sarà probabilmente un tema forte delle elezioni del 2020.

Lunedì, il candidato alla presidenza democratica Joe Biden ha promesso di porre fine al divieto «al primo giorno» se eletto. Biden ha descritto il divieto come la mossa iniziale di Trump in una «raffica» di attacchi contro le minoranze.

Il divieto «ha inflitto danni irreparabili ai musulmani qui a casa e in tutto il mondo, una politica che dice che dei musulmani non ci si può fidare», ha affermato la deputata Pramila Jayapal.

«I divieti hanno danneggiato le nostre relazioni con altri paesi, danneggiato i rifugiati, ci hanno isolato dai nostri alleati e hanno dato propaganda agli estremisti per il reclutamento», ha detto. «Soprattutto, non rendono il nostro paese più sicuro».

Anche gruppi per i diritti civili, organizzazioni interreligiose e molte grandi aziende hanno sostenuto la proposta di legge.

Ad aprile, due coalizioni separate di oltre 400 organizzazioni per i diritti civili, religiose, di sicurezza nazionale e di comunità, nonché oltre 300 gruppi e leader religiosi, hanno inviato lettere ai membri del Congresso sottolineando il loro sostegno alla legislazione. Oltre una dozzina di aziende tecnologiche leader, da Airbnb a Twitter, hanno prestato il loro peso alla battaglia.

«Per la prima volta in assoluto, una camera del Congresso ha approvato un disegno di legge sui diritti civili musulmani», ha osservato la direttora esecutiva degli avvocati musulmani Farhana Khera.

«Siamo andati da ufficio a ufficio e da distretto a distretto per ottenere supporto per il No Ban Act e convincere i dirigenti della Camera a renderlo una priorità», ha detto Khera. «Ora dobbiamo portare la lotta al Senato dove ci rifiutiamo di smettere di combattere fino a quando tutti i senatori non ci avranno dato ascolto e il disegno di legge arriverà sulla scrivania del presidente».

Interesse geografico: